Festival Birra Vercelli

feb

27
'12

I risultati di Birra dell’anno 2012

Sabato scorso sono stati svelati i risultati del concorso Birra dell’anno 2012 di Unionbirrai, al quale, come già annunciato, ho preso parte in qualità di giudice insieme ad altri 31 “colleghi”. Con estremo ritardo finalmente pubblico su Cronache di Birra i podi delle 20 categorie del contest, cosa che non ho potuto fare precedentemente perché a corto di una connessione Internet decente (e di tempo, non lo nascondo). Di seguito le medaglie assegnate al concorso, ci sentiamo in giornata per commentarli insieme. E di cose da dire quest’anno ce ne saranno parecchie :) .

Categoria 1: Birre chiare, alta e bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione tedesca (Helles, German & Bohemian Pilsner, Zwickl, Keller, Dortmunder Export, Kolsch)

1° classificato: Soràlamà – Slurp!
2° classificato: Birrificio Italiano – Tipopils
3° classificato: Statalenove – Levante

Categoria 2: Birre ambrate e scure, alta e bassa fermentazione,basso grado alcolico, di ispirazione tedesca (Vienna, Marzen, Dunkel, Schwarz, Dark Lager, Alt, Sticke)

1° classificato: Rienzbräu – La Nera
2° classificato: Birrone – Scubi
3° classificato: Doppio Malto Brewing Company – Rust

Categoria 3: Birre ad alto grado alcolico, bassa fermentazione, di ispirazione tedesca (Bock, Heller Bock, Maibock, Doppelbock, Eisbock)

1° classificato: Rienzbräu – Finitor
2° classificato: Birrificio Lambrate – Lambrate
3° classificato: birrificio artigianale sammarinese – Titanbrau Rossa

Categoria 4: Birre a basso grado alcolico, alta fermentazione, di ispirazione anglosassone (Golden, Bitter, Pale Ale)

1° classificato: Foglie d’Erba – Haraban
2° classificato: Birrifico Vlcavallina – Sunflower
3° classificato: Brewifst – 24K

Categoria 5: Birre luppolate, alta fermentazione, di ispirazione angloamericana (IPA, Double IPA)

1° classificato: non assegnato – non assegnato
2° classificato: Badattitude – Dude
3° classificato: Foglie d’Erba – Freewheelin’ I.P.A.

Categoria 6: Birre ad alto grado alcolico, alta fermentazione, di ispirazione angloamericana (English/American/Scottish Strong Ale)

1° classificato: Birrificio Emiliano – Pomposa
2° classificato: Birrificio Sant’Andrea – Rossa Del Gallo
3° classificato: Birranova – Abboccata

Categoria 7: Birre scure, alta fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione angloamericana (Brown Ale, Mild, Porter, Dry/Sweet Stout, Oatmeal Stout)

1° classificato: La Piazza – Turner
2° classificato: Birrificio del Forte – 2 Cilindri
3° classificato: Birrificio del Ducato – Sally Brown

Categoria 8: Birre scure, alta e bassa fermentazione, alto grado alcolico, di ispirazione angloamericana (Robustus/Baltic Porter, Imperial Porter, Russian Imperial Stout)

1° classificato: Piccolo Birrificio Clandestino – Montinera
2° classificato: Birrificio Civale – Imperiosa
3° classificato: Badattitude – Twopenny

Categoria 9: Birre ad alto grado alcolico, alta fermentazione, di ispirazione angloamericana (Barley Wine, Old Ale)

1° classificato: Birrificio Baladin – XYAUYU 2008 riserva Teo Musso
2° classificato: Birrificio del Ducato – La Prima Luna
3° classificato: Birrificio Troll – Geisha

Categoria 10: Birre con frumento maltato, di ispirazione tedesca (Weizen, Dunkelweizen, Weizenbock)

1° classificato: BiRen – Charlotte
2° classificato: Doppio Malto Brewing Co. – Brass Weiss
3° classificato: Birrificio Italiano – B.I.-Weizen

Categoria 11: Birre chiare, alta fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione belga (Belgian Blonde, Blanche, Wit)

1° classificato: Birrificio Sant’Andrea srl – Fog
2° classificato: Birrificio del Forte – Gassa d’Amante
3° classificato: Birrificio Math – LA 68

Categoria 12: Birre chiare, alta fermentazione, alto grado alcolico, di ispirazione belga (Belgian Strong Ale, Triple)

1° classificato: Birrificio Lariano – Tripe’
2° classificato: Birrificio F.lli Trami – 3-Tre
3° classificato: Birrificio Endorama – Caliban

Categoria 13: Birre scure, alta fermentazione, alto grado alcolico, di ispirazione belga (Belgian dark Ale)

1° classificato: Croce di Malto – Magnus
2° classificato: Rubiu – Moresca
3° classificato: Birrificio F.lli Trami – Grostè

Categoria 14: Birre con spezie e/o cereali, alta e bassa fermentazione

1° classificato: Vecchia Orsa – Saison
2° classificato: Birrificio Baladin – Zucca
3° classificato: La Petrognola – Bianca

Categoria 15: Birre affumicate, alta e bassa fermentazione

1° classificato: Statalenove – Preda
2° classificato: Birrificio del Ducato – Wedding Rauch
3° classificato: Piccolo Opificio Brassicolo del Carrobiolo – Fermentum (Fermentum 1111 Invernale rifermentata)

Categoria 16: Birre affinate in legno, alta e bassa fermentazione

1° classificato: La Gastaldia – Pietra
2° classificato: Birra del Borgo – Sedicigradi
3° classificato: Birrificio Baladin – Terre

Categoria 17: Birre alla frutta, alta e bassa fermentazione

1° classificato: Birrificio Italiano – Scires
2° classificato: Birrificio Italiano – Cassissona
3° classificato: Via Priula di San Pellegrino Terme – Rosa!

Categoria 18: Birre alla castagna, alta e bassa fermentazione

1° classificato: Birrificio San Michele – Norma
2° classificato: Birrificio artigianale La Fabbrica – Castagna
3° classificato: La Birra di Meni – Pitruc

Categoria 19: Birre acide

1° classificato: Birrificio Menaresta – Birra Madre
2° classificato: Birrificio Italiano – BRQ SC#3
3° classificato: Birrificio del Ducato – La Luna Rossa

Categoria 20: Birre al miele

1° classificato: Mostodolce – Martellina
2° classificato: Birrificio Lungo Sorso – FatAle
3° classificato: La Birra di Meni – Nardons

Birrificio dell’anno: Birrificio Italiano

A più tardi.

Tags di questo articolo: ,

33 Commenti a “I risultati di Birra dell’anno 2012”

Vai all'ultimo commento Mostra/nascondi tutti i commenti
  1. Mostra/nascondi commento

    Marco

    Ciao. la birra di Menaresta si chiama BIRRA MADRE, non Birra Dea Madre.

    Marco

    1. Mostra/nascondi commento

      Andrea Turco

      Grazie, i tanti errata corrige mi hanno confuso :)

      1. Mostra/nascondi commento

        Tony

        Sì, ne so qualcosa…:-)

  2. Mostra/nascondi commento

    amarillo

    quindi 2 Medaglie d’oro valgono meno di, ad esempio, 1O 2A 1B? Riezenbrau se si parla di medaglie doveva vincere, anche perche’ immagino abbia presentato molte meno birre di BI. Molto poco olimpico.
    Mi fa piacere abbiano vinto o si siano piazzati dei birrifici che solitamente fanno birre non indimenticabili, si vede stanno migliorando.

    1. Mostra/nascondi commento

      Andrea Turco

      Se non erro, per la definizione di Birrificio dell’anno contano anche le menzioni di 4° e 5° posizione.

  3. Mostra/nascondi commento

    Ale

    Ciao, come mai il primo posto nelle IPA non è stato assegnato?

    1. Mostra/nascondi commento

      Andrea Turco

      Ne parlerò nel post che seguirà a breve

  4. Mostra/nascondi commento

    sanpaolo

    Già, come mai? E’ interessante competere per tre piazzamenti (e pagare di conseguenza) e vederne assegnati solo due, tra l’altro i minori. Forse l’importante non è vincere, ma partecipare? Poichè non viene pubblicata la semplice partecipazione di un birrificio alla categoria, nè vengono restituite le schede degustative, nè vengono menzionate le altre birre in concorso o una classifica “a punti” , direi che i ritorni per un Birrificio siano nulli.

  5. Mostra/nascondi commento

    1. Mostra/nascondi commento

      sanpaolo

      Grazie Marco sei inesauribile!
      Rivedere le categorie non basta, la nuova scheda degustativa deve riportare la presenza o meno di scintilla birraria e la quantità di emozione percepita.
      La Sunflower, veramente ottima tra l’altro e da bere a secchi, è dichiarata da ratebeer come American Pale Ale, di stile “anglosassone” ha poco.

      Messe come puro riferimento, le categorie hanno poco senso. Al GBBF squalificano se sei fuori categoria, ma lì ci sono categorie più sensate forse.

      1. Mostra/nascondi commento

        maxbeer

        sulla Sunflower e similari…
        a parte che ratebeer non e’ la bibbia ;-) , anzitutto c’e’ da considerare che le categorie oltre a richiamare (in modo elastico) alcuni stili di “ispirazione”, avevano anche dei parametri di Plato, Alc, EBC e IBU, per cui una birra come la Sunflower (e non solo) probabilmente combaciava meglio con la categoria dove e’ stata iscritta.
        Nello specifico, inoltre, in UK gia’ da un po’ di anni le piu’ diffuse fra le “session” ale – soprattutto come varieta’ di “titoli” – sono ormai le golden ale (previste per l’appunto nella categoria di cui stiamo parlando). E fra queste, una buona parte, se non la maggior parte, fa uso di luppoli USA o anche esotici. Rooster ad esempio lo fa da 15 anni…
        (tra parentesi, le birrerie inglesi usavano anche luppoli USA gia’ nell’800…)

      2. Mostra/nascondi commento

        SR

        ma soprattutto, perché un APA di stile anglosassone ha poco?!? da quando gli americani non sono anglosassoni?!?

        http://it.wikipedia.org/wiki/Paesi_anglosassoni

    2. Mostra/nascondi commento

      INDASTRIA

      Non avevo letto la risposta riguardo la categoria “IPA” prima di commentare nell’altro articolo. Beh, lascia davvero perplessi…

  6. Mostra/nascondi commento

    giufandango

    3 podi per i bergamaschi, non posso che essere contento, soprattutto per la Sunflower di Valcavallina, una session beer eccezionale!!

  7. Mostra/nascondi commento

    Schigi

    Continuo a convincermi sempre di più che il metodo Polli/ADB sia di granlunga la migliore formula di concorso che abbiamo in Italia.

  8. Mostra/nascondi commento

    giufandango

    @marco tripisciano: Ma che risposta è?

    A questo punto ha piu’ logica dare degli ex aequo piuttosto che lasciare il primo posto vacante…

    1. Mostra/nascondi commento

      marco tripisciano

      Le risposte non le fornisco io, le raccolgo :)

  9. Mostra/nascondi commento

    Anon

    Condivido quanto dice Schigi.
    Inoltre secondo me le birre dovrebbero essere ignote anche ai tasters, mi spiego:
    Qualcuno (un emissario del presidente di giuria) va in giro e compra le birre anonimamente.
    il panel non dovrebbe sapere quali birre sono iscritte al concorso (e quali no).
    “Ecco 25 Luppolate d’ispirazione angloamericana” (LOL).
    Solamente alla fine, a scrutinio finito, i taster (e possibilmente anche il pubblico altrimenti cosa parliamo di trasparenza, parliamo di business e stellette da mettere in bella mostra) scoprono chi e cosa era iscritto.

    1. Mostra/nascondi commento

      Andrea Turco

      Forse non ho capito la tua spiegazione, ma i giudici non sapevano chi fosse iscritto al concorso e chi no.

      1. Mostra/nascondi commento

        Schigi

        Tu non sapevi che Toccalmatto non c’era?

        1. Mostra/nascondi commento

          Andrea Turco

          Certo che sì, ma non certo perché UB abbia comunicato ai giudici la lista dei partecipanti.

          1. Mostra/nascondi commento

            Schigi

            Secondo me avrebbe senso che lo facesse, almeno a posteriori.

          2. Mostra/nascondi commento

            Andrea Turco

            Questa è un’altra considerazione, con la quale posso anche essere d’accordo.

          3. Mostra/nascondi commento

  10. Mostra/nascondi commento

    Ghost Writer

    Io sono d’accordo con Schigi riguardo Polli e ADB…..
    Qui i birrifici portano le “cotte migliori” in previsione di una competizione, e non tutti i birrifici si candidano….
    Secondo me, come fanno quelli di ADB che prendono birre in commercio senza dire niente ai birrai, le valutano, e fanno una classifica sempre divisa in categorie, rende molto piu’ veritiera una competizione…..

    Secondo me Birra dell’Anno non rispecchia quello che è al momento il movimento birraio italiano, e soprattutti quali sono i maggiori esponenti….

  11. Mostra/nascondi commento

    Peter Crumb

    Fatemi capire..mi rivolgo a te Andrea…praticamente, allo stato attuale, ignori la lista esatta dei birrifici partecipanti?!?

    1. Mostra/nascondi commento

      Andrea Turco

      Beh sì… perché, esiste un elenco pubblico?

  12. Mostra/nascondi commento

    Peter Crumb

    Questo lo ignoro :) come ignoravo che i giudici rimanessero all’ oscuro dei birrifici partecipanti anche dopo i risultati. C’ è un motivo specifico dietro questa formula o è un dettaglio come un altro?

    1. Mostra/nascondi commento

      Andrea Turco

      È un’ulteriore precauzione che si prende affinché i giudici non siano influenzati in alcun modo.

  13. Mostra/nascondi commento

    Mya

    Ma parliamo dell’exploit della Gastaldia Pietra che batte Sedicigradi e Terre: nessuno è curioso di assaggiarla?

  14. Mostra/nascondi commento

    Mya

    Andrea sai dirci qualcosa su questo birrificio che sembra molto interessante?

    1. Mostra/nascondi commento

      Andrea Turco

      Non lo conosco bene, ma come giudice mi è capitata la categoria della Pietra ed era davvero una bella birra

  15. Mostra/nascondi commento

    La mia esperienza a "Birra dell'Anno 2012" | Il blog di Sergio Riccardi – "Mr Chiodi"

    [...] I risultati sono stati già ormai commentati da tutti e quindi evito. Fa strano però sapere di birrifici straordinari che non solo non abbiano raccolto medaglie, ma nemmeno siano finiti tra i primi cinque in nessuna categoria. Purtroppo il concorso non è ancora una macchina perfetta: lo stato di una birra può dipendere da mille varianti (temperatura di servizio e bicchiere sono uguali per tutte, e possono penalizzare di più una e avvantaggiare un’altra) e nonostante tutto una piccola, piccola influenza del fattore “C” può sempre esserci. [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *