Cimec

Una tecnologia aerospaziale al servizio del birrificio trappista La Trappe

Cosa accomuna gli astronauti e i monaci trappisti? Probabilmente nulla, verrebbe da pensare, eppure recentemente il birrificio olandese La Trappe ha installato un sistema di riciclo dell’acqua messo a punto dagli ingegneri dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea. Originariamente il progetto è stato sviluppato con l’intento di fornire ecosistemi autosufficienti per la vita dell’uomo nello spazio, ma – come spesso accade con la tecnologia aerospaziale – ha trovato una sua applicazione qui sulla Terra, adattata a un’attività apparentemente molto lontana come la produzione brassicola.

Come spiega proprio il sito dell’ESA, il sistema permetterà ai monaci di recuperare, purificare e riutilizzare l’acqua di scarto della produzione – un milione di metri cubi all’anno – per la pulizia delle bottiglie in fase di confezionamento e per l’irrigazione dei campi del monastero. Il meccanismo di riciclo sfrutta il lavoro di circa 3.000 specie di batteri e organismi vari (comprese alcune piante) per purificare l’acqua. Il progetto ha ricevuto il premio per l’innovazione dal consiglio olandese per l’acqua pubblica.

Leggi anche

Da Blue Moon delle mini tortine da mettere sul bicchiere al posto della fetta di arancia

Qual è una delle cose più odiose al mondo? Esatto, la famigerata fetta di limone …

Ancora pochi giorni per iscriversi al nostro Corso di degustazione di 2° livello

Ormai scriviamo dei nostri corsi sulla birra con una certa regolarità, grazie alla fiducia che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!