Cimec
Home » Archivio tag: ratebeer

Archivio tag: ratebeer

AB Inbev acquista il 100% di Ratebeer

Nel giugno del 2017 fu annunciata l’acquisizione da parte della multinazionale AB Inbev di alcune quote di minoranza di Ratebeer, il famoso sito di rating birrario. La vicenda in realtà risaliva al 2016, ma fu resa pubblica solo molto tempo dopo. È invece di qualche ora fa la notizia che Ratebeer ha ceduto ad AB Inbev anche le quote rimanenti, …

Vai all'articolo »

Quando vendere alle multinazionali è controproducente: Ratebeer cancella il suo festival annuale

Se avete una buona memoria (e siete lettori assidui di Cronache di Birra) ricorderete che la scorsa estate vi illustrai tutti i settori soggetti all’invasione delle multinazionali della birra. In questi anni l’industria non sta semplicemente acquistando birrifici artigianali in tutto il mondo, ma anche penetrando dei segmenti collaterali al fine di ottenere un controllo pressoché totale del mercato. Così …

Vai all'articolo »

Non solo acquisizioni di birrifici: tutti i settori in cui le multinazionali stanno attaccando la birra craft

Che le multinazionali della birra stiano puntando il mercato artigianale è ormai un fenomeno assodato da anni, ma probabilmente in Italia abbiamo cominciato a comprenderne l’urgenza solo negli ultimi tempi, con le cessioni (totali o parziali) di Birra del Borgo, Ducato e Birradamare. Operazioni che hanno sconvolto il nostro panorama nazionale, ma che – come ben saprete – si accompagnano …

Vai all'articolo »

Il mistero della birra inglese nella Top 50 di Ratebeer che nessuno (o quasi) conosce

Qualunque appassionato di birra è destinato prima o poi a scontrarsi con i siti e le app di rating, come Ratebeer e Beeradvocate o Untappd. In passato – molto in passato per la verità, perché poi l’argomento mi ha annoiato velocemente – ho espresso il mio parere su certi strumenti, che in teoria rappresentano delle risorse eccezionali ma che si riducono …

Vai all'articolo »

Three Floyds, o delle oscure ripercussioni del successo

Oggi ha attirato la mia attenzione un articolo pubblicato su Beernews, che spiega le difficoltà che sta incontrando uno dei produttori americani più in voga del momento: Three Floyds. Fondato nel 1996, il birrificio si è sempre contraddistinto per ottimi prodotti, acquistando anno dopo anno l’attenzione di un numero crescente di appassionati. Un iter normale, comune a tante altre realtà …

Vai all'articolo »

A proposito di Ratebeer e BeerAdvocate…

Nonostante l’estate inoltrata abbia raffreddato la partecipazione sul blog, i post degli ultimi giorni hanno registrato un forte interesse tra i lettori, con molti commenti al seguito. Merito delle diverse posizioni riguardanti i siti di rating birrario – in particolare Ratebeer e BeerAdvocate – che, grazie alla polemica instaurata da Brewdog, sono state ribadite anche nell’articolo di ieri, dedicato ai …

Vai all'articolo »

I birrai americani contro Ratebeer e BeerAdvocate

Il sito Beernews è una delle letture migliori per chi vuole mantenersi aggiornato sulle novità provenienti dal mondo della birra artigianale (soprattutto per quanto riguarda gli USA). Oltre alla sterminata quantità di notizie su nuove birre, ogni tanto ci scappa anche un post diverso, diciamo di attualità… Un esempio è l’articolo pubblicato sabato scorso, in riferimento a una polemica scoppiata …

Vai all'articolo »

Per Ratebeer il "Ma che siete" è il miglior pub al mondo!

Oggi ho veramente poco tempo da dedicare al blog, quindi pubblico un post veloce veloce. Qualche ora fa il sito Beernews ha riportato la notizia che Ratebeer, il più importante portale europeo di rating birrario, ha stilato la sua personale classifica del 2010. Tra le tante classifiche spicca il risultato ottenuto dal locale romano Ma che siete venuti a fà, …

Vai all'articolo »

L'Italia birraria tra rating e classifiche

Molti conosceranno Ratebeer, il sito di rating birrario più famoso in Europa. L’idea alla base è molto semplice: catalogare tutte le birre del mondo, permettendo agli utenti di lasciare una propria opinione e un personale voto. Il successo di Ratebeer e del “cugino” americano BeerAdvocate va oltre ciò che si potrebbe pensare inizialmente, basta pensare ai tanti cloni nati negli …

Vai all'articolo »