Annunci

Vendesi imbottigliatrice isobarica semiautomatica nuova

Vendesi imbottigliatrice isobarica semiautomatica nuova, marca Braumanufaktur Werk. Di...

Birrificio vende intero impianto di produzione mai utilizzato

Birrificio in provincia di Foggia vende intero impianto di...

Birrificio vende impianto di maltazione da 500 kg di orzo per ciclo

Vendesi impianto di maltazione Braumaster Power-Malz del 2015 da...

Ecco Chimay 150: il birrificio trappista annuncia una nuova birra dopo oltre 50 anni

Ancora una novità dal mondo della birra trappista. Dopo la Triple Extra di Rochefort, la Sinergia ’21 di Tre Fontane e la commercializzazione ufficiale della Westmalle Extra, è ora il momento di un nuovo prodotto a firma Chimay. Anche in questo caso si tratta di un evento epocale, perché l’ultima nuova birra realizzata dall’Abbazia di Notre Dame de Scourmont fu la Cinq Cents (Triple) nel 1966. Dopo oltre 50 anni il birrificio ha dunque scelto di rinnovare la sua gamma con un prodotto inedito, battezzato Chimay 150 (10%). In realtà non è totalmente inedito, perché la ricetta fu elaborata nel 2012 in occasione dei 150 anni del birrificio – ecco il motivo del nome – come “semplice” creazione celebrativa. Ora Chimay ha deciso di metterla regolarmente in produzione, affiancandola dunque alle altre quattro produzioni standard (Dorée, Rouge, Triple e Bleue).

La Chimay 150 rientra nella grande famiglia delle Belgian Golden Strong Ale. È dunque una birra forte, ricca e complessa, ma anche pericolosamente facile da bere nonostante l’elevato tenore alcolico. Il lievito (che ricordiamo di essere quello di Chimay, usato per tutte le sue birre) è dunque grande protagonista, ma c’è anche un contributo importante da parte delle spezie aggiunte durante il processo produttivo. A tal proposito la ricetta prevede l’impiego di coriandolo e di un altro ingrediente speciale che il birrificio vuole mantenere segreto, ma che definisce raro, costoso e non facilmente reperibile in patria. Assolutamente classica la scelta dei luppoli con varietà Saaz e Hallertau Mittelfrüh, l’ultimo dei quali coltivato direttamente in Belgio. Nel ventaglio aromatico è possibile rintracciare eleganti note fruttate (polpa gialla, bergamotto, lime) e balsamiche (menta, eucalipto), che si accompagnano a sfumature di fiori, rosmarino, chiodi di garofano e zenzero.

- Advertisement -

La birra sarà disponibile in commercio a partire dal 1 giugno, inizialmente solo nel canale horeca. Durante i primi mesi sarà confezionata solo in bottiglie da 33 cl, poi successivamente arriverà anche nel formato da 75 cl con tappo in sughero.

Ultimi articoli

Arriva il Master sul luppolo e la sua valutazione: a ottobre un’innovativa iniziativa didattica

Scopri di più Oggi comincia la penultima settimana di luglio,...

Prossimi eventi: Beerfort, Birranova Beer Fest, Birragustando e Solbiate a tutta birra

Il mese di luglio prosegue con temperature elevate e...

Un consumo limitato di birra non fa male: un nuovo studio cinese ribalta le ultime certezze

Su Cronache di Birra non abbiamo mai evitato di...

Lo stato del mercato delle lattine: intervista a Cime Careddu

Come abbiamo avuto di scrivere in passato, le lattine...

Newsletter

Al bancone è la nostra newsletter quindicinale con notizie, iniziative ed eventi sulla birra artigianale.

Seguici

28,483FansMi piace
14,244FollowerSegui
6,353FollowerSegui
271IscrittiIscriviti

Ultimi annunci

A Copenaghen sta nascendo un quartiere all’avanguardia nella storica sede produttiva di Carlsberg

La città di Copenaghen sta vivendo una trasformazione epocale grazie a Carlsberg. Come racconta il Corriere della Sera, infatti, nell'area in cui sorgeva l'antico...

House of Guinness: la famosa birra irlandese diventa una serie Netflix

La piattaforma Netflix ha annunciato House of Guinness, una serie tv in otto episodi che ripercorrerà la storia della celebre birra irlandese e della...

SuperEIGHT di Dogfish Head: una birra per sviluppare le pellicole cinematografiche

Può una birra essere utilizzata come liquido per sviluppare una pellicola fotografica? La risposta più ovvia è no, ma non è quella corretta. Negli...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui