Settimana della Birra Artigianale
Home » Archivio tag: camra

Archivio tag: camra

La crisi del Camra e i limiti del suo progetto di rivitalizzazione

Negli ultimi cinque anni la scena birraria britannica è diventata una delle più complesse che esistano sulla faccia della terra. Mentre in paesi come Stati Uniti, Francia, Spagna, o nell’Italia stessa si tende a distinguere “semplicemente” tra birra artigianale e birra industriale, nel Regno Unito una separazione così netta è impossibile da delineare. In un mio passato articolo ho illustrato alcune ...

Vai all'articolo »

Pub dell’anno nel Regno Unito: il Camra premia un ex nightclub

Il Camra, l’associazione britannica per la tutela delle tradizioni brassicole locali, è da anni tacciata di essere un’entità rigida e conservatrice, poco attenta alle veloci evoluzioni dell’ambiente. Il preoccupante scollamento sperimentato nei confronti dei consumatori più giovani deve aver suggerito qualche piccola trasformazione, soprattutto in termini di comunicazione. In tempi recenti il Camra è infatti sembrato più propenso ad avvicinare i neofiti ...

Vai all'articolo »

Comincia una nuova stagione: il riassunto dell’ultima settimana di post

Con oggi si conclude il mese di agosto e a questo punto dovremmo essere tornati quasi tutti operativi. In realtà Cronache di Birra ha interrotto il suo silenzio estivo già la scorsa settimana, riprendendo il quotidiano aggiornamento sul mondo della birra artigianale e inaugurando di conseguenza una nuova stagione birraria. Personalmente vivo il ritorno alla normalità sempre con entusiasmo – ...

Vai all'articolo »

GBBF 2015: report e appunti di degustazione

L’ultima edizione del Great British Beer Festival ha offerto come sempre ottima birra (oltre 900 prodotti se si conta anche il sidro) e interessanti spunti di riflessione sul mercato britannico. L’evento si è confermato un grande successo di pubblico, giovane e non, chiudendo con un totale di circa 55.000 visitatori. Il filo conduttore quest’anno è stato la “scoperta”: la scoperta delle campagne ...

Vai all'articolo »

Dopo tanta tradizione al GBBF trionfa la new wave: oro alla Cwtch di Tiny Rebel

Tradizionalmente in questo periodo dedico un post di Cronache di Birra ai risultati del concorso del Great British Beer Festival, che incorona la migliore birra della manifestazione. Quest’anno causa la sovrapposizione con la pausa estiva del blog, sono costretto a rilanciare la notizia con diversi giorni di ritardo. Tuttavia è interessante farlo perché la proclamazione dei vincitori ha riservato parecchie sorprese, in ...

Vai all'articolo »

Pub, “Full pint” e “Taste before you buy”… oltre la birra c’è di più

Se nello scorso articolo vi ho raccontato di tradizione e stili birrari nel Regno Unito, questa volta vi voglio parlare di tradizione e approccio al bere. Ogni paese ha le proprie abitudini, tant’è che certe differenze tra il bere in Italia e in altri luoghi possono sembrarci inconcepibili. Ma c’è qualcosa che gli “altri” potrebbero insegnarci? Sicuramente sì: le consuetudini britanniche ...

Vai all'articolo »

La birra nel Regno Unito e il conservatorismo del CAMRA

In Italia si fa un gran parlare di cosa sia la birra artigianale. Qualsiasi definizione ne si voglia dare, una cosa è certa: gli appassionati sembrano tutti, in un modo o nell’altro, uniti sotto la bandiera della “qualità”. Prima di trasferirmi nel Regno Unito, dove ormai vivo da tempo, ero convinto che i membri del CAMRA (Campaign for Real Ale, per ...

Vai all'articolo »

Come cambiare vita: licenziarsi, lasciare Londra e vincere il premio “Pub of the year”

Il Camra, l’associazione britannica per la salvaguardia delle Real Ale, organizza annualmente diverse iniziative, tra cui il premio “Pub of the year”. Come avrete immediatamente capito, il concorso è finalizzato a incoronare il miglior pub dell’anno, scelto tra oltre 50.000 partecipanti distribuiti per tutto il Regno Unito. A parte casi eclatanti – come la vittoria del famoso The Harp di ...

Vai all'articolo »

Hai detto IBU? Quegli strani acronimi del mondo della birra

Noi appassionati solitamente lodiamo quei birrifici che in etichetta inseriscono informazioni utili oltre a quelle obbligatorie (ingredienti, grado alcolico, ecc.), perché le riteniamo fondamentali per guidare il consumatore medio all’acquisto. Ma, come non smetterò mai di sottolineare, la percezione della birra da parte di un beer lover è ben diversa da quella della gente comune, anche quando è già entrata ...

Vai all'articolo »