Craft Beer Evolution
Home » Media, libri e pubblicazioni » E' il birraio la professione "cool" meglio pagata

E' il birraio la professione "cool" meglio pagata

Leonardo Di VincenzoChi lo dice? Una fonte tutt’altro che inattendibile (sempre che si possa parlare di attendibilità circa un’affermazione del genere): il sito careerbuilder.com di CNN. In un articolo tra il serio e il faceto apparso la scorsa settimana, viene infatti stilata la classifica dei lavori più “fichi” e meglio pagati del momento: tra impieghi più o meno eccentrici appare in prima posizione quello di mastro birraio.

Divertente la lista completa, che comprende in ordine di apparizione: il progettista di giocattoli, lo scienziato alimentare, lo stilista di bambole, il sommelier, il preparatore atletico, l’event planner, lo stilista di guardaroba e il promoter di concerti. Le motivazioni che hanno assegnato la medaglia d’oro al mastro birraio sono le seguenti:

Per usare un eufemismo, alla gente piace bere birra. E’ un’attività associata a momenti piacevoli, a qualsiasi festa del 21mo secolo e agli eventi sportivi (per amor del vero, è associata anche alle giornate post-sbornia).

Chi non vorrebbe essere il creatore di una gustosa ale ingurgitata da centinaia di festaioli? In aggiunta, sei anche costretto a fare continui assaggi di test, cosa sempre appagante.

A concludere il profilo della professione cool meglio pagata non poteva mancare l’importo medio, che, secondo dati provenienti da CBSalary.com, ammonterebbe a 42.430 dollari. Ora non conosco i guadagni dei birrai nostrani, ma vedendo le facce che girano nel panorama brassicolo italiano non le considererei propriamente cool… 😀

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Novità editoriali: Fatti di Birra, I Racconti della Birra e la Guida al Friuli Venezia Giulia

Con l’ormai consueta frequenza annuale – assolutamente non voluta, per la precisione – torniamo a ...

Per l’Annual Report di Assobirra un 2015 positivo, ma ancora con troppe ombre

Con qualche mese di ritardo rispetto al passato, ieri Assobirra ha pubblicato il suo consueto ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *