Cimec

Addio a Giovanni Fumagalli del birrificio Via Priula

Nella giornata di ieri si è spento all’età di 60 anni Giovanni Fumagalli del birrificio Via Priula di San Pellegrino Terme (BG). Una notizia che ha lasciato sgomento tutto il movimento italiano della birra artigianale: Giovanni era ben conosciuto e apprezzato sia sul piano professionale, sia su quello umano. Nonostante fosse risultato negativo al tampone per il Coronavirus, a portarlo via è stata una polmonite acuta; troppo facile allora il collegamento con la drammatica situazione che stiamo vivendo in questo momento.

Giovanni aveva da poco lasciato la sua professione di farmacista per dedicarsi a tempo pieno alla produzione brassicola, dopo aver finalmente trasformato la sua impresa da beer firm a birrificio a tutti gli effetti. Via Priula infatti rappresenta un caso unico nel panorama nazionale: è un marchio nato nel 2010 e che per quasi un decennio è riuscito a crescere senza disporre di un impianto di proprietà, in un contesto in cui realtà analoghe riescono a mantenere una simile impostazione solo per una manciata d’anni. Merito anche delle capacità di Giovanni, la cui scomparsa lascia un grandissimo vuoto in tutti coloro che lo conoscevano.

Leggi anche

Il birrificio Baladin aderisce a “Brewers against war” per sostenere i profughi ucraini

Nelle scorse settimane su Cronache di Birra abbiamo segnalato alcune iniziative brassicole a sostegno della …

Ritual Lab è il miglior birrificio del 2022 secondo Birra dell’anno di Unionbirrai

Si è conclusa qualche minuto fa la premiazione di Birra dell’anno di Unionbirrai, storico concorso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.