Cimec

Ecco The Virgin Mary: in Irlanda il primo pub per astemi

Come raccontato da Repubblica, in Irlanda esiste un pub per astemi, operativo da inizio 2019. Il The Virgin Mary si trova a Dublino ed è caratterizzato dalla presenza di sole bevande analcoliche: sciroppi e tisane in primis, ma anche cocktail e vino con gradazione alcolica nulla. Al posto della Guinness, l’impianto di spillatura eroga un caffè cremoso che nel sapore ricorda vagamente la classica Stout irlandese. L’arredamento è in tutto e per tutto simile a quello di un pub, così da sembrare identico alla sua controparte autentica. A parte ovviamente per la proposta alcolica.

Il locale nasce dall’idea di Oisin Davis e Vaughan Yates. Il primo spiega che il progetto è il frutto di una tendenza ormai ampiamente diffusa, che consiste nel sostituire le componenti alcoliche di cocktail e bevande con tisane e infusi con caratteristiche organolettiche simili. L’obiettivo è di offrire ai non bevitori o a chi non può consumare alcol il piacere di una serata al pub senza gli effetti collaterali dei prodotti alcolici.

Leggi anche

Da Blue Moon delle mini tortine da mettere sul bicchiere al posto della fetta di arancia

Qual è una delle cose più odiose al mondo? Esatto, la famigerata fetta di limone …

Ancora pochi giorni per iscriversi al nostro Corso di degustazione di 2° livello

Ormai scriviamo dei nostri corsi sulla birra con una certa regolarità, grazie alla fiducia che …

2 Commenti

  1. Siamo tutti in trepidante attesa di una macelleria vegana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!