Craft Beer Evolution
Home » Interviste » Intervista a Marco Tripisciano

Intervista a Marco Tripisciano

Proprio ieri il portale Mondobirra ha compiuto 5 anni. Credo che un po’ tutti lo conoscano, ma per chi non sappia di cosa sto parlando, deve sapere che il sito in questione non solo è il più importante punto di riferimento italiano in rete sulla birra (non solo artigianale), ma è anche un contenitore di un’infinita di notizie e informazioni sulla bevanda in questione. Ciò che colpisce è proprio la profondità dei contenuti, ampliati man mano nel tempo solo grazie alla passione del suo creatore, Marco Tripisciano.

Raggiungere 5 anni di anzianità non è una meta da poco per qualsiasi sito internet, figuriamoci per uno che parla di birra. Per questa ragione mi è venuta l’idea di celebrare la ricorrenza con una breve intervista a Marco, per ripercorrere la storia del suo portale e capire come è cambiato rispetto a un lustro fa. Buona lettura.

Oggi trovare siti web che parlano di birra è piuttosto facile, la stessa cosa non si poteva dire 5 anni fa. Da questo punto di vista si può tranquillamente affermare che sei stato un pioniere. Da dove nasce dunque l’idea di creare Mondobirra?

L’idea è nata per caso, mi piaceva la creazione dei siti web: ancora da qualche parte ci deve essere traccia di altri tre siti che dedicai al tempo ad Alanis Morrisette, ai Simpsons e agli aforismi. Cominciai con un sito d’appoggio su un provider nazionale, ma vedevo che tanta gente mi scriveva, e così decisi di aprire un dominio tutto mio. Scelsi un nome semplice e cominciai a raccogliere del materiale. Fonte di mia ispirazione al tempo furono il sito di Massimo Faraggi, quello di Davide Bertinotti e quello di HobbyBirra.

Mondobirra è sempre stato molto attento a tutto ciò che accade nel mondo della birra artigianale. Com’è cambiato in 5 anni questo settore, ovviamente dal punto di vista di un “informatore” come te?

Diciamo che è cresciuto, si è consolidato. Non credo siano aumentati in larghissima misura gli appassionati, ma adesso sanno che in Italia si fa birra artigianale senza imitare paesi stranieri, ma cercando un taglio tutto italiano. Purtroppo molti birrai non sono ancora consci del fatto che un settore così piccolo ha la necessità di comunicare, anche con mezzi innovativi. Pensa che ci sono molti produttori a cui invio alcune mail (a volte anche 5 volte) e non si degnano nemmeno di rispondere. C’è ancora da fare, spero di avere sempre la voglia di proseguire in questo mondo e con la stessa volontà.

Credo che i visitatori di un sito come il tuo siano un’importante cartina di tornasole per capire in che direzione sta evolvendo un settore. In questi 5 anni che tipo di visitatori si sono alternati su Mondobirra?

Beh, io ho sempre pensato una cosa. Se si vuol far conoscere le birre artigianali italiane si deve parlare anche di quelle industriali. Per un semplice motivo: se una persona cerca la sua birra preferita industriale (la maggior parte dei consumatori) magari arriva su Mondo Birra e forse si accorge che sotto casa sua c’è un birrificio artigianale che propone una degustazione. Ecco perché mi scrivono appassionati, gente che mi ordina birra (pensa un po’…), mi chiedono consigli per l’HomeBrewing che ovviamente giro agli esperti, mi chiedono dei corsi per fare la birra o per degustarla, oppure le band che vogliono partecipare alle feste della birra e ovviamente gli organizzatori delle feste, collezionisti e poi tanti produttori che mi segnalano le notizie. Ecco adesso il panorama del lettori si è indirizzato verso questa realtà Notizie ed Eventi sul mondo della birra in Italia. Infine io metto a disposizione un numero di cellulare sul sito, e mi chiamano di continuo da tutta Italia, a volte cercano di prenotare un tavolo per la sera… E io lì a spiegare che parlo di birra, non sono un gestore…

A proposito di birra industriale, è cambiato lo spazio che dedichi sul sito a questa realtà? E se sì, in che modo?

Ricevo tanti comunicati stampa sulla birra e a volte sul vino (anche se non capisco perché…). Mi sembra corretto pubblicarli perché la gente ha la necessità di essere informata. Però adesso mi scrivono di più i produttori di birra artigianale o le associazioni, e quindi lo spazio per la birra industriale si è ridotto, non per volontà personale, ma perché il mondo artigianale ha la necessità di comunicare per farsi conoscere, il costo di una mail è zero, i grandi gruppi invece vanno in TV con gli spot.

Per concludere, hai in mente qualche progetto futuro per Mondobirra?

Il mio sogno è quello di video-intervistare tutti i birrai italiani, artigianali e non, vederli nei loro posti di lavoro, ascoltarli, e far sapere a tutti semplici visitatori o iscritti al sito (ormai sono oltre 5000) cosa pensano questi personaggi che ogni giorno s’inventano qualcosa di nuovo o cercano di migliorare le ricette.

Spero che questa intervista sia stata interessante, visto che per una volta abbiamo messo Marco nel ruolo opposto a quello in cui si trova abitualmente. Per il resto non mi rimane che rinnovare gli auguri a Mondobirra e auspicargli i classici “100 di questi giorni”.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

cop-img_0325

Il retrogusto sociale del birrificio Vecchia Orsa: intervista a Enrico Govoni

La birra può avere un “retrogusto sociale”? Per il birrificio Vecchia Orsa decisamente sì. È ...

284913_423926040977515_685395075_n

Intervista ad Alex Liberati: tutti i dettagli sul suo futuro brewpub a Denver

Il nome di Alex Liberati è piuttosto conosciuto nell’ambiente della birra artigianale italiana e nella ...

9 Commenti

  1. Auguri sul serio. In questi anni l’opera comunicativa di pochi (giustamente detti) pionieri della comunicazione, ha avuto un ruolo d’importanza enorme per la promozione di questa grande realtà. E Marco con Mondobirra e Andrea con Cronache sono il George Washington e il Thomas Jefferson della birra artigianale sul web 😉
    Ciao, Lorenzo

  2. Andrea Turco

    Grazie delle belle parole, ma non merito di essere accostato a uno dei veri pionieri dell’informazione birraria come Marco (gli altri sono quelli citati proprio da lui nell’intervista). Apprezzo il tentativo comunque 😉

  3. Lo so, lo so..Volevo solo allisciarmi il Presidente..:notworthy:

  4. Andrea Turco

    Questi mezzucci con me non attaccano

    Ah, hai una birra pagata

  5. Auguroni a Marco e Mondobirra, altri 100 di questi giorni 🙂

    Il trucchetto degli elogi non funziona due volte vero … ? 😉

  6. Gennaro B.Amiata

    Auguri a mondobirra e un bravo a marco che è davvero un esempio di correttezza e mai fuori luogo. Se sappiamo fare qualcosina un pò è merito suo anche per la quantità di informazioni che si ottengono dal sito.complimenti e che dio ti Benendica..

  7. mi era sfuggita la ricorrenza!! grande Marco che ha contribuito in maniera determinante allo svilupo di quel poco di cultura sulla birra che si è potuto fare negli anni. Sempre con la massima trasparenza e professionalità.
    Penso di essere stato tra i primi “intervistati” in un caldissimo salone del gusto.
    e grazie per la citazione ad hobbybirra..che in quei tempi seguivo in prima persona.

    CONTINUA COSì!!!

    Lelio

  8. O.T. un saluto a Lelio che non sentivo da tempo
    I.T. tanti auguri Marco!!!!

  9. Federico Furlan

    Grande Marco, non sapevo avessi un sito tutto tuo sulla birra, complimenti davvero…ciao ciao!! Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *