Craft Beer Evolution
Home » Altro » Una serata in compagnia di Kuaska (e non solo)

Una serata in compagnia di Kuaska (e non solo)

Domenica particolare quella appena passata, scandita dai racconti – birrari e non – di Kuaska e da ottime bevute. Una serata con Lorenzo è sempre un’opportunità unica di apprendere qualcosa in più sulla birra, ma soprattutto è un’occasione di passare piacevolmente qualche ora, soprattutto per chi non ha la possibilità di godere spesso della sua compagnia. Invece, lo scorso week-end Kuaska è passato proprio a Roma per condurre una fantastica degustazione pomeridiana al bir&fud, seguita dalle immancabili chiacchiere con amici e appassionati.

Come ho accennato la degustazione si è tenuta nel tardo pomeriggio, terminando giusto in tempo per il calcio d’inizio della finale degli Europei. Io sono arrivato a Trastevere poco prima, ho avuto solo qualche minuto per salutare la solita combriccola di via Benedetta, dopodiché sono entrato al Ma che siete per seguire la partita, sedendomi a un tavolo con lo stesso Kuaska, Manuele, Fabio e altri amici. E’ così che è iniziata una piccola sessione di calcio & birra, sicuramente piacevole.

Kuaska

In verità le chicche vere sono state solo due (se non vogliamo considerare tali le “solite” Alvinne Gaspar, Blanche de Namur e compagnia cantante alla spina), ma meritano comunque un minimo di attenzione. La prima è stata una rarità unica: Eylembosch Gueuze del 1984. Si tratta ovviamente di una birra a base di lambic, prodotta a suo tempo dal birrificio omonimo, che chiuse i battenti nel 1991 dopo essere stato acquistato, 2 anni prima, da Keermaeker (poi passata sotto il controllo di Alken-Maes). Più che una birra è una vera esperienza sensoriale, fantastica per chi è amante delle fermentazioni spontanee: un’esplosione di percezioni olfattive e gustative difficilmente riconducibili a riferimenti precisi, suscettibili inoltre di interpretazioni personalissime: io ho trovato qualcosa che mi ricordava il tabacco, ma nessuno dei presenti ha sostenuto questa tesi 😉 .

Macche

La seconda rarità della serata ci è stata offerta dal birraio in persona, Leonardo Di Vincenzo, che si è presentato con una bottiglia di DucAle vecchia di due anni. Devo ammettere che tra tutte le creazioni di Leonardo la DucAle è forse quella che ha ricevuto meno attenzione di quanto avrebbe meritato, probabilmente perché tra tante birre originali questa è la meno appariscente. Invecchiata invece acquista una fisionomia completamente diversa, ricordando quasi un barley wine: ho trovato un dolce piuttosto zuccherino inizialmente, ben bilanciato da un retrogusto tostato. Se consideriamo che arriva quasi a 9 gradi alcolici, forse il paragone con i “vini d’orzo” non è proprio campato per aria.

4:20

Terminato il giro di assaggi e dopo aver assistito al trionfo continentale della Spagna, ci siamo trasferiti al 4:20 per altre birre e altri aneddoti. Dopo un lambic di Girardin però ho abbandonato la combriccola, ho salutato Kuaska e gli altri e sono tornato a casa, soddisfatto della bella serata. Ringrazio Manuele, Fabio e Leonardo per le fantastiche chicche birrarie.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

la5 riserve

Una panoramica sulle nuove birre italiane (Fermentazioni edition)

La quarta edizione di Fermentazioni che prenderà il via a Roma venerdì prossimo come sempre ...

taronja

Nuove birre da Canediguerra, Italiano + Crak, Ducato, Extraomnes e altri

Dopo la pausa estiva riprendiamo anche la consueta panoramica sulle nuove birre italiane. Partiamo da ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *