Craft Beer Evolution
Home » Eventi » Prossimi eventi birrari: Lambrate in Taberna, Drunken Winter Beer Fest e altri

Prossimi eventi birrari: Lambrate in Taberna, Drunken Winter Beer Fest e altri

lambrate taberna

lambrate tabernaCome ogni venerdì vediamo cosa ci riserva il calendario del perfetto birraiolo per i prossimi giorni. Partiamo subito con il grande appuntamento di lunedì 17 febbraio, quando il Lambrate e le sue birre saranno protagoniste alla Taberna di Palestrina. Per me ci sarà l’onore/onere di condurre la serata, per fortuna sarò ampiamente coadiuvato dal Monarca in persona e dall’ottima cucina della Taberna. Se la prossima settimana si aprirà dunque col botto, terminerà in modo analogo a Quinto Vicentino (VI) con il Drunken Winter Beer Fest del Drunken Duck: una tre giorni di degustazioni, homebrewing e tante birre alla spina. Lo stesso venerdì si terrà invece ad Albano Laziale il battesimo del Birrificio Castelli Romani, mentre passando a marzo, martedì 4 si terrà al Baladin Milano il secondo appuntamento di In salotto con il birraio, iniziativa che proseguirà fino a luglio. Buon fine settimana a tutti!

Il Birrificio Lambrate alla Taberna di Palestrina

A Palestrina (RM) - il 17/02/2014 (scheda)

lambrate tabernaTornano le serate “monografiche” della Taberna di Palestrina (RM) e lo fanno con un nome d’eccezione: direttamente da Milano, il Birrificio Lambrate. L’appuntamento è per lunedì 17 febbraio, quando il Monarca in persona, accompagnato nella conduzione dal sottoscritto, racconterà la storia di uno dei migliori birrifici d’Italia – nonché fresco vincitore degli Italian Beer Awards nella categoria brewpub – e delle sue birre. Le produzioni in degustazione saranno incentrate sui grandi classici dell’azienda: Lambrate, Ghisa, Montestella, Porpora e Imperial Ghisa. Per chi ha conosciuto il produttore meneghino solo recentemente sarà l’occasione per assaporare l’anima di un birrificio che ha profondamente caratterizzato l’approccio alla birra artigianale a Milano.

Come sempre le birre saranno accompagnate dalla fantastica cucina della Taberna. Il menu, ispirato al Manuale pratico di cucina lambratese, sarà il seguente: involtini di gamberetti al curry rosso, variazione di manzo alle birre, orecchiette con ragù bianco di salsiccia alla Magut e peperoni, agnello alla Porpora, torta al cioccolato e peperoncino. Avete già l’acquolina in bocca? Per ulteriori informazioni vi rimando al sito della Taberna. Ci vediamo lì!

Drunken Winter Beer Festival

A Quinto Vicentino (VI) - dal 21/02/2014 al 23/02/2014 (scheda)

drunken winter festIl sempre attivissimo Drunken Duck di Quinto Vicentino (VI) organizza da venerdì 21 a domenica 23 febbraio il suo Drunken Winter Beer Festival. Tutti i giorni sarà presente una moltitudine di birre alla spina (tra cui quelle a marchio Drunken Duck), mentre gli appuntamenti saranno ghiotti e interessanti. Si partirà venerdì 21 con una degustazione di formaggi (e birre, immagino) condotta da Andrea Camaschella, poi sabato 22 con un mini corso di homebrewing comprensivo di cotta pubblica e una degustazione di birre “selvagge” guidata da Kuaska, per chiudere domenica 23 con la prima tappa del Campionato italiano homebrewer di MoBI. Per i dettagli vi rimando al sito web del locale

Presentazione Birrificio Castelli Romani

A Albano Laziale (RM) - il 21/02/2014 (scheda)

acenaconlebirremiralagoTra le beer firm recentemente nate nel Lazio si segnala il Birrificio Castelli Romani, quantomeno per essere la creatura di Paolo Mazzola, ben conosciuto dagli appassionati di più vecchia data. Dopo un periodo di rodaggio, ora l’azienda è pronta a presentarsi ufficialmente con una cena di degustazione condotta da Kuaska, che si terrà venerdì 21 febbraio al ristorante Donna Vittoria di Albano Laziale (RM). Chiaramente protagoniste saranno le produzioni del Birrificio Castelli Romani: Diana di Nemi abbinata a insalata d’orzo, aringa affumicata, finocchio e ravanelli; L’Ariccina abbinata a tortiglioni con specj dop tirolese e crema di birra Ariccina agli scalogni; Pig Floyd abbinata a pollo al miele ed erbe robuste; Giulio Agricola abbinata a Birramisù. Per ulteriori informazioni vi rimando alla pagina Facebook dell’evento.

In salotto con il birraio al Baladin Milano

A Milano (MI) - il 04/03/2014 (scheda)

calendario-completo-499x1024Si chiama In salotto con il birraio il ciclo di appuntamenti che andranno in scena al Baladin Milano ogni primo martedì del mese fino a luglio. Non saranno lezioni birrarie, ma conversazioni informali in cui ogni protagonista racconterà se stesso e le sue birre, accompagnato dal padrone di casa, Teo Musso, e da Kuaska. L’iniziativa ha già visto la partecipazione di Maurizio Ghidetti di Scarampola, mentre le prossime date saranno incentrate su Agostino Arioli del Birrificio Italiano (4 marzo), Luigi D’Amelio di Extraomnes (1 aprile), i ragazzi del Lambrate (6 maggio), Giovanni Campari del Ducato (3 giugno) e Valter Loverier di Loverbeer (1 luglio). Per ulteriori informazioni vi rimando alla pagina Facebook di Baladin Milano.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

birrocco

Ancora eventi per il week end: Birrocco, Local Beer Week e altri

Come ogni venerdì continuiamo il nostro viaggio negli eventi di settembre, che mai come quest’anno ...

Fermentazioni_2016_015

Fermentazioni 2016: il mio (non) resoconto

Come probabilmente avrete notato, negli ultimi giorni l’attività su Cronache di Birra è andata avanti ...

18 Commenti

  1. Ma guarda che novità! Assistiamo alla nascita dell’ennesima beer firm!
    Pare che il movimento birrario italiano si alimenti solo di questo…

  2. Caro Michele ti ringrazio per l’occasione che mi fornisci sul tema tanto dibattuto beerfirm si o no .
    Perchè nasciamo come beerfirm ?
    I costi dell’investimento in un impianto accettabile non sono trascurabili, fra annessi e connessi e opere murarie dalle 200 alle 300.000 euro sono indispensabili, il mercato della birra artigianale non è semplice, sebbene c’è un trend positivo di consumo sempre più numerosi sono i birrifici e la concorrenza è notevole, a meno che non produci birre indimenticabili è sempre più difficile fidelizzare un posto vendita. Nel nostro caso in particolare veniamo da un’estrazione di tipo tecnico/tecnologico la mia e grafica/artistica e comunicativa quella dei miei soci, qualità indispensabili, ma l’esperienza commerciale, imprenditoriale è tutta da creare nelle condizioni di mercato di cui sopra.
    Il progetto nasce da lontano, ben 3 birre su 4 sono saison, tipologia alla quale sono molto legato, sia per le origini contadine di queste birre, sia perchè mi piace molto il profilo aromatico e la specificità dei differenti lieviti. Prove su piccoli impianti, un viaggio un Belgio pianificato durante il quale abbiamo visitato numertosi birrifici produttori di saison, e numerosi affinamenti di ricette hanno preceduto il risultato che presenteremo al Miralago. Certamente non abbiamo approfittato dell’esperienza specifica del birrificio dove produciamo e della cultura dei lieviti liquidi, che abbiamo portato noi, sebbene ci stiamo trovando molto bene per conoscenza dei processi e accuratezza e meticolosità. Parlo di A.F. a Castel San Giorgio (Sa) gestito da bravi imprenditori e con un birraio venezuelano, Leonardo Parilli poco conosciuto, ma decisamente molto bravo, con anni di esperienza di homebrewing alle spalle e scuola con Luigi Serpe di alcuni anni.
    Il progetto prevede anche la produzione di un APA, la Pig Floyd, una linea diversa rispetto a quella delle 3 saison, che fa l’occhiolino al mondo giovanile, in una sorta di sintesi hegeliana fra il mondo giovanile e quello tradizionale della mia generazione , molto conflittuali ma con possibilità di collaborazione iimportanti. Anche nella compagine societaria c’è questa ambivalenza alcuni giovani e altri anziani..anche la quinta birra una Black IPA che vedrà la luce fra un mese, one shot, si rifa a questo mondo .
    Rischio d’impresa ? alcuni dicono che le beer firm non pagano rischio d’impresa..beh oggi in varie fasi del processo abbiamo quasi 100 hl impegnati, vogliamo limitare le rotture di stock..ma credi non ci sia rischio ad avere 100 hl impegnati senza la certezza della vendita, certo un rischio più basso di un investimento di cui sopra, ma certo non rischio zero
    Il quesito di fondo che poni ha a mio avviso un senso, se sei produttore artigiano non puoi non essere a contatto con il prodotto giorno per giorno, nel frattempo noi ci testiamo vediamo che appeal riusciremo ad avere commercialmente ed imprenditorialmente e poi..se avremo le risposte giuste chissà il tempo è sempre galantuomo.

    • alexander_douglas

      Di Saison non ce ne sono mai abbastanza in Italia 😀 detto ciò il progetto “Birrificio Castelli Romani” esiste da ormai dai più di un anno….direi che Paolo è entrato decisamente in punta di piedi in questo mondo e dopo un anno cominciare a raccoglierne i frutti non mi sembra poi sbagliato. Tra l’altro come gli scrissi su fb ( se hai capito chi sono 😀 ) l’ariccina ad esempio per me è una meravigliosa saison tolto quel difettuccio dell’eccesso di carbonazione che mi dicono risolto, e il fatto che abbia ( insieme alle altre produzioni) avuto il riscontro di un tempio romano della birra come il Macche ( che da molto spazio alle nuove piccole realtà) la dice lunga sulla bontà del progetto 🙂

    • Tutto lecito, per carità, ognuno è libero di impostare la propria impresa ed il relativo rischio come meglio crede. Ci mancherebbe!
      Detto questo, il punto non è il -noiosissimo- dibattito sulle beer firm; il punto è che chiamarlo birrificio -quando birrificio non è- risulta un tantino fuorviante, a mio parere.

      • Caro Vale dipende da quanto sei coinvolto se sei birrificio o no, non credo esista una risposta univoca..al solito bisogna conoscere e approfondire.

        • Dipende da quanto sei coinvolto se sei birrificio o no? Ma che significa? Posso capire che ci possa essere ambiguità sul concetto di birraio, anche se non dovrebbe essercene, ma un birrificio è un birrificio, ti assicuro che non ci possono essere dubbi. C’è un laboratorio, e all’interno una sala cottura.

    • Premesso che ho una beer firm anch’io, ma 200/300.000 Euro per un birrificio non corrisponde a verità, t’assicuro che se servissero tassativamente quelle cifre, in Italia col cavolo che ci sarebbero 600 birrifici. Moltissimi l’hanno fatto con la metà ed alcuni con la metà della metà.

      • …Roberto, non so quale marchio di birra tu commercializzi, ma ti posso assicurare che fare impresa è un’altra cosa……”meno della metà della metà”????….cioè 40mila euro…..ma dai lascia lavorare gli imprenditori con quella cifrra ci fai un impianto da 100litri (perchè, sai, oltre l’impianto ci sono cose che DEVI fare che costano altrettanto!!!)…e con un impianto da 100litri fai la birra “di nascosto”.

        Auguri

    • Il progetto beer firm lo vedo di buon occhio solo se propedeutico all’apertura di un birrificio. E, naturalmente, se c’è dietro uno che la birra la sa fare davvero.
      Altrimenti, se ne può fare volentieri a meno.

    • Un grande in bocca al lupo Paolo.

    • Caro Paolo, lo sai che ti voglio bene e che ti stimo, ma quando dici che 100hl sono “rischio di impresa” mi viene da sorridere….perdonami, ma 100hl sono + o – 20keuro…al costo (il costo di una macchina media)..quando apri un birrifficio, come hai giustamente detto e con buona pace di tal Robero, il rischio di impresa è almeno 10 volte tanto.
      La birra, come ci hai spesso insegnato, NON è una buona ricetta (ormai scaricabile dalla rete), ma la dedizione alla sanificazione, al tipo di impianto e dal controllo delle temperature di mash, alle temperature di cantina, alla scelta delle materie prime, al decidere quando fare il dry, agli spurghi……e per fare questo serve il birraio (non serve necessariamente il Mastro) e la sua squadra…..

      ……c’era una publicità una volta che diceva “il modo migliore per fare le cose è farle fare agli altri”…..ma era una pybblicità di servizi non di produzione.

      CONDIVIDO il tuo progetto e ti auguro di aprire il prima possibile, ma ti prego di non enfatizzare il vostro lavoro a discapito dei birrifici veri, può risultare offensivo…

      Questo ha portato la proliferazione di progetti DOVE SI RICERCA SOLO IL PREZZO…..basta avere quei 3000euro (di rischio d’impresa), e farsi fare birra dal migliore offerente……sapessi quante mail mi arrivano…

      …che poi….ma se devo fare una birra e farla bene e venderla a 2euro al litro, non pensate che potrei metterla sul mercato a quel prezzo sbaragliando il campo?
      😉

      un abbraccio

      • Andrea è chiaro che il rischio di impresa di un birrificio è molto maggiore…ma essere una brava e competitiva beerfirm non è solo nella gestione della ricetta, ma condividere le varie fasi del processo, valutarne i punti deboli, concepire le modifiche e gli affinamenti alla ricetta..e per tutto questo ci vuole cervello e conoscenza. M

        • Decidere insieme il dry, le procedure di sanificazione, le maturazioni, le filtrazioni possibili, i il digarmma di cottura, le modalità di ggiunta spezie, le repliche dei lieviti..etc.
          Non vorrei però che ciò significhi sminuire il lavoro di chi la birra ce la fa, e lo ripeto nel caso specifico di Aeffe ho trovato competenza e meticolosità, io stesso ho imparato un sacco di cose ed insieme penso stiamo crescendo.
          Se dobbiamo essere equilibrati ti do ragione che il rischio d’impresa nostro è più basso di quello di un birrificio ed anche notevolmente più basso, ma non è nemmeno vero che non si collabori alla gestione di tutte le fasi del processo.

  3. Er poeta accurturato

    Caro Turco, capisco che er detto dice che ce vole un roscio pe’ comitiva e er Tabberna in tal senso aiuta manco poco e che tu forse c’hai casa a Palestrina pe’ passa l’estati più fresche ma io che ancora abito a San Basilio come faccio a tornà da laggiù a qua dopo ‘na degustazzione? Che mo’ ok che so robbe d’assaggi e nun fa na piega..ma lo sapemo tutti che poi come ar solito finisce in caciara e che fai: du litri nte li bevi? Da Palestrina a Samba le guardie me se bevono 7 vorte (poi se me dici che basta dije che so amico der roscio allora è tutto n’artro discorso). Che poi è pure lunedì, a ggente er giorno dopo lavora (io no pe’ fortuna, che qui a San Basilio se lavora solo la sera). Allora dimola tutta e dimo pure che er Monarca er prossimo fine settimana sta a Trastevere co Stavio e l’amici Pontini. Alle brutte lì te fai du’ chiacchiere coi bangla sur notturno, che poi du palle: parlano solo der Fantacalcio e mettono sempre Totti titolare, pure quando sta ‘n tribbuna. Sapessi le vorte che m’è successo caro Turco..

    • Andrea Turco

      Caro er mio poeta, sapessi le vorte in cui me so trovato cor dilemma: che faccio, ce vado o nun ce vado a Palestrina? Er viaggio è lungo e tortuoso e poi er giorno dopo, come dici, se lavora. Trabajo e sudor, come insegnava quello spagnolo de strane idee carcistiche che per poco nun ce mannava in B, l’anima de li mejo mortacci sua. E allora lo sai che ho fatto? Me so trovato un autista, che me scarozza all’andata e al ritorno. A vorte la soluzione è quella più facile, come diceva er grande scienziato. O forse nun so, era ‘n poeta, proprio come te.

      • Vai che una serata con le birre del Lambrate non è mai sprecata ! La prossima volta però fatevi portare pure un fusto di Sant’Ambroeus che merita davvero 😉

      • Oppure prendi un taxi…
        In fondo non è così complicato guidarlo. Il problema è trovare un tassista che te lo presta. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *