Cimec
Home » Opinioni e tendenze

Opinioni e tendenze

Pub, birrifici, beershop, consumatori: com’è cambiata la birra artigianale

Da quando esiste Cronache di Birra ho sempre sottolineato la velocità con cui nel nostro ambiente si susseguono i cambiamenti. Tipologie birrarie che durano il tempo di una stagione, identità visive che sembrano vecchie da un anno all’altro, progetti che si affermano rapidamente e altrettanto rapidamente escono dai radar. È l’effetto di un fenomeno che ha cambiato totalmente il concetto …

Vai all'articolo »

Il boom della birra artigianale in Svizzera: 1.000 produttori e un mercato saturo

Quando si analizzano i numeri della birra in Italia, è impossibile non rimanere meravigliati per l’elevato numero di birrifici attivi in una nazione che storicamente non ha molta familiarità con la bevanda. Il nostro paese è infatti fanalino di coda in Europa per i consumi pro capite, tuttavia è ai primissimi posti se consideriamo il totale di produttori attivi: tra …

Vai all'articolo »

La birra italiana sempre più locale: le 3 tendenze del fenomeno in atto

La birra artigianale mostra spesso contraddizioni spiazzanti, che negano ciò che veniva affermato fino al giorno prima. Così mentre viviamo in un periodo in cui la scena internazionale è sempre più incuriosita dal produttore “esotico”, che magari opera in un altro continente, c’è un fenomeno di senso opposto che sta favorendo lo sviluppo di contesti molto localizzati. In particolare in …

Vai all'articolo »

Low-alcohol e birre analcoliche: è “leggera” la nuova frontiera dell’artigianale

Nella comunità degli appassionati la birra a basso contenuto alcolico è spesso vista come una piaga della società moderna. I motivi sono molteplici. Da una parte c’è la naturale associazione di certi prodotti alle birre analcoliche, che tradizionalmente corrispondono a pessime creazioni dell’industria. Dall’altro c’è una triste componente machista, che porta a ritenere che le birre sotto un certo grado …

Vai all'articolo »

Una Lager per cambiare le abitudini degli inglesi: il caso della Hells di Camden Town

Una decina di giorni fa è comparso su Pellicle Magazine un articolo nel quale sono indicate 21 birre particolarmente influenti per l’ultimo decennio della birra craft nel Regno Unito. L’elenco è molto interessante e ogni birra individuata è frutto di riflessioni sagaci, che si concentrano su differenti aspetti del mercato e delle sue recenti evoluzioni. I birrifici presenti in lista …

Vai all'articolo »

Birra artigianale, tecnologia e automazione: il grande equivoco

La scorsa settimana probabilmente vi sarà capitato di leggere la nostra intervista a Marco Valeriani: una veloce chiacchierata in cui ci ha svelato alcuni dettagli su Alder Beer Co., la sua prossima avventura brassicola. Il pezzo è molto interessante non solo perché tratteggia le future caratteristiche di un birrificio che sicuramente farà parlare di sé, ma anche perché a margine …

Vai all'articolo »

I pericoli delle leggi regionali sulla birra: incoerenza e vincoli sugli ingredienti

Come probabilmente saprete, dal 2016 esiste in Italia una legge che disciplina la definizione di birra artigianale. Coerentemente con i costumi italiani, non basta però una regolamentazione nazionale per mettere tutti d’accordo sul tema, poiché gli enti locali sentono l’esigenza di stabilire dei propri criteri in materia. Così mentre a livello generale siamo ancora in attesa del benedetto decreto ministeriale …

Vai all'articolo »

Altro che crisi: la birra craft negli USA è in crescita, con qualche aggiustamento

Fino a qualche anno fa consultare il report annuale sul mercato craft americano era poco avvincente: il settore era nel pieno del suo recente boom e tutte le statistiche confermavano una “noiosa” crescita in doppia cifra. Oggi la situazione è leggermente cambiata, perché l’entusiasmo del passato si è raffreddato e da più parti arrivano segnali di un’evidente frenata. Ecco allora …

Vai all'articolo »

Turismo birrario, lo stai facendo nel modo giusto: il caso Russian River

Nell’eccezionale scena brassicola americana il birrificio Russian River riveste un ruolo di primaria importanza. È considerato uno dei produttori più quotati in assoluto non solo per l’altissimo livello qualitativo delle sue birre, ma anche per aver lanciato negli anni almeno un paio di prodotti estremamente iconici. La Pliny The Elder, ad esempio, è una specie di leggenda per qualunque appassionato …

Vai all'articolo »

Il fenomeno crafty 2.0: l’industria prova a ridefinire il concetto di birra artigianale

Negli ultimi anni il mercato della birra è stato invaso da una miriade di birre crafty: prodotti delle multinazionali del settore che nell’immagine e nell’aspetto ricordano quelli dei birrifici artigianali. È una strategia in atto da tempo – ricordate ad esempio la Moretti Grand Cru? – ma che nel recente passato ha assunto le dimensioni di un vero e proprio …

Vai all'articolo »