Craft Beer Evolution
Home » Birre » Dagli USA un paio di birre particolari

Dagli USA un paio di birre particolari

reunion-beer-09Prima di bollare il post di oggi come l’ennesimo annuncio di qualche strampalata birra americana prodotta con ingredienti inusuali, aspettate un attimo. La particolarità delle due produzioni in questione risiede nell’originalità dei progetti da cui nascono, che non hanno molti punti di contatto tra loro, ma che meritano una menzione per rappresentare interessanti novità. La prima birra, infatti, è finalizzata unicamente a scopi di beneficienza, mentre la seconda, sebbene avrà una diffusione nazionale, è frutto dell’inventiva di un homebrewer.

La Reunion ’09 è la terza edizione della Birra per la speranza, prodotta con l’obiettivo di sostenere l’attività dell’Istituto nazionale per la ricerca sul cancro e sul mieloma. La Reunion ’09 è una Double White Ale, quindi una versione più “intensa” delle tipiche birre estive americane. E’ realizzata nel nord della California dalla Bison Brewing, che si è avvalsa della collaborazione dei birrifici Elysian, Pizza Port e Terrapin: si tratta di nomi di sicuro livello per il movimento degli Stati Uniti. Sarà disponibile solo in fusto e presente nel menu dei ristoranti Taco Mac da domani.

Per saperne di più sull’attività dell’istituto a cui saranno devoluti i proventi delle vendite, riporto quanto scritto sul sito ufficiale del progetto

Ogni giorno a più di 1.000 persone in tutto il mondo viene diagnosticato un cancro al sangue. L’IMBCR è uno sei più importanti enti indipendenti al mondo per la ricerca nel campo. Il suo lavoro non solo riguarda i malati di mieloma, ma produce benefici anche per malattie simili, come il cancro al seno o il linfoma.

Per saperne di più vi rimando al sito del progetto.

Cambiando decisamente tenore del post, Beernews riporta la notizia che è stata ufficializzata l’etichetta per la Aloha Plenty, una nuova birra della collezione Collaboration Series di Stone. Come il nome suggerisce, le produzioni del birrificio californiano rientranti in questa categoria sono realizzate in collaborazione con altri produttori, americani o stranieri. Questa volta il tipo di collaborazione tuttavia è un po’ diverso, in quanto la ricetta dell’Aloha Plenty è figlia del “domozimurgo” Ken Schmidt, con la quale ha vinto l’ultima Rally Homebrew Competition organizzata dall’associazione americana homebrewers.

Come riconoscimento per la vittoria, Schmidt ha avuto il piacere di realizzare la sua birra per la distribuzione su tutto il territorio nazionale, coadiuvato in questa attività da Mitch Steele della Stone e Garrett Manero della Maui Brewing. La Aloha Plenty è una Robust Porter dal sapore esotico, brassata con caffè Kona, cocco tostato e noci macadamia. Inoltre, la birra parteciperà nella sua forma originale al concorso per homebrewer del prossimo Great American Beer Festival.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

la5 riserve

Una panoramica sulle nuove birre italiane (Fermentazioni edition)

La quarta edizione di Fermentazioni che prenderà il via a Roma venerdì prossimo come sempre ...

taronja

Nuove birre da Canediguerra, Italiano + Crak, Ducato, Extraomnes e altri

Dopo la pausa estiva riprendiamo anche la consueta panoramica sulle nuove birre italiane. Partiamo da ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *