Cimec

Giovanni Faenza (Ritual Lab) trionfa a Birraio dell’anno

Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello è il vincitore di Birraio dell’anno, il premio istituito da Fermento Birra che incorona il miglior professionista del comparto brassicolo sulla base dei voti degli esperti del settore. Si tratta di un successo di grande pregio per Giovanni, che conferma uno stato di grazia che ormai va avanti da diversi anni. La nuova affermazione infatti arriva dopo il trionfo di Ritual Lab all’ultima edizione a Birra dell’anno di Unionbirrai e la conquista del titolo Birraio Emergente del 2018. Con questa ennesima consacrazione Giovanni Faenza entra nell’olimpo dei birrai italiani e ribadisce lo straordinario livello raggiunto dal suo birrificio. Un riconoscimento che – ne siamo certi – egli vorrà condividere con tutto lo splendido staff di Ritual Lab.

Gli altri quattro finalisti dell’edizione 2020 di Birraio dell’anno sono stati nell’ordine Marco Valeriani (Alder), Luigi Recchiuti (Opperbacco), Pietro Fontana e Matteo Bonfanti (Carrobiolo) e Mauro Salaorni (Mastino).

Leggi anche

Ecco i risultati dei concorsi di Hospitality: vittorie per Badalà e Birrificio Incanto

Nella giornata di ieri sono stati premiati i vincitori dei concorsi dedicati alle eccellenze tecniche …

Da Blue Moon delle mini tortine da mettere sul bicchiere al posto della fetta di arancia

Qual è una delle cose più odiose al mondo? Esatto, la famigerata fetta di limone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!