Cimec
Home » Fast news » Torna il Trono di Spade: ecco l’ultima birra di Ommegang dedicata a Game of Thrones

Torna il Trono di Spade: ecco l’ultima birra di Ommegang dedicata a Game of Thrones

Il Trono di Spade è senza dubbio una delle serie tv più acclamate degli ultimi anni. Ne sa qualcosa il birrificio americano Ommegang (sito web) – posseduto dal colosso belga Duvel – che in tempi non sospetti ebbe l’intuizione di stringere un accordo con HBO per la produzione delle birre ufficiali di Game of Thrones. Da quella fortunata partnership sono nate più di dieci etichette diverse, le ultime delle quali annunciate tra la conclusione della settima stagione e l’inizio dell’ottava. Nel 2018 sono state rilasciate quattro birre dedicate ai rispettivi protagonisti delle vicende finali di Westeros, mentre da qualche giorno, in concomitanza con la messa in onda della stagione conclusiva, è disponibile l’ultima creazione di Ommegang dedicata al Trono di Spade: For The Throne.

For The Throne (9,5%) è una Strong Golden Ale che possiamo assimilare allo stile delle Italian Grape Ale, altrimenti definite negli USA oenobeer. La birra è infatti realizzata con l’impiego di  succo di uve Pinot Grigio e Viognier e rifermentata in bottiglia grazie all’aggiunta di lieviti da Champagne. La ricetta prevede anche il ricorso a malti Pils e Carapils e luppoli Bravo e Saaz, mentre la fermentazione primaria avviene grazie a ceppi di lievito isolati dallo stesso birrificio. Maggiori informazioni sulla For The Throne sono disponibili sul sito di Ommegang, mentre per un riassunto di tutte le birre ufficiali del Trono di Spade (almeno fino alla settima stagione) vi rimando a questo articolo risalente a luglio 2017.

Leggi anche

Barstool Warrior : anche i Dream Theater lanciano la loro birra craft

Anche i Dream Theater si aggiungono all’ormai copioso elenco dei gruppi rock che vantano una …

Brewdog acquista Stone Berlin: altro colpaccio per il birrificio scozzese

La notizia è arrivata qualche ora fa ed è piuttosto clamorosa: Brewdog ha acquistato la …

Un commento

  1. Avatar

    Fuffa, fuffa, nient’altro che fuffa. Quelli di Duvel Moortgat dovrebbero riflettere sullo stupro perpetrato ai danni del capolavoro di Piere Gobron. E’ praticamente un’altra birra…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *