Cimec

Andrea Bedini

Per gli amici Beda. Vive a Torino, chimico di professione e appassionato degustatore di birra e sidro artigianali. Ama gironzolare per il mondo e apprendere usi e costumi brassicoli locali.

Lichtenhainer e Grodziskie: come i nostri birrifici interpretano questi stili

Circa un anno fa scrivemmo su Cronache di birra di come ormai tanti birrifici italiani si fossero cimentati a riprodurre e approfondire lo stile Gose, alcuni attraverso creazioni stagionali, altri inserendolo nella linea permanente del birrificio, sfruttandone la straordinaria versatilità. Quest’anno invece ho voluto approfondire altri due stili storici molto meno conosciuti, ma che ormai sono divenuti creazioni di alcuni …

Vai all'articolo »

4 anni del birrificio Edit: nuovo impianto produttivo e grandi progetti di espansione

Come raccontato in occasione degli assaggi per la IGA Beer Challenge, il birrificio Edit di Torino ha recentemente rinnovato il suo impianto di produzione. Edit è situato nella zona di Barriera di Milano, un quartiere in piena espansione e oggetto di importanti opere di riqualificazione urbanistica. Il birrificio infatti si colloca perfettamente in un simile contesto, poiché sorge all’interno di …

Vai all'articolo »

Save the Mild: come i birrifici italiani interpretano il classico stile britannico

L’articolo che state leggendo vuole porre in rassegna alcune Mild prodotte dai birrifici italiani, senza necessariamente ripercorrere l’intera storia della tipologia, complessa, travagliata e costellata di continue variazioni di colore e tenore alcolico. Nell’uso corrente, con il termine Mild si indica uno stile ben preciso, originario dell’Inghilterra e contraddistinto da un tenore alcolico molto leggero e da un colore bruno. …

Vai all'articolo »

Sidro artigianale: una tendenza in ascesa tra i birrifici italiani

Da diversi anni ormai ci siamo resi conto di come il mondo della birra artigianale italiana (ed estera) sia in costante cerca di nuovi stimoli in segmenti diversi da quello prettamente brassicolo. Già nel 2014 Cronache di Birra evidenziava la presenza di altre bevande fermentate nel comparto della birra artigianale fra cui sahti, idromele e fermentati di diversi cereali. Sei …

Vai all'articolo »

Gose italiane: come i nostri birrifici interpretano lo stile salato di Lipsia

Ho sempre trovato quello delle Gose uno stile birrario affascinante, per via della sua complessità ed unicità di preparazione. Si tratta di birre nella cui produzione vengono utilizzati il sale, il coriandolo ed i lattobacilli: questo mix è in grado di produrre un sorso acidulo, delicatamente salato e al naso un profilo olfattivo ricco e aggraziato. La bevuta è snella, …

Vai all'articolo »

Valencia e la birra artigianale: dove e cosa ho bevuto

Valencia è una città del sud est della Spagna, facilmente raggiungibile dall’Italia in quanto collegata con gli aeroporti di ben 13 città italiane. Per questa ragione è facile definirla “a portata di mano”, quindi adattissima per girovagare a caccia di cervecerías artesanales (birrifici artigianali) e gustare le deliziose tapas, proposte in qualunque bar. Noi siamo andati a scoprirla durante le …

Vai all'articolo »

Robe da Chiodi 2019: com’è andata e cosa ho assaggiato

La locuzione famigliare roba da chiodi, cose da chiodi, con significati vari secondo le circostanze: roba di qualità scadente, cosa stranissima, o incredibile o spropositata, situazione che fa disperare, fatto che provoca meraviglia. [tratto da Treccani] Questa è una delle varie interpretazioni dell’espressione “Robe da Chiodi”, da cui trae il nome l’omonimo evento brassicolo tenutosi il 21 e 22 giugno …

Vai all'articolo »