Craft Beer Evolution
Home » Opinioni e tendenze

Opinioni e tendenze

Come se fosse un Gin tonic: l’ascesa delle birre ispirate a cocktail, liquori e long drink

Il settore della birra (artigianale) e quello della mixology non sono mai riusciti a convolare pienamente a nozze. Continuando a sfruttare metafore perfette per San Valentino, possiamo affermare per lungo tempo il mondo dei cocktail ha tentato di sedurre quello birrario, senza mai fare breccia nel cuore dei suoi appassionati: questi ultimi hanno continuato a guardare con sospetto qualsiasi miscelato ...

Vai all'articolo »

Viaggio in Slovenia: i pro e i contro di un movimento appena nato

Cosa si può imparare sulla birra da un viaggio a tema in Slovenia? Apparentemente niente di più di quanto uno ha già appreso in tanti anni di “militanza”, oltre che di scorribande birrarie in giro per le nazioni che hanno scritto la storia della bevanda. Eppure visitare una piccola realtà come quella slovena può essere fonte di riflessioni interessanti, che partono da ...

Vai all'articolo »

La controffensiva dell’industria: i locali di Goose Island e il rebrand di Carlsberg

Il 2016 per il nostro settore sarà ricordato come un anno di grandi trasformazioni, in particolare per il modo in cui le multinazionali hanno cercato di controbattere alla crescente popolarità della birra artigianale. Da un lato sono continuate le acquisizioni dei marchi craft, che ad aprile scorso per la prima volta hanno coinvolto anche un microbirrificio italiano (Birra del Borgo); ...

Vai all'articolo »

Da Hibu e Università di Parma un luppolo autoctono lombardo

Lunedì scorso presso il Palazzo Pirelli di Milano si è tenuto un convegno patrocinato dalla Regione Lombardia con la presentazione di un progetto sul luppolo promosso dal birrificio Hibu con l’Università di Parma. Si tratta di un’iniziativa molto interessante, che si prefigge la selezione di un luppolo autoctono lombardo alla fine di un processo di ricerche e sperimentazioni che durerà ...

Vai all'articolo »

Ancora sulle varianti di Ipa: Session, Fruit, Juicy, Sour. Hanno tutte senso?

In un post pubblicato lo scorso maggio analizzammo gran parte delle varianti dello stile Ipa, cercando di capire quelle sensate e quelle decisamente meno ispirate. Il successo mondiale di questo stile – che sembra non voler tramontare – ha nel tempo spinto birrai e operatori del settore a definire delle “mutazioni” del modello di partenza, per creare nuove correnti e ...

Vai all'articolo »

Poli produttivi esperenziali, o della moderna evoluzione di birrificio

In un articolo pubblicato lo scorso luglio qui su Cronache di Birra raccontai dell’ascesa internazionale delle tap room, velocemente trasformatesi da scarne sale di assaggio a veri e propri locali inglobati all’interno dei siti produttivi. In realtà il fenomeno si inserisce in un discorso di più ampio respiro che implica un’evidente mutazione in atto nel concetto stesso di birrificio. L’idea della semplice ...

Vai all'articolo »

Coffee Stout e non solo: l’intrigante incontro tra birra e caffè

Ricordo perfettamente il momento in cui bevvi la mia prima Stout “aromatizzata”. Ero seduto a un tavolino del Dog & Duck di Roma – pub intimistico come pochi, non più attivo da alcuni anni – e Leo, il gestore, mi servì un boccale di Double Chocolate Stout di Young’s. Oggi un prodotto del genere mi lascerebbe piuttosto indifferente, ma è inutile specificare che ...

Vai all'articolo »

Le 5 mosse dell’industria contro la birra craft, un anno dopo

Circa un anno fa pubblicai un post che elencava le 5 mosse con cui l’industria stava cercando di affossare la birra artigianale. Il pezzo prendeva spunto da un analogo articolo del Time, integrandolo con considerazioni personali e con quanto stava accadendo nel mercato italiano. Da allora le notizie sulla guerra tra craft e multinazionali si sono moltiplicate rapidamente e ormai siamo ...

Vai all'articolo »

È nell’illusione della scelta il grande bluff della birra artigianale?

Risale a un paio di settimane fa un articolo di Jack Peat comparso sulla sezione Lifestyle di Huffington Post (edizione britannica), dal titolo piuttosto perentorio: “The homogenisation of the British craft beer industry”. Nonostante il pezzo finisca ben presto per toccare i soliti argomenti triti e ritriti – l’invasione dell’industria nel settore, la posizione dominante di Brewdog – inizia concentrandosi sulla sfacciata ...

Vai all'articolo »

Quando la frutta sposa la birra: l’ascesa internazionale delle Grapefruit Ipa

Nel mio resoconto della scorsa settimana su Fermentazioni 2016 ho evidenziato una delle tendenze dell’edizione appena conclusa: la presenza cioè di diverse Grapefruit Ipa, tutte chiaramente made in Italy. Con questa definizione si indicano India Pale Ale (o derivate) che nella ricetta prevedono l’aggiunta di frutta, secondo una moda in ascesa proprio in questo momento e proveniente – neanche a dirlo ...

Vai all'articolo »