Cimec
Home » Fast news » Arriva la prima birra trappista prodotta da suore, ma è uno shampoo

Arriva la prima birra trappista prodotta da suore, ma è uno shampoo

Spesso ci si dimentica che l’ordine dei cistercensi della stretta osservanza, o trappisti, non prevede solo comunità maschili, ma anche femminili. Le suore dell’Abbazia di Nostra Signora di Nazareth, situata a Brecht (Belgio), da anni realizzano alcuni prodotti per il corpo, commercializzati con il nome Trapp. La linea include un sapone per le mani, uno shower gel, uno shampoo e una lozione per il corpo, ognuno dei quali declinato nelle tre profumazioni previste (lavanda, aloe vera e “tradizionale”). È di ieri la notizia che nella gamma ora entrerà uno shampoo prodotto con birra, ovviamente trappista: la ricetta prevede l’aggiunta di un 10% di Westmalle Dubbel, proveniente dalla vicina Abbazia di Nostra Signora del Sacro Cuore.

La badessa del monastero, Suor Katharina, spiega le origini del nuovo shampoo:

Le nostre vecchie sorelle ricordano che in passato la birra era utilizzata per arricciare i capelli e renderli più luminosi. Abbiamo chiesto al Meurice Institute di Bruxelles di effettuare uno studio scientifico sui benefici della birra sulla pelle e sui capelli. La ricerca ha mostrato che esistono diversi vantaggi, grazie alla presenza nella bevanda di polifenoli, oligoelementi, vitamine e minerali. Tutti elementi che stimolano il naturale volume dei capelli e li rendono luminosi.

Attualmente tra suore sono coinvolte nella produzione della linea Trapp. Lo shampoo alla birra sarà venduto in bottiglie con tappo meccanico da 33 cl al prezzo di 8,90 € l’una. Per la prima birra trappista femminile dovremo aspettare ancora…

Leggi anche

Lattine esplosive: Omnipollo ritira dal mercato la sua New England IPA

Brutta grana per Omnipollo, birrificio svedese molto noto per le sue birre spesso estreme. Come …

Negli USA c’è un uomo sempre ubriaco perché il suo intestino produce birra

Cosa succederebbe se nella microflora del nostro intestino fosse presente un’alta percentuale di Saccharomyces cerevisiae? …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *