Simatec
Home » Rubriche

Rubriche

Basta! Smetto di fare birra

Forse non tutti lo sanno, ma la vita di noi poveri homebrewer si compone di piccoli istanti di gioia incastrati tra lunghissimi periodi di ansia. La produzione casalinga di birra è un processo teoricamente semplice, ma si struttura in tanti piccoli passaggi che messi insieme assommano a un periodo temporale che può andare da qualche settimana fino a diversi mesi. ...

Vai all'articolo »

Di tatto (e altre sensorialità)

Dove eravamo rimasti? Ah già, qui è dove cerco di rendere chiara e godibile una lettura che non ha le sembianze del rotocalco gossipparo (mettere le mani avanti dovrebbe diventare una specialità olimpica). Quindi dopo aver incontrato il sistema gustativo, è ora la volta di affrontare quello somatosensoriale: applausi per le consistenze corpose, calde e avvolgenti di un Barley Wine, le ...

Vai all'articolo »

Il sistema gustativo: funzionamento, sensazioni e falsi miti

Dopo la lunga (e australiana per qualcuno) pausa di fine anno, rianimo l’attività sinaptica per aggiungere un altro tassello alla nostra rubrica sull’assaggio. Stavamo parlando di olfatto, ricordate? Bene, scendo appena più in basso, spalanco le fauci e vi racconto cosa succede qui. O meglio, ve ne racconto una parte. Sì perché la faccenda è un tantino ingarbugliata, cioè il risultato ...

Vai all'articolo »

Associazioni per homebrewers: quando l’unione fa la forza

Quando iniziai a produrre birra in casa, andai subito alla ricerca di un gruppo locale di homebrewers con cui poter scambiare opinioni e da cui ricevere consigli. Frequentavo un piccolo beershop di Roma, dove passavo spesso quando uscivo dal lavoro per prendermi una birretta e fare quattro chiacchiere con i proprietari del locale in zona Garbatella. Nel beershop trovavo spesso altri ...

Vai all'articolo »

Homebrewing: i principali trend del 2016

Come ho avuto modo di scrivere più volte in questa rubrica, il 2016 ha visto una significativa crescita di interesse verso la produzione casalinga di birra. Quantificare questo incremento non è facile, ma è possibile osservare alcuni trend che ne confermano l’evoluzione in termini generali. Provo a commentare quelli che a me sono sembrati più significativi. Qualsiasi osservazione e integrazione ...

Vai all'articolo »

Sua maestà l’olfatto: percezione e relazione col mondo odoroso

Nel mio “Bignami per assaggiatori nerd” immagino sempre la parte in cui mi si spiega come funziono (quando assaggio) con invidiabile imparzialità e straordinarie doti comunicative, così da farmi raggiungere vette inesplorate di conoscenza con la stessa facilità con cui mi scolo una pinta. Fortuna che non avete le mie stesse aspettative (…), perciò posso rilassarmi e iniziare anti-democraticamente con ciò ...

Vai all'articolo »

Gli homebrewers sono una massa di nerd sfigati

Fare birra in casa non è l’hobby più trendy del mondo. In molti sono convinti che gli homebrewer siano dei nerd, dei tecnici del fai da te, e che di birra ne capiscano molto poco. In effetti, pensandoci bene, i maggiori esponenti del movimento di beer lovers italiani non producono birra in casa. Esiste quasi uno scollamento tra il mondo ...

Vai all'articolo »

Analisi sensoriale vs degustazione: le verità supposte

C’è stato un momento, qualche anno fa, in cui i concetti di degustazione e valutazione che stavo apprendendo hanno iniziato a stridere con la mia idea di realtà. Una realtà che percepivo, quindi vera in quanto vissuta in prima persona, ma talvolta lontana da quella che mi si voleva propinare. Perché il mio percepito era così diverso? Avrei dovuto far mia una verità imposta dall’alto? ...

Vai all'articolo »

I falsi miti sull’homebrewing

A un certo punto, durante le riunioni in famiglia con parenti e conoscenti lontani, esce fuori il tema birra. Quando il parente di quarto grado che vedo una volta l’anno scopre che faccio birra in casa, parte a razzo con le solite domande: “Ah, ti fai la birra da solo a casa? Ma viene buona? Costa tanto? Quanto ci vuole?”. ...

Vai all'articolo »

Birra fatta in casa: quando l’infezione dilaga

Il termine “infetto” mi ha sempre fatto un po’ paura. Lo associo a film catastrofici americani dove una sconosciuta e mortale infezione si diffonde nelle grandi città mentre una manciata di eroi, lanciati in una adrenalinica corsa contro il tempo, tenta di trovare l’antidoto al male oscuro. In realtà, quando si parla di infezioni nel campo birrario, si fa riferimento ...

Vai all'articolo »