Cimec

Sparatoria a Milwaukee nel campus di Molson Coors: ex dipendente fa strage

Foto: Reuters

Sette vittime. È questo il tragico bilancio della sparatoria avvenuta qualche ora fa a Milwaukee nel campus di Molson Coors, multinazionale del settore brassicolo che possiede, tra gli altri, il birrificio italiano Birradamare. Ad aprire il fuoco è stato un ex dipendente dell’azienda, da poco licenziato a causa della riorganizzazione interna programmata da Molson Coors per tagliare i costi di gestione. L’uomo ha colpito a morte sei persone e poi è rimasto ucciso a sua volta. L’allarme era scattato poco prima quando la società aveva inviato una email ai dipendenti comunicando loro la presenza di un uomo armato al secondo piano dell’edificio 4. La polizia è arrivata sul posto poco dopo, allertata da numerose chiamate al 911.

Come riporta Repubblica, il sindaco di Milwaukee Tom Barrett ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Queste persone sono andate regolarmente al lavoro oggi, come tantissimi altri. Pensavano che al termine della giornata lavorativa sarebbero tornati a casa. Ma tragicamente non torneranno mai”, ha affermato il sindaco di Milwaukee.

Anche Donald Trump ha speso parole di condoglianze in apertura della conferenza stampa sul Coronavirus.

Leggi anche

Ancora pochi giorni per iscriversi al nostro Corso di degustazione di 2° livello

Ormai scriviamo dei nostri corsi sulla birra con una certa regolarità, grazie alla fiducia che …

Marco Valeriani (Alder) è ancora Birraio dell’anno. Shire trionfa tra gli emergenti

È Marco Valeriani del birrificio Alder il vincitore dell’edizione 2022 di Birraio dell’anno, il premio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!