Home » Birre » Ad agosto torna la Scires!

Ad agosto torna la Scires!

SciresDall’inizio del prossimo mese sarà disponibile in commercio la nuova annata della Scires, una delle creazioni più spettacolari e originali di Agostino Arioli, birraio del Birrificio Italiano. Quella del 2008 sarà la seconda edizione, sebbene questa birra sia in produzione sin dal lontano 2000 col nome di Sciresona; la commercializzazione tuttavia è partita solo lo scorso anno.

Come il nome suggerisce, si tratta di un prodotto molto particolare: “scirés” in milanese significa “ciliege”, che in effetti rappresentano l’ingrediente principe della ricetta. Due sono le varietà di ciliege utilizzate: il durone e la moretta, entrambe di Vignola, provenienti da agricoltura biologica.

Le particolarità della Scires però non si fermano a questo ingrediente fondamentale, ma riguardano l’intero processo produttivo. Innanzitutto al mosto è aggiunta una percentuale di innesto (o “madre”) a fermentazione acida ottenuto partendo dalla Prima, storica birra scura del Birrificio Italiano. Successivamente una base di Bibock (la bock del produttore) viene tagliata con una birra a fermentazione spontanea. Infine viene eseguito un dolce dry hopping con luppoli aromatici tedeschi leggermente ossidati.

Piuttosto inusuale è anche la fase della maturazione, che viene portata avanti a temperature molto basse al fine di inibire l’azione dei batteri selvaggi e rimandarla al momento dell’imbottigliamento. Durante la maturazione, inoltre, vengono aggiunte schegge di rovere di diversa tostatura per affinare il sapore.

Il risultato è una birra molto complessa dove i sentori tipici della fermentazione spontanea convivono con le fresche e fruttate fragranze della ciliegia. Si tratta di un prodotto dalla lunga evoluzione, valorizzato da un invecchiamento che ne ammorbidisce il carattere e rilascia le piacevoli note di ciliegia.

La Scires rappresenta in qualche modo un compendio delle grandissime competenze brassicole di Agostino, uno dei pionieri della birra artigianale italiana. E’ una birra difficile, estrema se vogliamo, che però merita di essere assaggiata almeno una volta. Io, per inciso, la trovo formidabile 🙂 .

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Nuove birre da Lambrate + Beavertown, Eremo, Vetra, Extraomnes, Crak e altri

Cominciamo la settimana con una panoramica sulle nuove birre italiane poiché le novità sono tante ...

Una panoramica sulle nuove birre italiane (Fermentazioni 2017 edition)

Mancano solo due giorni all’inizio della quinta edizione di Fermentazioni e come sempre il festival ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *