Cimec

Archivio tag: usa

Ritrovata negli Stati Uniti una “grotta della birra” risalente al XIX secolo

Scoprire reperti archeologici in una nazione “giovane” come gli Stati Uniti è impresa più unica che rara, se poi i ritrovamenti hanno a che fare con la birra allora l’eccitazione raggiunge livelli estremi. È ciò che è accaduto ad alcuni operai al lavoro sulla rete elettrica di Winterset, capoluogo della Contea di Madison, nello Iowa, che durante gli scavi si …

Vai all'articolo »

Non solo hype (speciale Illinois): Keeping Together e Phase Three

In passato ho espresso più volte la mia soddisfazione qualora riesca a scoprire referenze di birrifici statunitensi poco conosciuti, se non localmente o nello stato di appartenenza, con un hype basso o molto moderato, che si rivelino degni di considerazione. Qui, invece, ci occuperemo di due realtà che in maniera diversa stanno facendo parlare di sé, e delle quali alcune …

Vai all'articolo »

Clamoroso negli USA: il birrificio Stone ceduto a Sapporo

Da qualche ora sta rimbalzando nell’ambiente la deflagrante notizia dell’acquisizione di Stone Brewing da parte del gigante giapponese Sapporo. Sebbene la trattativa sia ancora in corso, è praticamente data per definita, tanto che la sua chiusura è prevista per agosto 2022. L’operazione ha un incommensurabile valore simbolico, perché non solo riporta d’attualità le acquisizioni dell’industria nel comparto craft, ma lo …

Vai all'articolo »

Accordi nel mondo craft: Maui Brewing pronta ad acquisire Modern Times

A metà dello scorso febbraio riportammo due notizie provenienti dagli USA, una delle quali riguardava il birrificio californiano Modern Times. L’azienda, piuttosto apprezzata nell’ambiente e diventata il produttore craft con la crescita più rapida di tutti gli Stati Uniti, aveva infatti annunciato la chiusura della metà dei suoi locali (quattro su otto), tra cui il prestigioso Belmont Fermentorium di Portland, …

Vai all'articolo »

La riscoperta degli stili “quotidiani” e i motivi di un fenomeno globale

Da qualche tempo in Italia stiamo assistendo al ritorno di fiamma per stili semplici e “quotidiani”. Tutto è cominciato con le Lager, che, dopo essere state quasi snobbate per anni – a parte qualche eccezione – sono tornate al centro delle scelte di birrifici e pub. Il processo è stato sicuramente favorito dall’ascesa internazionale delle Italian Pilsner, ma poi si …

Vai all'articolo »

Gli impressionanti numeri del mercato del luppolo negli Stati Uniti

Come avrete notato nelle ultime settimane abbiamo spesso trattato il tema “luppolo”, declinato in diversi modi. Lo abbiamo fatto non per un capriccio personale, ma perché era necessario coprire alcuni argomenti che, in un modo o nell’altro, erano diventati di interesse generale per il nostro ambiente. Ciò conferma quanto il luppolo rimanga centrale non solo nella narrazione della birra artigianale, …

Vai all'articolo »

Addio a Hair of the Dog, mentre Modern Times chiude quattro sedi su otto

Negli articoli delle ultime settimane abbiamo spesso citato l’Oregon, e non a caso: lo stato americano è uno dei centri nevralgici del movimento birrario internazionale, grazie alla presenza di 200 produttori, alcuni dei quali hanno scritto la storia della rivoluzione craft. Per rimanere ad argomenti trattati di recente, ad esempio, è lì che sono nate le Cold IPA, la nuova …

Vai all'articolo »

Quattro chiacchiere con James Herrholz di Corporate Ladder

Dopo il recente articolo dedicato alla Florida, continuiamo a porre l’attenzione sull’interessante stato americano intervistando James Herrholz, head brewer di Corporate Ladder. Il birrificio, insieme a Woven Water e Tripping Animals, si sta facendo ampiamente notare con le sue produzioni in tutto il territorio statunitense, ma anche tra gli appassionati europei più attenti alla scena americana. James, peraltro, non è …

Vai all'articolo »

Non solo hype (speciale Florida): Woven Water e Tripping Animals

Come già spiegato in un precedente articolo, per un appassionato è fonte di grande soddisfazione scoprire prodotti degni di considerazione, ma provenienti da birrifici stranieri con un hype basso o molto moderato e poco conosciuti, se non localmente o nello stato americano di appartenenza. Proseguendo il viaggio cominciato all’epoca, oggi ci occuperemo di due produttori statunitensi dei quali alcune referenze …

Vai all'articolo »