Cimec
Home » Opinioni e tendenze

Opinioni e tendenze

Altro che crisi: la birra craft negli USA è in crescita, con qualche aggiustamento

Fino a qualche anno fa consultare il report annuale sul mercato craft americano era poco avvincente: il settore era nel pieno del suo recente boom e tutte le statistiche confermavano una “noiosa” crescita in doppia cifra. Oggi la situazione è leggermente cambiata, perché l’entusiasmo del passato si è raffreddato e da più parti arrivano segnali di un’evidente frenata. Ecco allora …

Vai all'articolo »

Turismo birrario, lo stai facendo nel modo giusto: il caso Russian River

Nell’eccezionale scena brassicola americana il birrificio Russian River riveste un ruolo di primaria importanza. È considerato uno dei produttori più quotati in assoluto non solo per l’altissimo livello qualitativo delle sue birre, ma anche per aver lanciato negli anni almeno un paio di prodotti estremamente iconici. La Pliny The Elder, ad esempio, è una specie di leggenda per qualunque appassionato …

Vai all'articolo »

Il fenomeno crafty 2.0: l’industria prova a ridefinire il concetto di birra artigianale

Negli ultimi anni il mercato della birra è stato invaso da una miriade di birre crafty: prodotti delle multinazionali del settore che nell’immagine e nell’aspetto ricordano quelli dei birrifici artigianali. È una strategia in atto da tempo – ricordate ad esempio la Moretti Grand Cru? – ma che nel recente passato ha assunto le dimensioni di un vero e proprio …

Vai all'articolo »

Cocco bello: l’escalation brassicola del frutto tropicale per eccellenza

A giugno 2017 pubblicai su Cronache di Birra un articolo in cui illustravo come la moda internazionale per la frutta esotica si fosse diffusa anche tra i birrai italiani. Era un periodo in cui si susseguivano con una certa regolarità produzioni con mango, passion fruit, papaya, cocomero, melograno e persino frutti sudamericani poco conosciuti alle nostre latitudini. A distanza di …

Vai all'articolo »

Birra dell’anno 2019: i campioni di categoria

Se vi piacciono le classifiche e i numeri questo è l’articolo che fa per voi. Da qualche anno infatti, in concomitanza con Birra dell’anno, qui su Cronache di Birra è abitudine pubblicare i “campioni di categoria”: classifiche non ufficiali ottenute accorpando le medaglie assegnate ai vari birrifici in macro-famiglie. Tale raggruppamento è effettuato dividendo le categorie del concorso in base …

Vai all'articolo »

L’ossessione per la novità segnerà la fine della birra artigianale?

Vi ricordate quando a inizio mese pubblicai un articolo sul calo che stanno mostrando i grandi marchi craft in America? La riflessione partì da un pezzo di Vinepair in cui l’autore individuava come causa primaria l’ossessiva ricerca della novità da parte degli appassionati, che le birre ammiraglie di birrifici come Samuel Adams, New Belgium e Sierra Nevada non sarebbero in …

Vai all'articolo »

Report di Microbirrifici.org: nel 2018 brusca frenata per la birra artigianale

Microbirrifici.org è un sito che da anni censisce i birrifici presenti in Italia, dividendoli per tipologia e dedicando una scheda a ogni birra prodotta. Prevede un funzionamento a recensioni sullo stile di Ratebeer, ma la sua forza è sempre stata lo sconfinato database. Quest’ultimo per molti anni – prima dell’avvento di Untappd e di studi di settore specifici – ha …

Vai all'articolo »

I grandi marchi craft in calo a causa di consumatori “annoiati”. Ma è proprio così?

In questi giorni sta ricevendo parecchia attenzione un articolo apparso la scorsa settimana sul sito Vinepair. Il senso del pezzo a firma Cat Wolinski è facilmente riassumibile: negli USA le birre ammiraglie dei principali birrifici craft stanno perdendo consistenti fette di mercato a causa di consumatori sempre più annoiati. In che senso “annoiati”? Nel senso che la ricerca spasmodica per …

Vai all'articolo »

La “fruttizzazione” delle Gose: così rinascono le birre salate di Lipsia

Uno degli aspetti più interessanti della birra è il suo essere liquida. Prima di mandarmi a quel paese sappiate che non mi riferisco alle proprietà fisiche della bevanda, ma alla malleabilità degli stili birrari: escluse le fermentazioni spontanee, ogni tipologia è virtualmente riproducibile in qualsiasi luogo del mondo, aspetto che favorisce una continua evoluzione del patrimonio brassicolo internazionale. L’esempio più …

Vai all'articolo »

2019 l’anno della svolta? Le tante novità birrarie previste nei prossimi mesi

Sul finire del 2018 abbiamo lanciato il consueto gioco con cui proviamo a prevedere le tendenze birrarie del nuovo anno. Come sempre le previsioni non sono mancate, ma questa volta possiamo partire da alcune certezze: il 2019 si apre all’insegna di alcune importanti novità, che potrebbero offrire ulteriore slancio a un settore in continua ricerca di solidità. La scorsa settimana …

Vai all'articolo »