Craft Beer Evolution
Home » Birre » Piccolo Birrificio: una birra per Halloween

Piccolo Birrificio: una birra per Halloween

La realizzazione di birre speciali per Halloween, per quanto poco conosciuta, è un’usanza abbastanza diffusa nel mondo della birra artigianale, in special modo – e ci mancherebbe altro – tra i birrifici americani. Se esistono birre prodotte appositamente per Natale o Pasqua, non meraviglia scoprire che la stessa cosa accade per una festa che, nel nuovo continente, è considerata tra le più importanti dell’anno.

Le birre di Halloween solitamente prevedono l’impiego del frutto principe della ricorrenza, la zucca, e si sono diffuse a tal punto da definire una categoria birraria a parte, quella delle Pumpkin Ale. Ecco come Beeradvocate ce le presenta:

Spesso prodotte come birre speciali per l’autunno, le Pumpkin Ale sono piuttosto variegate. Alcuni birrai scelgono di usare zucche tagliate a mano e aggiungerle durante l’ammostamento, altri di impiegarne solo gli aromi. In genere queste birre sono realizzate con l’aggiunta di spezie utilizzate anche per la preparazione di torte alla zucca, come zenzero, cannella, noce moscata, chiodi di garofano e altre. Le Pumpkin Ale di solito sono dolci, con un amaro piuttosto ridotto, caratterizzate da note maltate e speziate.

Introdotta a dovere questa particolare categoria di birre, passiamo alla notizia cui si riferisce il titolo del post. Come apprendo da Mondobirra, il Piccolo Birrificio di Apricale (IM) ha pronta la sua Pumpkin Ale per il prossimo Halloween. Il nome, Nüa Jack O’ Lantern, da una parte ricorda l’omonima linea di birre del produttore ligure, dall’altra richiama alla mente la tipica sagoma intagliata nella zucca, simbolo della festività.

La birra è prodotta con zucca della specie Cucurbita maxima ed alcune spezie, tra cui coriandolo e arancia amara. In onore al paese dove trae origine Halloween, il birraio Lorenzo Bottoni ha impiegato luppoli americani (Cascade e Amarillo). Altra particolarità: sono stati utilizzati lieviti da vino, in particolare Chardonnay per la fermentazione primaria e Epernay per la rifermentazione. Le 2500 bottiglie disponibili, in formato da 33 cl, saranno numerate.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

vecchio-mondo

Nuove birre da Ducato + Oxbow, La Ribalta, Canediguerra, Hammer e altri

Uno degli aspetti più affascinanti della rivoluzione internazionale della birra artigianale è la riscoperta di ...

vento-forte-2

Nuove birre da Vento Forte, Eastside, ECB, Rurale, PBC e Trunasse

Il termine “juicy” è uno dei più quotati negli ultimi tempi tra gli appassionati (italiani) ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *