Cimec
Home » Media, libri e pubblicazioni » Guida alle Birre d’Italia 2017: tutte le birre premiate

Guida alle Birre d’Italia 2017: tutte le birre premiate

Tra qualche giorno nelle edicole italiane sarà disponibile la Guida alle Birre d’Italia 2017, la pubblicazione di riferimento per orientarsi tra le produzioni artigianali (e non) del nostro paese. Edita da Slow Food, giunge quest’anno alla sua quinta edizione, proseguendo su quella strada definita in passato e soprattutto riprendendo l’ottima impostazione generale della precedente versione. In particolare il pezzo forte della guida è rappresentato dall’ampia copertura di tutto il territorio nazionale, grazie al quale l’esercito di collaboratori ha potuto censire circa 500 aziende brassicole – un incremento che, se non vado errato, dovrebbe essere superiore al 50% rispetto all’ultima edizione . Tuttavia sono i riconoscimenti per birre e birrifici ad attirare l’attenzione del pubblico, assegnati sulla base di diversi criteri. Oggi sono stati svelati i primi.

Secondo una formula ormai consolidata, i “premi” sono divisi in tre tipologie. Le Birre Slow sono quelle che oltre a un alto valore organolettico, sono in grado di emozionare raccontando la storia si un territorio o di una realtà particolare. Le Birre Quotidiane sono quelle che oltre a un elevato livello qualitativo si distinguono per equilibrio, semplicità e piacevolezza. Infine le Grandi Birre sono quelle di assoluto valore organolettico, da non perdere per nessun motivo al mondo. L’importante novità di quest’anno è che nella guida sono entrate anche le beer firm, ma solo limitatamente a quelle fattispecie che riportano in modo chiaro e trasparente l’indicazione del birrificio o dei birrifici ai quali si appoggiano.

Ecco di seguito l’elenco di tutti i riconoscimenti:

Le Birre Slow

Abruzzo
Farrotta – Almond ‘22, Loreto Aprutino (PE)
Deep Underground – Opperbacco, Notaresco (TE)
Violent Shared – Opperbacco, Notaresco (TE)
Novi Luna – Maiella, Pretoro (CH)

Calabria
Frambueza – ‘A Magara, Nocera Terinese (CZ)

Campania
Centesimale – Karma, Alife (CE)
Once Upon A Time Botte di Amarone – Il Chiostro, Nocera Inferiore (SA)
Belle Saison – Birrificio dell’Aspide, Roccadaspide (SA)

Emilia-Romagna
Okie Matilde – Toccalmatto, Fidenza (PR)
Stray Dog – Toccalmatto, Fidenza (PR)
Verdi Imperial Stout – Birrificio del Ducato, Soragna (PR)

Friuli Venezia Giulia
Durgnês – La Birra di Meni, Cavasso Nuovo (PN)
Hopfelia – Foglie d’Erba, Forni di Sopra (UD)

Lazio
Enkir – Birra del Borgo, Borgorose (RI)
Re Ale – Birra del Borgo, Borgorose (RI)
Sedicigradi in Anfora – Birra del Borgo, Borgorose (RI)

Liguria
Extra Brune – Maltus Faber, Genova

Lombardia
22 La Verguenza – Menaresta, Carate Brianza (MB)
Punks Do It Bitter – Elav, Comun Nuovo (BG)
Nigredo – Birrificio Italiano, Limido Comasco (CO)
Tipopils – Birrificio Italiano, Limido Comasco (CO)
Blond – Extraomnes, Marnate (VA)
Ghisa – Lambrate, Milano
O.G. 1111 – Carrobiolo, Monza
Confine – Bi-Du, Olgiate Comasco (CO)

Marche
Carmenta – Le Fate, Comunanza (AP)
Mu Pils- Mukkeller, Porto Sant’Elpidio (FM)
Fleur Sofronia – MC77, Serrapetrona (MC)

Piemonte
Monflowers – Civale, Alessandria
Pils – Birra Elvo, Graglia (BI)
BeerBrugna – LoverBeer, Marentino (TO)
Saison de l’Ouvrier – LoverBeer, Marentino (TO)
Mummia – Montegioco, Montegioco (AL)
Quarta Runa – Montegioco, Montegioco (AL)
Tibir – Montegioco, Montegioco (AL)
Dike – Birrificio Pinerolese, Pinerolo (TO)
Mama Kriek – Baladin, Piozzo (CN)
Terre – Baladin, Piozzo (CN)
Xyauyù – Baladin, Piozzo (CN)
Ipè Harvest – San Paolo, Torino
Rus – Croce di Malto, Trecate (NO)
Piedi Neri- Croce di Malto, Trecate (NO)
Hell Rice – BSA, Vercelli
Daü – Troll, Vernante (CN)
Panada – Troll, Vernante (CN)
Motor Oil – Beba, Villar Perosa (TO)
Numero Uno – Beba, Villar Perosa (TO)

Puglia
Arsa – Birranova, Conversano (BA)
Super Tramp 3 – Decimoprimo, Trinitapoli (BT)

Sardegna
BB7 – Barley, Maracalagonis (CA)
BB10 – Barley, Maracalagonis (CA)
BBevò – Barley, Maracalagonis (CA)

Toscana
Vecchia Bastarda – Amiata, Arcidosso (GR)
St. Julienbach- Piccolo Birrificio Clandestino, Livorno
Brùton – Brùton, Lucca

Trentino-Alto Adige
UrPorter – Batzen, Bolzano-Bozen

Veneto
Scarlet – Ofelia, Sovizzo (VI)

Beer Firm
Yellow Doctor – Black Barrels, Torino

Le Birre Quotidiane

Abruzzo
Hopcasc – Delphin, Altino (CH)
Birrantonio – Bibibir, Castellalto (TE)
T.A.C. – La Casa di Cura, Crognaleto (TE)
Weizen – AnBrA, Fossa (AQ)
Fredric – Almond ‘22, Loreto Aprutino (PE)
Tripping Flowers – Opperbacco, Notaresco (TE)
Scotch Ale – San Giovanni, Roseto degli Abruzzi (TE)

Basilicata
Zhytum – Jazz, Bernalda (MT)

Calabria
Arzura – Limen, Siderno (RC)

Campania
Kölsch – Saint John’s, Faicchio (BN)
Parthenope – Birrificio Sorrento, Massa Lubrense (NA)
Nefeli – Bella ‘Mbriana, Nocera Inferiore (SA)
Blonde – Birrificio dell’Aspide, Roccadaspide (SA)

Emilia-Romagna
Giò Pils – Oldo, Cadelbosco di Sopra (RE)
8bre – Valsenio, Casola Valsenio (RA)
Millemosche – Mazapégul, Civitella di Romagna (FC)
Tzara – Dada, Correggio (RE)
Re Hop – Toccalmatto, Fidenza (PR)
Pasha – Farnese, Fontevivo (PR)
Borgata – La Buttiga, Piacenza
Sophia – La Buttiga, Piacenza
Armonia – La Vallescura, Piozzano (PC)
Latte Più – Retorto, Podenzano (PC)
New Morning – Birrificio del Ducato, Soragna (PR)
Levante – Statale Nove, Valsamoggia (BO)

Friuli Venezia Giulia
Babél – Foglie d’Erba, Forni di Sopra (UD)
Praforte Bionda – Praforte, Travesio (PN)

Lazio
Gallagher Stout – Hilltop, Bassano Romano (VT)
CastagnAle – Birra del Borgo, Borgorose (RI)
Amber Oatmeal – Vento Forte, Bracciano (RM)
La Calavera – Birrificio Pontino, Latina
Area 51 – Free Lions, Tuscania (VT)

Liguria
Apa – Birrificio Finalese, Finale Ligure (SV)
Amber Ale – Maltus Faber, Genova
Bianca – Maltus Faber, Genova
Blonde – Maltus Faber, Genova
Birra del Lupo – Scarampola, Millesimo (SV)

Lombardia
BackDoor Bitter – Orso Verde, Busto Arsizio (VA)
Wabi – Orso Verde, Busto Arsizio (VA)
San Dalmazzo – Menaresta, Carate Brianza (MB)
Spaceman – Brewfist, Codogno (LO)
No War – Elav, Comun Nuovo (BG)
Tzunami – Hop Skin, Curno (BG)
Seta – Birrificio Rurale, Desio (MB)
Seta Special – Birrificio Rurale, Desio (MB)
Albarossa – Valcavallina, Endine Gaiano (BG)
Calypso – Valcavallina, Endine Gaiano (BG)
Sunflower – Valcavallina, Endine Gaiano (BG)
Bitterland – Doppio Malto, Erba (CO)
Brass Weiss – Doppio Malto, Erba (CO)
Rust Ale – Doppio Malto, Erba (CO)
Malombra – Endorama, Grassobbio (BG)
Milkyman – Endorama, Grassobbio (BG)
Vermillion – Endorama, Grassobbio (BG)
Delia – Birrificio Italiano, Limido Comasco (CO)
Fiordalisa – Manerba, Manerba del Garda (BS)
Lupululà – Manerba, Manerba del Garda (BS)
Weiss – Manerba, Manerba del Garda (BS)
Hopbloem – Extraomnes, Marnate (VA)
Montestella – Lambrate, Milano
ArtigianAle – Bi-Du, Olgiate Comasco (CO)
Rodersch – Bi-Du, Olgiate Comasco (CO)
USA – Etnia, Sant’Alessio con Vialone (PV)
La Grigna – Birrificio Lariano, Sirone (LC)
RebHell – The Wall, Venegono Inferiore (VA)
Framboisette – Stradaregina, Vigevano (PV)
La Sciresina – Stradaregina, Vigevano (PV)
Wave Runner – Hammer, Villa d’Adda (BG)

Marche
Phili – Birrificio del Gomito, Agugliano (AN)
Lunilia – Le Fate, Comunanza (AP)
Vintora – Oltremondo, Montemaggiore al Metauro (PU)
Golden Hair – 1965, Osimo (AN)
Bastogne – MC77, Serrapetrona (MC)
Helvia – Il Mastio, Urbisaglia (MC)

Molise
Caramhell – La Fucina, Pescolanciano (IS)

Piemonte
Bohemian Pilsner – Canediguerra, Alessandria
Horus – Civale, Alessandria
Tempore – Civale, Alessandria
Bunpat Chiara – Sagrin, Calamandrana (AT)
Bianca Castion – Rolio, Canelli (AT)
Pils – Aleghe, Coazze (TO)
Belle Verte – Gedeone, Costa Vescovato (AL)
Bianca Estate – Gedeone, Costa Vescovato (AL)
Schwarz – Elvo, Graglia (BI)
Essenziale – Birrificio della Granda, Lagnasco (CN)
Missis Ipa – Birrificio della Granda, Lagnasco (CN)
Desert Session – CitaBiunda, Neive (CN)
Elegia – Nuovo Birrificio Nicese, Nizza Monferrato (AT)
Filare – Pasturana, Pasturana (AL)
Kauss Bionda – Kauss, Piasco (CN)
Kefi – Birrificio Pinerolese, Pinerolo (TO)
Ker – Birrificio Pinerolese, Pinerolo (TO)
Isaac – Baladin, Piozzo (CN)
Castanea – San Paolo, Torino
Pecan – San Paolo, Torino
Hauria – Croce di Malto, Trecate (NO)
slurp! – SorAlaMA’, Vaie (TO)
Fog – BSA, Vercelli
Birbetta – Troll, Vernante (CN)
Brunalpina – Troll, Vernante (CN)
Grafite – Beba, Villar Perosa (TO)
Loredo – Beba, Villar Perosa (TO)

Puglia
Hangback – Birranova, Conversano (BA)
Linfa – Birranova, Conversano (BA)
Blanche – Ebers, Foggia (FG)
Hopsfall – Ebers, Foggia (FG)
Terrarossa – B94, Lecce (LE)
Barbarossa – Birrificio Svevo, Modugno (BA)

Sardegna
Macca Meda – Barley, Maracalagonis (CA)
492 Riff – P3 Brewing, Sassari

Sicilia
American Pale Ale – Alveria, Canicattini Bagni (SR)
Timpa – Yblon, Ragusa
Cerere – Epica, Sinagra (ME)
Eolo – Epica, Sinagra (ME)

Toscana
Gatta Nera – Piccolo Birrificio Clandestino, Livorno
Riappala – Piccolo Birrificio Clandestino, Livorno
Lilith – Brùton, Lucca
Stoner – Brùton, Lucca
Trentino-Alto Adige
Vienna Hell – Batzen, Bolzano-Bozen
Dunkel – Rienzbräu, Brunico-Bruneck (BZ)
Weizen – Birrificio Val Rendena, Giustino (TN)
Froggy Hops – Birra del Bosco, San Michele all’Adige (TN)

Umbria
Nobile – Birrificio dell’Eremo, Assisi (PG)
Bionda – Nursia, Norcia (PG)
Apache – Bro, Terni
Calibro7 – Birra Perugia, Torgiano (PG)

Veneto
Brad Ipa – Bradipongo, Colle Umberto (TV)
Cibus – BirrOne, Isola Vicentina (VI)
Strike – BAV, Martellago (VE)
Sayamè – Sognandobirra, Oderzo (TV)
Oppale – 32 Via dei Birrai, Pederobba (TV)
Tre + due – 32 Via dei Birrai, Pederobba (TV)
Seducente – Camerini, Piazzola sul Brenta (PD)
Nevermild – Ofelia, Sovizzo (VI)
Ai Tadi – Birrificio Antoniano, Villafranca Padovana (PD)

Beer Firm
James Blonde – 100Venti, Borgomanero (NO)
Bulan – Antagonisti, Melle (CN)
Upekkha – Beertola, Cuneo
Jana – Bellazzi, Bologna
Pilsen – Birra Riccardi, Cuneo
La Sveltina – Il Birrificio Inesistente, Castel Goffredo (MN)
Royale Rocket – Birrifirma, Sant’Elpidio a Mare (FM)
Blanche – Black Barrels, Torino
R.I.P.: rest in pils – Carlo Eugenio Fiorani, Castelverde (CR)
Clan!Destino? – Clan!Destino?, San Marzano Oliveto (AT)
Frè Bionda – Frè, Carrù (CN)
Apaloosa – Kashmir, Filignano (IS)
Don Zaucher – Stavio, Roma
Project 42 – Tre Pupazzi Brewery, Lecco
Lòertis – Via Priula, San Pellegrino Terme (BG)
La Rosa! – Via Priula, San Pellegrino Terme (BG)
Polaris – Zanna Beer, Lestizza (UD)

Le Grandi Birre

Abruzzo
Vedo Quadruplo – Bibibir, Castellalto (TE)
Black Diamond – ANBRA, Fossa (AQ)
45 lune – Almond ‘22, Loreto Aprutino (PE)
Hibernum – Almond ‘22, Loreto Aprutino (PE)
Maxima – Almond ‘22, Loreto Aprutino (PE)
10 e lode – Opperbacco, Notaresco (TE)
6sonIpa – Opperbacco, Notaresco (TE)
Bucefalo – Maiella, Pretoro (CH)
Gaudium – Ordeum, Tollo (CH)

Calabria
Magarìa – ‘A Magara, Nocera Terinese (CZ)
Mìerula – ‘A Magara, Nocera Terinese (CZ)

Campania
Amber Doll – Karma, Alife (CE)
Carminia – Karma, Alife (CE)
Na’ Tazzulella ‘e Cafè – Karma, Alife (CE)
La Première Blu – Lievito e Nuvole, Avella (AV)
Rudeboy – Rudeboy, Buonabitacolo (SA)
Sta Sciroccata – Stimalti, Carinola (CE)
Nera a metà – Aeffe, Castel San Giorgio (SA)
Syrentum – Birrificio Sorrento, Massa Lubrense (NA)
Eikon Pacific Stout – Birrificio Borrillo, Molinara (BN)
Nadir – Il Chiostro, Nocera Inferiore (SA)
Gairloch – Birrificio dell’Aspide, Roccadaspide (SA)
Zarina – Birrificio dell’Aspide, Roccadaspide (SA)

Emilia-Romagna
Befana Befana – Mazapégul, Civitella di Romagna (FC)
Terzo Tempo – Argo, Collecchio (PR)
Gattomao – Dada, Correggio (RE)
Dr. Caligari – Toccalmatto, Fidenza (PR)
Vecchio Bruno – Toccalmatto, Fidenza (PR)
Birra Doppio Malto (Castagna affumicate e ginepro) – Beltaine, Granaglione (BO)
Panil Barriquée Sour – Birrificio Torrechiara, Langhirano (PR)
Morning Glory – Retorto, Podenzano (PC)
Malalingua – Retorto, Podenzano (PC)
Rye Charles – Vecchia Orsa, San Giovanni in Persiceto (BO)
Lova – La Mata, Solarolo (RA)
Beersel Morning – Birrificio del Ducato, Soragna (PR)
Oro Nero – Birrificio Ex Fabrica, Vigolzone (PC)

Friuli Venezia Giulia
Kolsch – Borderline, Buttrio (UD)
IPA – Borderline, Buttrio (UD)
Robust Porter – Borderline, Buttrio (UD)
Opalita – Garlatti Costa, Forgaria nel Friuli (UD)
A Freewheelin’I.P.A. – Foglie d’Erba, Forni di Sopra (UD)
Hot Night at the Village – Foglie d’Erba, Forni di Sopra (UD)
Hot Night at the Village Breakfast Edition – Foglie d’Erba, Forni di Sopra (UD)

Lazio
ZenZero – Hilltop, Bassano Romano (VT)
Duchessic – Birra del Borgo, Borgorose (RI)
Vecchia Ducale – Birra del Borgo, Borgorose (RI)
7vene – Birrificio Aurelio, Cerveteri (RM)
Orange Poison – Birrificio Pontino, Latina
SeraNera – Eastside, Latina
Urbe – Eternal City Brewing, Roma
Agreste Fidelis 2013 – Free Lions, Tuscania (VT)
Ossi di Seppia Sour – Turan, Viterbo

Liguria
Imperial – Maltus Faber, Genova
Triple – Maltus Faber, Genova
St. Amè – Scarampola, Millesimo (SV)

Lombardia
Due di Picche – Menaresta, Carate Brianza (MB)
Green Petrol – Brewfist, Codogno (LO)
X-Ray – Brewfist, Codogno (LO)
Aeresis Black Ale – Elav, Comun Nuovo (BG)
Castigamatt – Birrificio Rurale, Desio (MB)
Dark Side – Valcavallina, Endine Gaiano (BG)
Zingibeer – Doppio Malto, Erba (CO)
Dark Age – Gambolò, Gambolò (PV)
Nowhere – Gambolò, Gambolò (PV)
Caliban – Endorama, Grassobbio (BG)
Amber Shock – Birrificio Italiano, Limido Comasco (CO)
Scires – Birrificio Italiano, Limido Comasco (CO)
Sparrow Pit – Birrificio Italiano, Limido Comasco (CO)
Rebuffone – Manerba, Manerba del Garda (BS)
Imperial Ghisa-Lambrate, Milano
Pils – Carrobiolo, Monza
Tripel – Carrobiolo, Monza
Scura – Pratorosso, Settala (MI)
Kamchatka – Il Conte Gelo, Vigevano (PV)
Christmas Frater Reserva – Stradaregina, Vigevano (PV)
Bulk – Hammer, Villa d’Adda (BG)
Killer Queen – Hammer, Villa d’Adda (BG)
Marche
Calix Niger – Birrificio dei Castelli, Arcevia (AN)
Extrema Ratio – Birrificio dei Castelli, Arcevia (AN)
New Order – Birrificio RentOn, Fano (PU)
Black Mama – Carnival, Offida (AP)
Devastator – Mukkeller, Porto Sant’Elpidio (FM)
Hattori Hanzo – Mukkeller, Porto Sant’Elpidio (FM)
Breaking Hops – MC77, Serrapetrona (MC)
Visciole al Sole – MC77, Serrapetrona (MC)
Drum Barrel – Il Mastio, Urbisaglia (MC)

Piemonte
Brown Porter – Canediguerra, Alessandria
Double Ipa – Canediguerra, Alessandria
Lumina – Civale, Alessandria
Punto di Fuga – Civale, Alessandria (AL)
M97 – Laval, Avigliana (TO)
St. Louis – Birrificio dei Santi, Castelnuovo Don Bosco (AT)
St. Ralph – Birrificio dei Santi, Castelnuovo Don Bosco (AT)
Sciura – Balabiòtt, Domodossola (VB)
Doppel Bock – Elvo, Graglia (BI)
Heller Bock – Elvo, Graglia (BI)
Sirena – Birrificio della Granda, Lagnasco (CN)
Saison de l’Ouvrier Griotta – LoverBeer, Marentino (TO)
Nebiulin-a – LoverBeer, Marentino (TO)
Dama Brun-a – LoverBeer, Marentino (TO)
Chocarrubica – Grado Plato, Montaldo Torinese (TO)
Bran – Montegioco, Montegioco (AL)
Open Mind – Montegioco, Montegioco (AL)
Biancaneive – CitaBiunda, Neive (CN)
Filo di fumo – Pasturana, Pasturana (AL)
Super – Baladin, Piozzo (CN)
Lune – Baladin, Piozzo (CN)
King Enri III – Un Terzo, Pralungo (BI)
Nocturna – Kamun, Predosa (AL)
Nucis – Kamun, Predosa (AL)
Turnerly – La Piazza, Torino
Grape-Frua – San Paolo, Torino
Robinia – San Paolo, Torino
Magnus – Croce di Malto, Trecate (NO)
Temporis – Croce di Malto, Trecate (NO)
Funky – BSA, Vercelli
Fifteen Years – Beba, Villar Perosa (TO)

Puglia
Moscata – Birranova, Conversano (BA)
Tensione Evolutiva – Birranova, Conversano (BA)
Winters – Ebers, Foggia
Warning Hop – B94, Lecce
Fortemalto – Birrificio Svevo, Modugno (BA)
Hirderga – Decimoprimo, Trinitapoli (BT)

Sardegna
BB Boom – Barley, Maracalagonis (CA)
Toccadibò – Barley, Maracalagonis (CA)
Flavia – Rubiu, Sant’Antioco (CI)
100 Nodi – P3 Brewing, Sassari
Gare de Roubaix – Mezzavia, Selargius (CA)
Nautilus – Mezzavia, Selargius (CA)

Sicilia
Bionda II – 24 Baroni, Nicosia (EN)
Tempora – Cantirrificio Vittoria, Vittoria (RG)

Toscana
Briscola – Amiata, Arcidosso (GR)
JRubra – J63, Crespina (PI)
La Fortezza – Piccolo Birrificio Clandestino, Livorno
Montinera XL – Piccolo Birrificio Clandestino, Livorno
St. Renna – Brùton, Lucca
La Mancina – Birrificio del Forte, Pietrasanta (LU)
Regina Del Mare – Birrificio del Forte, Pietrasanta (LU)
La 10000 – Math, Tavarnelle Val di Pesa (FI)

Trentino-Alto Adige
Dunkel – Batzen, Bolzano-Bozen
Colonial – Batzen, Bolzano-Bozen
Aqvila – Birra Pejo, Peio (TN)
Ginevra – Birrificio Artigianale Leder, Pieve di Ledro (TN)
MariaMata – Birrificio Rethia, Vezzano (TN)

Umbria
Glaciale – Birrificio dell’Eremo, Assisi (PG)
Genesi – Birrificio dell’Eremo, Assisi (PG)
Extra – Nursia, Norcia (PG)
Barley Wine 2014 – Birra Perugia, Torgiano (PG)
Chocolate Porter – Birra Perugia, Torgiano (PG)

Veneto
Bela Lugosi – Acelum, Castelcucco (TV)
Bruska – Birrone, Isola Vicentina (VI)
Gerica – Birrone, Isola Vicentina (VI)
China – Birrone, Isola Vicentina (VI)
Dingo – BAV, Martellago (VE)
Matrioska – BAV, Martellago (VE)
Audace – 32 Via dei Birrai, Pederobba (TV)
Gast – La Gastaldia, Pieve di Soligo (TV)
Molo – Ivan Borsato, Povegliano (TV)
Uill Iu Bai – Ofelia, Sovizzo (VI)
Ponte Molino – Birrificio Antoniano, Villafranca Padovana (PD)

Beer firm
Sex Porter – 100Venti, Borgomanero (NO)
Anastro – Antagonisti, Melle (CN)
Metta – Beertola, Cuneo
Vor – Bellazzi, Bologna
Carata – Costa Est, Pesaro
Galassia – Galassia, Castelcucco (TV)
Noir – Monkey Beer, Ostellato (FE)
Neu Amber Ale – Neu Alt Brewing Firm, Prato
Citra – Terrantiga, San Sperate (CA)
Camoz – Via Priula, San Pellegrino Terme (BG)
Morosa – Via Priula, San Pellegrino Terme (BG)

I riconoscimenti assegnati quest’anno sono stati quasi 400 su più di 2.600 birre assaggiate. Tra le regioni più “premiate” troviamo il Piemonte (77) e la Lombardia (71), mentre rispetto alla precedente edizione assistiamo all’ingresso del Trentino-Alto Adige (6 birre segnalate, la metà delle quali del birrificio Batzen), del Molise (con la Caramhell de La Fucina) e della Basilicata (con la Zhytum di Birra Jazz). Praticamente è rappresentata tutta l’Italia da nord a sud, con l’unica eccezione rappresentata dalla piccola Valle d’Aosta.

Come prevedibile l’Italia settentrionale porta a casa un numero ampiamente maggiore di riconoscimenti, ma nel sud del paese assistiamo ad alcune realtà in forte crescita. Oltre alle new entry segnalate, bisogna sottolineare anche l’interessantissima ascesa di Sicilia (15 riconoscimenti contro i 3 del 2015), semplicemente impensabile fino a poco tempo fa. Più naturale il progresso di altre realtà del Meridione, come Campania (19 contro 11), Puglia (14 contro 7) e Sardegna (11 contro 5).

Il centro Italia sembra godere di buona salute. Per fortuna è scomparsa l’anomalia del Lazio, che nella precedente edizione era presente tra i riconoscimenti alle birre solo grazie ai prodotti di Birra del Borgo. Ad essa si sono giustamente affiancate altre importanti realtà ben conosciute sul territorio e nel resto del paese. In Umbria Birra dell’Eremo e Birra Perugia si sono divisi gran parte dei riconoscimenti, anche se più di una volta compare l’interessante birrificio Nursia dei frati benedettini di Norcia.

In generale i riconoscimenti sono stati assegnati a nomi ben conosciuti nell’ambiente e tutti di ottimo livello qualitativo. Le sorprese si concentrano quasi completamente nella categoria Birre Quotidiane, dove qui e lì troviamo realtà meno diffuse o, in casi estremi, quasi sconosciute. Sinceramente non so spiegarmi perché questo sia accaduto solo per le birre da tutti i giorni… a voi viene in mente un motivo?

Ho volontariamente lasciato in chiusura un’analisi sui premi alle beer firm. Qui troviamo sia nomi piuttosto consolidati, sia aziende che suoneranno nuove ai più. Ciò dimostra da una parte che c’è un proliferare davvero impressionante di questa forma imprenditoriale nel nostro ambiente, sia però che per emergere nel medio e lungo termine occorre muoversi con anticipo e trovare un certa solidità in tempi brevi.

Detto questo, lascio spazio ai vostri commenti.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco

Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

In Italia i consumi pro capite toccano nuovi record: pubblicato l’Annual Report 2016

E finalmente, quando ormai si erano perse tutte le speranze, è arrivata la nuova edizione ...

Buone notizie dall’Osservatorio Birra: in Italia premiati i consumi fuori casa

Che fine ha fatto l’Annual Report di Assobirra? È una domanda che chi ama le ...

14 Commenti

  1. Eh si sarebbe bello avere 15 riconoscimenti qui in Sicilia, ma credo ci sia un refuso nelle Grandi Birre
    😀 …cmq non è andata male dai!

    • Andrea Turco

      Hai ragione, mi era scappato il cambio di regione. Comunque anche aver raddoppiato i riconoscimenti non è male!

  2. Sulla Valle d’Aosta stiamo lavorando :).. Per le Beer Firm sarebbe bello che fossero associabili a dove vengono prodotte, in qualche modo, per poter capire chi sono i De Proef italiani.. Per il resto siamo in attesa di leggere i dettagli in guida!

  3. Ma non dite nulla che questa settimana si sono festeggiati i 20 anni di Birrificio Italiano a Lurago Marinone e venerdì si festeggeanno i 20 di Birrificio Lambrate?
    Credo siano date importanti.
    Forse davvero questo blog è troppo Roma-oriented

    • Andrea Turco

      O forse prima di commentare bisognerebbe dare un’occhiata agli ultimi post, senza neanche dover tornare troppo indietro nel tempo. Di Lambrate ho scritto esattamente una settimana fa, mettendolo nel titolo prima di altri importanti eventi romani, pensa un po’… http://www.cronachedibirra.it/eventi/14646/eventi-di-inizio-aprile-20-anni-di-lambrate-frankenfestbier-beer-quake-e-altri/

      • Avete ragione, mi era sfuggita la citazione di Lambrate.
        Chiedo venia: berrò anche io una birra Poretti 9 Luppoli per punizione.
        Resta però la, a mio modo di vedere, curiosa assenza di riferimenti ai 20 anni del Birrificio Italiano (o mi sarà sfuggito anche questo 😉 ).

        • Andrea Turco

          Figurati Ale, cerco sempre di coprire tutta Italia sebbene su Roma si concentrino la maggior parte delle iniziative.
          Il Birrificio Italiano ha organizzato qualcosa per i 20 anni? In tal caso è sfuggito a me…
          Con tutte queste penitenze stiamo facendo arricchire il signor Poretti 😉

  4. L’elenco delle beer Firm è incompleto. Ne mancano 6 🙂

  5. Il giudizio è troppo disomogeneo dipende dai selezionatori delle varie zone. Poi ci sono quelli che arrivano a farne passare tanti e quelli che stentano a proporne uno. Lo si vede chiaramente dal di fuori . A mio modestissimo parere guida oramai inutile dal punto di vista delle premiate, ci sono fin troppi concorsi sono medaglie di legno oramai.

    • Savio Del Bianco

      Rispondo a Paolo come “selezionatore” del Friuli Venezia Giulia con le seguenti note:
      – La guida si basa su assaggi regionali poi rapportati e confrontati con chi assaggia l’intera Italia. Questo metodo lo ritengo idoneo a proporre una selezione omogonea;
      – In regione FVG dove abbiamo assaggiato anche collaborazioni sue abbiamo testato le birre in un gruppo di assaggio di 4 persone per poi procedere alle finali dove abbiamo riproposto le birre che ci hanno convinto maggiormente;
      – il fatto che un’alta percentuale delle birre regionali (poche numericamente) abbia poi ottenuto riconoscimenti mi porta a pensare che abbiamo lavorato con dovizia;
      – Come “selezionatore anche di Slow Wine” per il Friuli Venezia Giulia, dove metodologia sono analoghe, non ho mai ricevuto condizionamenti di nessuna natura, tantomeno politici.

      cordialità

  6. Paolo Mazzola

    Concordo con Paolo Erne, c’è troppa politica in questa guida..mi spiace perchè i curatori sono persone serie e competenti, ma quando sale il numero dei compromessi si rischia di saponificare tutto.
    Nel vino le guide comunque, con tutti i problemi politici che generano hanno avuto un senso, personalmente trovo Slowine ben fatta e attenta al legame fra produttore e territorio, oggi magari con il movimento vinicolo che è cresciuto e si è sempre più diversificato, rappresentano più interessi specifici che una visione generale.
    A mio avvisoil mondo della birra artigianale non ha avuto questo percorso di crecita e sarebbe bene che nascessero almeno 3 -4 guide con visioni a volte concordanti o differenti. A Slow Food va comunque dato il merito di aver iniziato questo percorso e di aver dato voce comunque al movimento birrario che c’è

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *