Cimec
Home » Birre » Birrificio Italiano e Thornbridge tornano a collaborare

Birrificio Italiano e Thornbridge tornano a collaborare

Ad inizio anno vi parlai di alcune novità del Birrificio Italiano, tra cui la creazione della SuJu insieme a Stefano Cossi, birraio italiano dell’inglese Thornbridge Brewery. Da quanto si apprende dal blog ufficiale, quell’esperienza andò così bene che i due birrifici hanno deciso di lavorare congiuntamente a un nuovo progetto: se nel 2008 il frutto del loro lavoro fu una ale al ginepro, questa volta toccherà a un Barley Wine.

Il prossimo 6 aprile, dunque, Stefano Cossi sarà a Lurago Marinone per preparare la nuova birra insieme ad Agostino Arioli. Tuttavia la collaborazione non si fermerà all’ideazione della ricetta, visto che ognuno dei due birrifici intreprenderà un particolare affinamento in legno: mentre in Italia la birra riposerà in barrique di Ramandolo, in Gran Bretagna sarà accolta in botti di Nyetimber.

Sparrow Pit sarà il nome di questa nuova creazione a quattro mani e trae ispirazione dalla località del Derbyshire dove il Birrificio Italiano è solito perdersi nel viaggio verso la Thornbridge Brewery. L’invecchiamento in botti sarà piuttosto lungo (circa 12 mesi), perciò per un assaggio bisognerà aspettare aprile del 2010, quando, durante una serata speciale presso il birrificio in provincia di Como, sarà presentata la Sparrow Pit in entrambe le versioni.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Nuove birre da Ca’ del Brado, Jungle Juice, Hibu, Eastside e Settimo

La panoramica di oggi sulle nuove birre italiane parte con una collaborazione importante tra un ...

Nuove birre da Crak, Lambrate, Birrificio della Granda e altri

Primo post settembrino dedicato alle nuove birre italiane e partiamo con un tris di novità ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *