Fermentazioni

apr

16
'14

Guida alle Birre d’Italia 2015: tutti i riconoscimenti alle birre

guida birre italia 2015Dopo la pausa dello scorso anno, a fine mese uscirà in libreria la nuova edizione della Guida alle Birre d’Italia di Slow Food. La pubblicazione ormai non ha bisogno di presentazioni, essendo diventata in poco tempo la “guida” di riferimento per la birra artigianale italiana. Merito di una copertura maniacale del territorio da parte dei collaboratori, attraverso la quale è stato possibile valutare una parte considerevole dei circa 650 birrifici presenti nel nostro paese. Rispetto all’edizione del 2013 le novità non mancheranno, a partire dai numeri in crescita: 100 pagine in più e un +102 sul numero di produttori censiti. A questo aggiungete una grafica più accattivante e l’indicazione dei locali dove trovare le birre di ogni azienda (strumento importante per i lettori). Confermati sono invece i riconoscimenti a birre e birrifici, sempre molto attesi e che oggi vi presento in (quasi) anteprima.


Con il post di oggi cominciamo allora con quelli alle birre, che si dividono in tre tipologie: Birre Slow, Birre Quotidiane e Grandi Birre. Le Birre Slow sono quelle che, oltre a mostrare un eccellente valore organolettico, sono in grado di emozionare, perché capaci di raccontare la storia di un territorio, di un birrificio o di un birraio. Le Birre Quotidiane sono quelle di grane qualità organolettica, che si caratterizzano per equilibrio, semplicità e piacevolezza. Le Grandi Birre, infine, sono quelle di assoluto valore organolettico, da non perdere assolutamente. Si tratta ovviamente di riconoscimenti diversi, ma in grado di raccontare un mondo complesso e variegato come quello della birra italiana.

Grandi Birre

ABRUZZO
Maxima – Almond ‘22, Loreto Aprutino (Pe)
Hibernum – Almond ‘22, Loreto Aprutino (Pe)
6son Ipa – Opperbacco, Notaresco (Te)
Deep Underground – Opperbacco, Notaresco (Te)
Matthias – Maiella, Pretoro (Ch)
Bucefalo – Maiella, Pretoro (Ch)

CALABRIA
Magarìa – ’A Magara, Nocera Terinese (Cz)

CAMPANIA
Lemon Ale – Karma, Alvignano (Ce)
Sumera – Karma, Alvignano (Ce)
Syrentum – Birrificio Sorrento, Massa Lubrense (Na)
Irish – Il Chiostro, Nocera Inferiore (Sa)
Once upon a time – Il Chiostro, Nocera Inferiore (Sa)
Gairloch – Birrificio dell’Aspide, Roccadaspide (Sa)

EMILIA-ROMAGNA
Tropicale – Birrificio Emiliano, Anzola dell’Emilia (Bo)
Aran – Argo, Collecchio (Pr)
Knock Out – Dada, Correggio (Re)
Gattomao – Dada, Correggio (Re)
Zona Cesarini – Toccalmatto, Fidenza (Pr)
Dudes – Toccalmatto, Fidenza (Pr)
TDS Stout – White Dog, Guiglia (Mo)
Morning Glory – Retorto, Podenzano (Pc)
Eretika – Frara, Portomaggiore (Fe)
Extra Charlotte – BiRen, Sant’Agostino (Fe)
Crisopolis – Birrificio del Ducato, Soragna (Pr)
Ultima Luna – Birrificio del Ducato, Soragna (Pr)

FRIULI VENEZIA GIULIA
Pirinat – La Birra di Meni, Cavasso Nuovo (Pn)
Babèl – Foglie d’Erba, Forni di Sotto (Ud)
Hot Night at the Village – Foglie d’Erba, Forni di Sotto (Ud)

LAZIO
Re Ale Extra – Birra del Borgo, Borgorose (Ri)
My Antonia – Birra del Borgo, Borgorose (Ri)

LIGURIA
Imperial – Maltus Faber, Genova
St. Amé – Scarampola, Millesimo (Sv)

LOMBARDIA
Mood – Hibu, Bernareggio (Mb)
Tribeca – Hibu, Bernareggio (Mb)
Birra Madre – Menaresta, Carate Brianza (Mb)
2 di Picche – Menaresta, Carate Brianza (Mb)
22 La Verguenza – Menaresta, Carate Brianza (Mb)
Quis Hoc – Birrificio Settimo, Carnago (Va)
Fear – Brewfist, Codogno (Lo)
X-Ray – Brewfist, Codogno (Lo)
Punks do it better – Elav, Comun Nuovo (Bg)
Aeresis – Elav, Comun Nuovo (Bg)
Uppercut Ipa – Elav, Comun Nuovo (Bg)
Barabba – Geco, Cornaredo (Mi)
Terzo Miglio – Birrificio Rurale, Desio (Pv)
Castigamatt – Birrificio Rurale, Desio (Pv)
Diavolo – Valcavallina, Endine Gaiano (Bg)
Santa Lucia – Endorama, Grassobbio (Bg)
Caliban – Endorama, Grassobbio (Bg)
Vudù – Birrificio Italiano, Limido Comasco (Co)
Blond – Extraomnes, Marnate (Va)
Tripel – Extraomnes, Marnate (Va)
Imperial Ghisa – Lambrate, Milano
OG 1048 – Carrobiolo, Monza
Nowhere – Gambolò, Pavia
Camoz – Via Priula, San Pellegrino Terme (Bg)
Scura – Pratorosso, Settala (Mi)
Christmas Frater Riserva – Stradaregina, Vigevano (Pv)

MARCHE
Maior – Tenute Collesi, Apecchio (Pu)
Extrema Ratio – Birrificio dei Castelli, Arcevia (An)
Carmenta – Le Fate, Comunanza (Ap)
Corva Nera – Mukkeller, Porto Sant’Elpidio (Mc)
Mild the Gap – MC77, Serrapetrona (Mc)

PIEMONTE
Lùmina – Civale, Alessandria
Virtute – Civale, Alessandria
Imperiosa – Civale, Alessandria
Margot – Un Terzo, Candelo (Bi)
Duca d’O – Un Terzo, Candelo (Bi)
Easy Girl – Rolio Beer, Canelli (At)
11.11.11 – Trunasse, Castelletto Stura (Cn)
Perbacco – Gedeone, Costa Vescovato (Al)
Nora – Baladin, Farigliano (Cn)
Nebiulin-a – LoverBeer, Marentino (To)
Sticher – Grado Plato, Montaldo Torinese (To)
Chocarrubica – Grado Plato, Montaldo Torinese (To)
Draco – Montegioco, Montegioco (Al)
Elegia – Nuovo Birrificio Nicese, Nizza Monferrato (At)
Minotauro – Pasturana, Pasturana (Al)
Filo da torcere – Pasturana, Pasturana (Al)
Ker – Birrificio Pinerolese, Pinerolo (To)
Kiki – Birrificio Pinerolese, Pinerolo (To)
Dike – Birrificio Pinerolese, Pinerolo (To)
Nocturna – Kamun, Predosa (Al)
T.i.P.A. – Pausa Café, Saluzzo (Cn)
Fuori! – Pausa Café, Saluzzo (Cn)
Oca Elettrica – Black Barrels, Torino
Turner – Dadaista – La Piazza, Torino
Jatobà – San Paolo, Torino
Helles Diablo – Croce di Malto, Trecate (No)
Magnus – Croce di Malto, Trecate (No)
Piedi Neri – Croce di Malto, Trecate (No)
slurp! [10 Luppoli] – SorA’laMA’, Vaie (To)
Funky – Birrificio Sant’Andrea, Vercelli
Fifteen Years – Beba, Villar Perosa (To)

PUGLIA
Tensione Evolutiva – Birranova, Conversano (Ba)
Warning Hop – B94, Lecce
Claudette – Birrificio Svevo, Modugno (Ba)

SARDEGNA
Zàgara – Barley, Maracalagonis (Ca)

SICILIA
Grazie Mille – Cantirrificio Vittoria, Vittoria (Rg)

TOSCANA
Drago della Selva – Amiata, Arcidosso (Gr)
Contessa – Amiata, Arcidosso (Gr)
Ri’appala – Piccolo Birrificio Clandestino, Livorno
Montinera – Piccolo Birrificio Clandestino, Livorno
Lilith – Bruton, Lucca
Dieci – Bruton, Lucca
BK – L’Olmaia, Montepulciano (Si)
2 Cilindri – Birrificio del Forte, Pietrasanta (Lu)
La Mancina – Birrificio del Forte, Pietrasanta (Lu)

UMBRIA
Fiera – Birrificio dell’Eremo, Assisi (Pg)
Brace – Birrificio dell’Eremo, Assisi (Pg)

VENETO
Brusca – BirrOne, Isola Vicentina (Vi)
Gerica – BirrOne, Isola Vicentina (Vi)
Furia Nera – Birrificio Artigianale Veneziano, Martellago (Ve)
Blondie – La Gastaldia, Pieve di Soligo (Tv)
Molo – Ivan Borsato Birraio, Povegliano (Tv)

 

Birre Slow

ABRUZZO
Farrotta – Almond ‘22, Loreto Aprutino (Pe)
10 e Lode – Opperbacco, Notaresco (Te)
Novi Luna – Maiella, Pretoro (Ch)

CAMPANIA
Noscia – Maltovivo, Ponte (Bn)

EMILIA-ROMAGNA
Viæmilia – Birrificio del Ducato, Soragna (Pr)
Verdi Imperial Stout – Birrificio del Ducato, Soragna (Pr)

FRIULI VENEZIA GIULIA
Hopfelia – Foglie d’Erba, Forni di Sotto (Ud)

LAZIO
Enkyr – Birra del Borgo, Borgorose (Ri)
Re Ale – Birra del Borgo, Borgorose (Ri)

LIGURIA
Extra Brune – Maltus Faber, Genova

LOMBARDIA
Wabi – L’Orso Verde, Busto Arsizio (Va)
Seta Special – Birrificio Rurale, Desio (Pv)
Tipopils – Birrificio Italiano, Limido Comasco (Co)
Domm – Lambrate, Milano
Coffee Brett – Carrobiolo, Monza
OG 1111 – Carrobiolo, Monza
Confine – Bi-Du, Olgiate Comasco (Co)

PIEMONTE
Terre 2012 – Baladin, Farigliano (Cn)
Lune 2012 – Baladin, Farigliano (Cn)
Xyauyù Oro 2011 – Baladin, Farigliano (Cn)
Xyauyù Fumè 2010 – Baladin, Farigliano (Cn)
Xyauyù Barrel 2010 – Baladin, Farigliano (Cn)
BeerBrugna – LoverBeer, Marentino (To)
Madamin – LoverBeer, Marentino (To)
Mummia 2011 – Montegioco, Montegioco (Al)
Quarta Runa – Montegioco, Montegioco (Al)
Tibir – Montegioco, Montegioco (Al)
Filare! – Pasturana, Pasturana (Al)
Filo di Fumo – Pasturana, Pasturana (Al)
Tosta – Pausa Café, Saluzzo (Cn)
Lemon Kolsch – Black Barrels, Torino
Yellow Doctor – Black Barrels, Torino
Frakè – San Paolo, Torino
Ipè – San Paolo, Torino
Daü – Troll, Vernante (Cn)
N.1 – Beba, Villar Perosa (To)
Motor Oil – Beba, Villar Perosa (To)

PUGLIA
Arsa – Birranova, Conversano (Ba)
Sant’Irene – B94, Lecce

SARDEGNA
BB 9 – Barley, Maracalagonis (Ca)
BB Evò – Barley, Maracalagonis (Ca)
BB 10 – Barley, Maracalagonis (Ca)

TOSCANA
Bastarda Doppia – Amiata, Arcidosso (Gr)
100% Farro – La Petrognola, Piazza al Serchio (Lu)

 

Birre quotidiane

ABRUZZO
Pink Ipa – Almond ‘22, Loreto Aprutino (Pe)
Bianca Piperita – Opperbacco, Notaresco (Te)
Magia d’Estate – Maiella, Pretoro (Ch)
Blanche – San Giovanni, Roseto degi Abruzzi (Te)

CALABRIA
Beergamott – Calabrewers, Reggio di Calabria

CAMPANIA
Dark Ale – Saint John’s, Faicchio (Bn)
Chiara – Birrificio Borrillo, Molinara (Bn)
Gold Ale – Il Chiostro, Nocera Inferiore (Sa)
Blonde – Birrificio dell’Aspide, Roccadaspide (Sa)

EMILIA-ROMAGNA
Sperimentale – Piano Marshall IPA – Oldo, Cadelbosco Sopra (Re)
8BRE – Valsenio, Casola Valsenio (Ra)
Flomm – Birrificio FM, Codigoro (Fe)
Magistrale – Il Beerbante, Colorno (Pr)
La Tosta – Il Beerbante, Colorno (Pr)
Dada East – Dada, Correggio (Re)
Lop Lop – Dada, Correggio (Re)
Stray Dog – Toccalmatto, Fidenza (Pr)
Tabula Rasa – Toccalmatto, Fidenza (Pr)
Pils and Love – La Buttiga, Piacenza
Psycho Ipa – La Buttiga, Piacenza
Hydra – Frara, Portomaggiore (Fe)
Giustospirito – Giusto Spirito, Rubiera (Re)
Rajah – Vecchia Orsa, San Giovanni in Persiceto (Bo)
Tenebra – Vecchia Orsa, San Giovanni in Persiceto (Bo)
MyAle – La Mata, Solarolo (Ra)

LAZIO
Cortigiana – Birra del Borgo, Borgorose (Ri)

LIGURIA
Apa – Birrificio Finalese, Finale Ligure (Sv)
Blonde – Maltus Faber, Genova
Birra del Lupo – Scarampola, Millesimo (Sv)

LOMBARDIA
BackDoorBitter – L’Orso Verde, Busto Arsizio (Va)
Pan-Negar – Menaresta, Carate Brianza (Mb)
Terminal Pale Ale – Brewfist, Codogno (Lo)
Indie Ale – Elav, Comun Nuovo (Bg)
Pecora Nera – Geco, Cornaredo (Mi)
Seta – Birrificio Rurale, Desio (Pv)
Sun Flower – Valcavallina, Endine Gaiano (Bg)
Albarossa – Valcavallina, Endine Gaiano (Bg)
Milkyman – Endorama, Grassobbio (Bg)
Fiordalisa – Manerba, Manerba del Garda (Bs)
Luppululá – Manerba, Manerba del Garda (Bs)
OG 1056 – Carrobiolo, Monza
Rodersch – Bi-Du, Olgiate Comasco (Co)
ArtigianAle – Bi-Du, Olgiate Comasco (Co)
La Rosa – Via Priula, San Pellegrino Terme (Bg)
Loertìs – Via Priula, San Pellegrino Terme (Bg)

MARCHE
Ladeisi – Le Fate, Comunanza (Ap)
New Order – Birrificio Pergolese, Pergola (Pu)
Mu Pils – Mukkeller, Porto Sant’Elpidio (Mc)

PIEMONTE
Horus – Civale, Alessandria
Tempore – Civale, Alessandria
Perlanera – Trunasse, Castelletto Stura (Cn)
Pils – Aleghe, Coazze (To)
India Pale Ale – Birrificio della Granda, Lagnasco (Cn)
Bulan – Antagonisti, Melle (Cn)
Sveva – Grado Plato, Montaldo Torinese (To)
Runa – Montegioco, Montegioco (Al)
Kolsch – Nuovo Birrificio Nicese, Nizza Monferrato (At)
Filo di Arianna – Pasturana, Pasturana (Al)
Birra Bionda – Kauss, Piasco (Cn)
Kefi – Birrificio Pinerolese, Pinerolo (To)
Clan!Destino? – San Marzano Oliveto (At)
Pecan – San Paolo, Torino
Hauria – Croce di Malto, Trecate (No)
Bionda – Jeb, Trivero (Bi)
Fog – Birrificio Sant’Andrea, Vercelli
Birbetta – Troll, Vernante (Cn)
Panada – Troll, Vernante (Cn)
Dorina – Troll, Vernante (Cn)
Grafite – Beba, Villar Perosa (To)
Loredo – Beba, Villar Perosa (To)

PUGLIA
Linfa – Birranova, Conversano (Ba)
Terrarossa – B94, Lecce

SARDEGNA
Duenna – Barley, Maracalagonis (Ca)

SICILIA
Tarì Triska – Rocca dei Conti, Modica (Rg)
Rubra – Birra Irias, Torrenova (Me)

TOSCANA
Oimmèna – Piccolo Birrificio Clandestino, Livorno
Gassa d’amante – Birrificio del Forte, Pietrasanta (Lu)

UMBRIA
Golden Ale – Fabbrica della Birra Perugia, Torgiano (Pg)

VENETO
Cibus – BirrOne, Isola Vicentina (Vi)
Ipa – Birrificio Artigianale Veneziano, Martellago (Ve)
3+2 – 32 Via dei Birrai, Pederobba (Tv)
Oppale – 32 Via dei Birrai, Pederobba (Tv)
Gast – La Gastaldia, Pieve di Soligo (Tv)

Il numero dei riconoscimenti alle birre è cresciuto esponenzialmente, al punto che per un’analisi approfondita è d’obbligo perdere più di qualche minuto. In generale direi che la maggior parte dei premi sono andati a birrifici conosciuti e consolidati, molti dei quali possono vantare un ottimo livello qualitativo. Non mancano produttori giovani e nomi poco diffusi, soprattutto tra le Birre Quotidiane. Forse è proprio questa tipologia che più di altre necessiterebbe di visibilità al momento, dopo che per anni il movimento si è concentrato sulle birre “strane” o complesse: insomma, checché se ne pensi, in Italia non mancano produzioni artigianali di facile approccio e bevibilità, ancorché dal carattere deciso. Ed è interessante notare come proprio in questa classificazione emergano le sorprese più evidenti.

Sulla distribuzione dei riconoscimenti si nota un maggiore equilibrio geografico rispetto all’ultima edizione, sebbene il nord Italia rimanga – come prevedibile – ampiamente avanti rispetto al resto della nazione. Nel Meridione Puglia e Campania si confermano le regioni trainanti, mentre a livello isolano accogliamo con piacere l’ingresso della Sicilia accanto all’immancabile Sardegna. Da sottolineare però che proprio quest’ultima realtà è presente grazie a un solo produttore (Barley), dettaglio che vale anche per il Lazio: qui troviamo riconoscimenti alla sola Birra del Borgo, particolarità che spinge a riflettere sull’effettiva maturità del movimento brassicolo della zona.

I miei due cents li ho spesi e ringrazio Eugenio Signoroni per la comunicazione in anteprima dei risultati. Domani scopriremo i riconoscimenti ai birrifici. Lascio a voi lo spazio per i commenti.

Tags di questo articolo: ,

13 Commenti a “Guida alle Birre d’Italia 2015: tutti i riconoscimenti alle birre”

Vai all'ultimo commento Mostra/nascondi tutti i commenti
  1. Mostra/nascondi commento

    Angelo Jarrett

    Ma Viaelimia e Tipopils slow?
    Mi piace l’equilibrio geografico, più sincero e realistico rispetto agli insindacabili verdetti dei concorsi.

  2. Mostra/nascondi commento

    alexander_douglas

    quindi secondo birre d’Italia nel lazio merita menzione solo BdB? bah…

    1. Mostra/nascondi commento

      INDASTRIA

      Ah, non c’è solo BdB nel lazio? :D

      1. Mostra/nascondi commento

    2. Mostra/nascondi commento

      Adriano

      E’ la stessa cosa che mi sono detto io, senza contare che nella categoria birre slow avrei messo la Duchessa, se usa il farro coltivato nella zona del parco della Duchessa magari un certo nesso col territorio c’ era…
      Poi vabbè, io ancora piango l’ uscita di produzione della 33 dorata, la cortigiana non riesce a conquistarmi alla stessa maniera.

    3. Mostra/nascondi commento

      Carlo

      Già…..

      Mah…

      Bah….

      Umhhhh….

      Ma Vaff….. !!

      :)

      1. Mostra/nascondi commento

        Carlo

        Volevo quotare alexander_douglas
        quindi secondo birre d’Italia nel lazio merita menzione solo BdB? bah…

        ma credo di non esserne stato capace, sorry

  3. Mostra/nascondi commento

    Carlo

    Quante birre marchigiane!

  4. Mostra/nascondi commento

    Michele

    Ma Mukkeller non l’ha ancora cambiato quel nome ridicolo :D ???

    1. Mostra/nascondi commento

      NMdrinker

      Già! Qualcuno dovrebbe dirgli qualcosa… Mettiamo su la BallaDen o la Del Gorgo!

  5. Mostra/nascondi commento

    NMdrinker

    …ci sono alcune birre molto discutibili direi.
    Per fare dei nomi che penso non debbano essere dove sono cito:
    Maior – Tenute Collesi, Apecchio (Pu) (…Collesi…Collesi?!… va beh, molto slow…molto artigianale… quasi birra!)
    -Magarìa – ’A Magara, Nocera Terinese (Cz) (…ho avuto l’occasione di berla, credo che siamo in 10 in Italia… inoltre non è un gran che!)
    -Tropicale – Birrificio Emiliano, Anzola dell’Emilia (Bo) (Di grande ho sentito la delusione…)
    -Arsa – Birranova, Conversano (Ba) (Grande …arsura finale!)
    -Beergamott – Calabrewers, Reggio di Calabria (…quotidiana?! una all’anno a me è bastata…)
    -Bionda – Jeb, Trivero (Bi) (…oh DIO…. raccapricciante!!)
    Giustospirito – Giusto Spirito, Rubiera (Re) (…insulto a chi produce birra in emilia-romagna …e forse anche un po’ più in la! Birra di nessun pregio, manca di attenuazione quasi sempre, scarsa qualitativamente negli amari e negli aromi.)

    Altre non le conosco e non mi esprimo ma considerando gli standard di alcuni dei produttori mi stupisce molto la loro presenza in lista!

    Ovviamente esprimo un parere, sicuramente non condivisibile, ma che ci posso fare…

  6. Mostra/nascondi commento

    Adriano

    Mi capitò di fare una visita ad un birrificio laziale (del quale non farò il nome) con annesso pranzo al quale erano presenti membri slow food di un paio di regioni visto che il birrificio del quale non farò il nome si trova a cavallo tra queste due regioni…
    A pranzo c’ era una birra del birrificio del quale non farò il nome, una saison prodotta con un cereale tipico del posto, la birra stava in grandissima forma, poi alla fine il birraio del quale non farò il nome regalò per il fine pranzo una magnum della sua birra natalizia, quindi una birra diciamo in stile legato alle kerstbier belghe.
    per caso sentii i commenti di due tra i personaggi di maggior spicco per slow food presenti, grosso modo lo scambio di battute fu questo:
    “ma che differenza c’è tra questa e quella di prima?”
    “Mbho, questa è un po’ più speziata!”

    1. Mostra/nascondi commento

      Carlo

      Wow… e quando esce il reportage fotografico su Novella 3000?!?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *