Cimec

Come ci vedono in Repubblica Ceca

Evan RailIl portale ceco Prague Daily Monitor ospita un interessantissimo blog sulla birra, ricco spesso di spunti interessanti. L’autore è Evan Rail, americano di nazionalità ma residente in Repubblica Ceca, che ha scritto diversi articoli sulla birra artigianale, nonché la Good Beer Guide del Camra sul paese dove attualmente vive.

L’ultimo post di Rail, intitolato eloquentemente “Italian Beer Culture”, è una breve panoramica della cultura birraria nostrana vista dagli occhi di chi proviene da una tradizione brassicola così antica come quella ceca. Il pretesto per l’articolo è un viaggio (ancora in corso) dell’autore in Italia, dove presumibilmente visiterà le principali mete birrarie. Prima tappa è stato il Birrificio Italiano di Lurago Marinone (la grande foto di Agostino Arioli ad apertura del post non lascia dubbi in tal senso), dove oltre a provare le migliori produzioni disponibili, il buon Evan è potuto entrare in contatto con la “fauna” di appassionati presenti in loco. E la reazione è chiaramente entusiastica:

Il più evidente elemento che emerge della scena birraria italiana è un entusiasmo senza confini, dai birrai ai gestori dei pub, da chi fa parte dello staff ai semplici clienti. I cechi consumano più birra […] ma gli appassionati italiani che abbiamo incontrato finora dimostrano un maggiore entusiasmo per ciò che scelgono di bere. Qui sentire la gente parlare della birra artigianale è come ascoltare i seguaci di una nuova religione o incontrare un gruppo di rivoluzionari politici.

Non c’è che dire: veramente un’analisi commovente, che va persino oltre la visione che abbiamo della nostra stessa scena birraria. Probabilmente spicca la differenza tra la dinamicità di una cultura emergente come quella nostrana e un contesto che, per motivi storici e di tradizione brassicola, risulta più statico.

Tessendo poi le lodi del Birrificio Italiano e del suo vasto e creativo parco birre, Evan Rail regala un altro interessante spunto di riflessione:

Molti birrai artigianali cechi difficilmente vantano una produzione con più di tre o quattro birre, delle quali almeno tre sono di solito semplici golden lager. In termini di confini alla creatività, qui (in Italia nda) i confini semplicemente non esistono.

E questo conferma ciò che sappiamo da tempo, cioè che i birrai italiani sono innovativi come pochi altri al mondo. Solitamente chi proviene da culture birrarie radicate difficilmente apprezza prodotti che fuoriescono dalle tipologie tradizionali; qui invece Rail dimostra una grande apertura mentale che non può che fargli onore.

Il prossimo appuntamento per Evan Rail è presso il Baladin. Sono curioso di leggere altri commenti entusiastici!

L'autore: Andrea Turco

Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È organizzatore della Italy Beer Week, fondatore della piattaforma Formazione Birra e tra i creatori del festival Fermentazioni. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

La birra per gli italiani: SWG svela quali sono i marchi più amati e molto altro

Nell’ultimo documento di analisi pubblicato da SWG, il noto istituto di ricerca triestino che dal …

Nuovi libri e graphic novel: Beer Revolution, Le tue birre acide e Wide Open

Sono passati più di sei mesi dall’ultima panoramica sulle novità editoriali di settore, dunque è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!