Cimec

Ultimi giorni per il seminario online sul luppolo con Italian Hops Company e Porta Bruciata

Scopri di più

Nel momento in cui questo articolo andrà online, il sottoscritto sarà in quel di Torino per organizzare gli assaggi dell’IGA Beer Challenge. Del nostro concorso dedicato alle Italian Grape Ale abbiamo già scritto negli scorsi giorni e quindi ha poco senso tornare sull’argomento, perciò sfruttiamo questo venerdì autunnale per presentare un’altra iniziativa di Cronache di Birra, appartenente alle proposte didattiche di Formazione Birra. Tra poco più di due settimane, infatti, si terrà il secondo appuntamento di Italia a sorsi, la serie di appuntamenti online dedicata ad approfondire temi specifici in compagnia dei protagonisti del settore. Dopo aver parlato di lattine nello splendido evento con Birra dell’Eremo, questa volta ci occuperemo di luppolo (fresco e non solo) grazie al contributo di Eugenio Pellicciari di Italian Hops Company e di Marco Sabatti del birrificio Porta Bruciata. Degusteremo tre birre ma anche lo stesso luppolo: nella box abbinata al seminario sarà infatti presente una bustina con i coni della nostra amata pianta rampicante.

L’evento Be hoppy, be fresh: be fresh hop! si terrà rigorosamente da remoto lunedì 7 novembre. Come accennato parleremo di luppolo, ma lo faremo toccando, tra gli altri, un tema spesso trascurato: l’impiego dell’ingrediente subito dopo il raccolto, per la creazione di birre denominate Wet Hop e Fresh Hop (in passato abbiamo pubblicato sul sito due articoli al riguardo). Non ci limiteremo alla teoria, ma scenderemo nella pratica, assaggiando sia la Wet Hop di Porta Bruciata, sia il luppolo di Italian Hops Company usato per questa birra. Si tratta di un’occasione più unica che rara, che abbiamo potuto realizzare grazie alla disponibilità dei nostri due partner. Ma non ci fermeremo qui, perché nel corso della serata assaggeremo altre due creazioni del birrificio lombardo. Dunque ricapitolando, in degustazione ci saranno: Gandover e i suoi luppoli (Wet Hop), Controfiocco (DDH IPA) e Orifiamma (American IPA).

Birre e luppoli saranno presenti in una box speciale disponibile sul sito di Porta Bruciata, che conterrà altre tre birre: Dusky Bay (Session IPA), Cogoma (Dry Stout) e Larkin Street (Double IPA). Ricordiamo che l’acquisto della box non è obbligatorio: si può seguire il seminario pagando semplicemente la quota di iscrizione di € 15, tuttavia per tutti i partecipanti sarà possibile usufruire di uno sconto di € 10 sul prezzo di listino della box. Praticamente è possibile ripagarsi quasi completamente la partecipazione all’evento.

Iscriviti al seminario

Di seguito il programma dettagliato dell’incontro:

  • Il luppolo, caratteristiche e zone geografiche.
  • Porta Bruciata, tradizione e innovazione nel nome del luppolo.
  • Degustazione della prima birra.
  • Cenni di analisi organolettica del luppolo.
  • Italian Hops Company e il luppolo italiano.
  • Degustazione della seconda birra e del relativo luppolo.
  • Tra nuove varietà e tecniche produttive: che futuro per le birre luppolate?
  • Degustazione della terza birra.

Inutile sottolineare che i posti sono limitati: considerate che dei 45 disponibili in partenza ne sono rimasti una quindicina. Alla chiusura delle iscrizioni mancano pochi giorni, quindi se siete interessati vi conviene eseguire la registrazione il prima possibile. L’appuntamento con questo viaggio luppolato è per inizio novembre, io nel frattempo mi godrò un piacevole weekend di lavoro nella splendida Torino per l’IGA Beer Challenge.

L'autore: Andrea Turco

Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È organizzatore della Italy Beer Week, fondatore della piattaforma Formazione Birra e tra i creatori del festival Fermentazioni. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Prossimi eventi: Solobirra, Pitti Taste e Franken Bier Fest al Beer Out di Forlì

Il periodo invernale non è certo ideale per organizzare grandi festival all’aperto, ma lascia spazio …

Chi sarà il birraio emergente di Birraio dell’anno 2022? I 5 finalisti

Oggi a Firenze comincia l’evento di Birraio dell’anno e l’attesa è tutta per la cerimonia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!