Cimec

Archivio tag: belgio

Un tour tra le Oud Bruin di Oudenaarde: la città della birra dimenticata

Oudenaarde è una città di 30.000 abitanti situata nelle Fiandre Orientali sulle rive del fiume Schelda, distante all’incirca un’ora e un quarto di auto da Bruxelles. Da queste parti due cose vanno per la maggiore: il ciclismo (qui arriva il prestigioso Tour des Flandres) e la birra. Oudenaarde è infatti una vera e propria città brassicola con una storia paragonabile a …

Vai all'articolo »

Una gita tra Belgio e Francia: un tour birraio tra l’Hainaut e l’Avesnois

La zona al confine fra Belgio e Francia, nel tratto che delimita la provincia belga dell’Hainaut e quella francese dell’Avesnois, offre paesaggi bucolici e natura incontaminata. Raggiungibile in automobile con un’ora di viaggio da Bruxelles e un’ora e mezza da Lille, la regione, situata ai piedi delle Ardenne, offre un susseguirsi di foreste, piccoli corsi d’acqua e “bocage” (prati e …

Vai all'articolo »

Nel cuore della Vallonia: una gita birraria a Namur e dintorni

I weekend di bel tempo, soprattutto in questa stagione, sono merce rara in Belgio e quando accadono è imperativo approfittarne. Di recente ho allora deciso di recarmi a Namur, città che non visitavo da parecchi anni e che, dal punto di vista birrario, non mi aveva particolarmente colpito. Namur è la capitale della Vallonia e capoluogo dell’omonima provincia. È situata …

Vai all'articolo »

Come il crowdfunding ha aiutato a preservare la scena birraria di Bruxelles

Nel corso della pandemia di Covid i locali di Bruxelles, come quelli di tutto il mondo, si sono trovati di fronte a chiusure prolungate, orari limitati e a un conseguente taglio netto del proprio giro di affari. A febbraio sui social network hanno cominciato ad apparire annunci della piattaforma growfunding.be dedicati alla campagna “Zuur”. Lo slogan era d’effetto (“una birra …

Vai all'articolo »

Alla scoperta della scena birraria della Provincia del Limburgo (Belgio)

La Provincia del Limburgo (da non confondere con il Limburgo olandese) è la più orientale delle Fiandre, situata al confine con i Paesi Bassi e a un’ora di macchina da Bruxelles. Dal punto di vista birrario è probabilmente la zona del Belgio meno conosciuta all’estero ma presenta delle realtà consolidate e delle sorprese interessanti. La mia visita è avvenuta proprio una …

Vai all'articolo »

Il ritorno dei viaggi birrari: alla scoperta della Basse Ourthe (Ardenne – Belgio)

Approfittando del miglioramento della situazione Covid e del conseguente rilassamento delle restrizioni, sono finalmente tornato a fare ciò che amo maggiormente: esplorare gli angoli birrari più nascosti dello straordinario paese in cui risiedo, il Belgio. La scelta è caduta sulle Ardenne, in particolare sulla zona della Bassa Ourthe, fra i fiumi Ourthe e Aisne. Il contesto naturalistico è molto affascinante …

Vai all'articolo »

Clamoroso a Bruxelles: chiude Restobières, il tempio della cucina alla birra

Direttamente dal Belgio arriva una notizia molto triste per tutti gli amanti della birra: dopo decenni di onorato servizio, chiude a Bruxelles il mitico Restobières, uno dei ristoranti alla birra più apprezzati al mondo. Aperto nel 1987 dal talentuoso chef Alain Fayt, Restobières è stato in grado di unire la tipica cucina belga con una splendida selezione di birre artigianali, …

Vai all'articolo »

Le antiche varietà di luppolo del Belgio

Quando pensiamo alle tante varietà di luppolo presenti al mondo, quali nazioni ci vengono in mente? In Europa diverse: la Germania, il Regno Unito, la Slovenia e in generale tutto il blocco mitteleuropeo. Poi sicuramente gli Stati Uniti, con le loro tipologie aromatiche che hanno conquistato il pianeta, e a seguire i paesi asiatici del Pacifico (Nuova Zelanda, Australia, Giappone), …

Vai all'articolo »

Gli stili perduti del Belgio: Uytzet, Diest, Peetermann, Cavesse e altri

Oggi consideriamo Michael Jackson il più grande divulgatore moderno di cultura birraria. Le sue intuizioni sono state grandiose e oggi tutto lo scibile inerente a questo argomento deriva quasi completamente dai suoi studi e dai suoi lavori. Se oggi parliamo di “stile birrario” e raccontiamo le varie tipologie con un approccio “etnografico”, è grazie a lui. In passato però ci …

Vai all'articolo »