Craft Beer Evolution
Home » Media, libri e pubblicazioni » Dagli USA una sitcom ambientata in un microbirrificio

Dagli USA una sitcom ambientata in un microbirrificio

La locandina di Strange Brew, film del 1983
La locandina di Strange Brew, film del 1983

Curiosa la notizia riportata ieri da sito Beernews, secondo la quale la Fox starebbe progettando una serie televisiva ambientata in un birrificio artigianale. Strange Brew – questo il titolo momentaneo – racconta le avventure di un piccolo ma fortunato microbirrificio a conduzione familiare, intorno al quale si intrecciano le vite dei membri della famiglia, impegnati ad affrontare i problemi legati al lavoro nell’azienda e alla loro convivenza. Per la cronaca, il nome è lo stesso di un film del 1983, di cui trovate la locandina qui accanto.

La serie è ancora in una fase embrionale, quindi non è da escludere che non vedrà mai la luce. Tuttavia il progetto è già dettagliatamente pianificato e ha buone possibilità di raggiungere la tv nei prossimi mesi. Innanzitutto gli autori non sono gli ultimi arrivati, visto che sono gli stessi che hanno creato la sitcom Will & Grace, ben conosciuta anche in Italia. Inoltre, dietro al progetto c’è una certa Warner Bros, che già in passato ha manifestato interesse per l’argomento birra artigianale avendo supportato il lungometraggio Beer Wars, di cui parlammo anche su questo blog.

Regista della serie sarà Marc Buckland, già vincitore di un Emmy Award per My name is Earl e finalista in un’altra occasione con Scrubs. Il padre della famiglia, nonché presidente del birrificio, sarà interpretato da Jere Burns, mentre il ruolo della madre spetterà a Laurie Metcalf, vincitrice in passato di alcuni Emmy. I due saranno i genitori di tre figli, mentre non è ancora chiaro chi sarà il birraio dell’azienda.

La comunità birraria americana ha accolto la notizia con reazioni differenti. Il dubbio principale risiede nella capacità degli autori di proporre una rappresentazione realistica della vita in un microbirrificio, senza scadere in pessimi luoghi comuni e senza danneggiare l’immagine della birra artigianale. A tal proposito, il direttore della Brewers Association, Paul Gatza, si è espresso in questi termini:

Credo che la pianificazione di questa sitcom non sia una buona notizia e che non aiuterà l’immagine della birra artigianale. […] In qualche modo ritengo che la gestione di un mcrobirrificio in tv appaia più semplice di quanto non sia nella realtà

Per comprendere meglio questi timori, bisogna precisa che il film a cui la serie televisiva “ruba” il nome aveva un approccio decisamente demenziale, raccontando le vicende dei fratelli McKenzie e della fittizia Elsinore Brewery. Il sospetto è che anche la sitcom televisiva ricalchi le stesse orme del lungometraggio degli anni ’80.

Al di là delle opinioni al riguardo, è interessante notare come la televisione si stia sempre più interessando alla vita dei microbirrifici, e viceversa. Le produzioni televisive o cinematografiche dedicate alla nostra bevanda cominciano ad essere parecchie, ma questa è un’altra storia, che vi racconterò in futuro. Intanto ditemi: voi cosa ne pensate di questo Strange Brew?

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

cop-assobirra_ar2016_versione_web-1

Per l’Annual Report di Assobirra un 2015 positivo, ma ancora con troppe ombre

Con qualche mese di ritardo rispetto al passato, ieri Assobirra ha pubblicato il suo consueto ...

shutterstock_49128781-980x400

I prodotti premium e crafty trainano il successo della birra in Italia

È di alcuni giorni fa la pubblicazione da parte di IRI di alcuni dati riguardanti il ...

10 Commenti

  1. ma queste notizie dove le vai a prendere!?!?!? complimenti per lo sbattimento 😀

  2. Direi che al momento è abbastanza difficile capire se è un bene o un male… anche se temo il peggio…
    Purtroppo la mia immagine da quasiNERD è già stata seriamente rovinata da Big Bang Theory e IT Crowd… speriamo che non succeda altrettanto per quella di homebrewer!

    PS: Se lo humor fosse tipo Scrubs sarebbe però spettacolare! Mi immagino già i personaggi basati sugli stereotipi che descrive la tipa di Dark side of the beer! 😉

  3. Noi stiamo vivendo nella sit-com della birra artigianale da anni. Dateci le royalties!
    🙂

  4. io preferisco La vita segreta di una teenager americana.

  5. Quoto Tyrser.
    E il primo che fa un reality sulla birra artigianale, spacca.

  6. secondo me il Polli è già molto più avanti di ‘sti qua

  7. Strange Brew è anche una canzone dei Cream, dall’album Disraeli Gears

  8. ma il film esiste in italiano? non riesco a trovarlo…

  9. @W W
    Non credo sia mai stato importato in Italia

  10. Hei, io Strange Brew l’ho visto!!! (tanti tanti anni fa, in italiano) – Era proprio un film come quelli di Franco e Ciccio, con Max Von Sydow che vuole conquistare il mondo drogando la birra dell’Oktoberfest, faceva la parodia contemporaneamente di Amleto, Guerre stellari, Superman …e con una citazione da “Detective Harper acqua alla gola” (tentativo di eliminare i nostri eroi annegandoli in un tank di birra …potete immaginare come se la cavano).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *