Craft Beer Evolution
Home » Birre » Brewdog ancora nel segno dell'originalità

Brewdog ancora nel segno dell'originalità

Lasciando da parte per il momento le polemiche relative alle nuove norme in tema di alcool e automobili, rituffiamoci nella scena europea della birra artigianale con due novità provenienti da Brewdog, uno dei birrifici più in voga nel panorama internazionale. Come riportato da Beernews, i due nuovi prodotti nati dal genio dell’azienda scozzese si caratterizzano, ancora una volta, per la loro orginalità… e anche in questo caso i più bacchettoni avranno da ridire.

La prima è la Speedball, una strong ale (7,8%) dal colore marrone intenso. Il nome non a caso si riferisce al termine inglese utilizzato per indicare una combinazione di eroina e cocaina, potenzialmente letale visto che è composta sia da agenti stimolanti (cocaina) che depressivi (eroina). Il risultato è una possibile “overdose ritardata”, con conseguenze gravi, in particolare pesanti depressioni respiratorie.

Ovviamente tutto questo poco c’entra con la birra di Brewdog e l’unico collegamento è con l’utilizzo sia di ingredienti stimolanti che di ingredienti depressivi. Tra i primi rientrano il miele di erica scozzese, che si sposerebbe divinamente con il luppolo Amarillo impiegato in fase produttiva, il Guaranà, con la sua piacevole astringenza, e la Cola acuminata, una pianta sempreverde originaria delle foreste tropicali dell’Africa occidentale e dalle forti proprietà eccitanti. Tra gli ingredienti con effetti depressivi troviamo invece il Papavero Californiano e il luppolo.

Ecco come la stessa Brewdog ci illustra le caratteristiche organolettiche della Speedball:

Inizialmente si avverte il dolce del miele e uno strato di toffee proveniente dall’impiego dei malti. Il corpo è secco, con un rassicurante amaro dato dai luppoli e dal papavero prima che emergano improvvise le note speziate e pepate derivanti dall’uso del guaranà e della cola. La birra lascia la bocca pulita e invita a ulteriori sorsi.

Per la cronaca, in America questo prodotto sarà messo in commercio con un nome alternativo, cioè Dogma. La Brewdog naturalmente vuole evitare problemi con la legge e l’opinione pubblica, visti anche i difficili precedenti in Inghilterra.

La seconda birra si chiama Divine Rebel ed è un barley wine prodotto in collaborazione con la danese Mikkeller. Toccherà i 12,5% gradi alcolici, sarà realizzata con lieviti di champagne e con una sola qualità di luppolo. Altre informazioni su questa birra saranno rivelate nei primi mesi del nuovo anno.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

vecchio-mondo

Nuove birre da Ducato + Oxbow, La Ribalta, Canediguerra, Hammer e altri

Uno degli aspetti più affascinanti della rivoluzione internazionale della birra artigianale è la riscoperta di ...

vento-forte-2

Nuove birre da Vento Forte, Eastside, ECB, Rurale, PBC e Trunasse

Il termine “juicy” è uno dei più quotati negli ultimi tempi tra gli appassionati (italiani) ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *