Cimec
Home » Notizie » Davide batte Golia: Ceres sconfitta in tribunale dal birrificio artigianale B94

Davide batte Golia: Ceres sconfitta in tribunale dal birrificio artigianale B94

Oltre che per la messa in commercio di prodotti qualitativamente discutibili, spesso le multinazionali della birra si lasciano detestare per i loro atteggiamenti aggressivi in termini di tutela del marchio. Talvolta certe pretese sono fondate e giuste, ma non è sempre così: non è infatti raro imbattersi in situazioni al limite del grottesco, in cui l’industria di turno avanza rivendicazioni pretestuose nei confronti degli operatori del segmento artigianale, sfruttando la propria forza economica e il timore in grado di generare in simili occasioni. Come esempio basta citare due casi avvenuti negli ultimi anni: a fine 2015 Carlsberg, proprietaria di Birra Poretti, diffidò il locale Luppolo Station dal registrare il suo marchio; qualche anno prima il birrificio Troll fu costretto a ribattezzare la sua Stella di Natale a causa delle pressioni di Inbev, proprietaria del brand Stella Artois. In casi del genere si ripete sempre lo stesso schema: da una parte c’è una multinazionale arrogante, dall’altra una piccola azienda con risorse limitate, che spesso preferisce ingoiare il rospo piuttosto che affrontare costosi iter processuali. La storia che raccontiamo oggi, tuttavia, vale come una rivalsa per il nostro settore, perché ci presenta un’inversione di ruoli: per una volta è stato un coraggioso microbirrificio a sfidare l’industria, uscendo vincitore da una battaglia apparentemente impari.

Il protagonista della vicenda è il pugliese B94 di Raffaele Longo, birrificio attivo da una decina di anni e ben conosciuto nell’ambiente della birra artigianale. Le etichette dei suoi prodotti base sono facilmente distinguibili da una grande lettera, che coincide con l’iniziale della relativa birra: una soluzione grafica di grande impatto, che identifica le produzioni di B94 in maniera piuttosto peculiare. Nel marzo del 2016 (quindi circa 8 anni dopo l’apertura di B94) il famoso marchio Ceres lanciò sul mercato la sua linea crafty, denominata Norden: un modo malizioso di strizzare l’occhio al crescente pubblico della birra artigianale, sulla falsariga di quanto già attuato da molte altri multinazionali. La gamma Norden partì con tre birre: una Pils, una IPA e una Mumme (antico stile europeo quasi totalmente scomparso).

Fin qui tutto normale, se non fosse che Ceres per le sue Norden utilizzò una strategia grafica praticamente identica a quella di B94: una grande “N” maiuscola per ognuna delle sue etichette, di colore diverso in base alla tipologia brassicola. Il punto è che B94 da tempo immemore aveva immesso sul mercato una birra chiamata November Ray, contraddistinta esattamente allo stesso modo. La November Ray era dunque identificata da una grande “N” di colore azzurro, esattamente come la Gylden IPA di Ceres: il risultato finale è che la similitudine tra le due etichette era (ed è) davvero impressionante, come potete vedere nell’immagine a corredo di questo articolo.

Raffaele a quel punto si trovò di fronte a un bivio: far valere le proprie ragioni intimando a Ceres di cambiare etichetta, oppure ignorare la questione ed evitare un procedimento legale potenzialmente costoso e sicuramente impari. Molti al suo posto avrebbero soprasseduto, ma lui decise di andare avanti e incaricare il suo studio legale di occuparsi della questione, anche perché i presupposti per creare confusione tra i consumatori erano piuttosto evidenti. La mossa risultò vincente: gli avvocati di Ceres considerarono fondate le richieste di Raffaele Longo, al punto che la multinazionale avanzò una proposta compromissoria affinché B94 lasciasse decadere le proprie rivendicazioni.

Fine della storia? Neanche per sogno, perché Raffaele decise di non accettare la proposta di Ceres, ritenuta insufficiente, lasciando quindi che la giustizia seguisse il suo corso. E alla fine è arrivata la vittoria: nel dicembre del 2016 il Tribunale di Bari ha infatti accolto totalmente il ricorso del birrificio B94, riscontrando evidenti presupposti di confondibilità tra le due etichette. La condanna per Ceres non è stata leggera: ritiro immediato di tutte le Gylden IPA dal mercato (con multa per ogni giorno di ritardo) e  pagamento delle spese processuali.

Di fronte alle difficoltà tecniche e alle spese necessarie per rispettare la sentenza, Ceres ha avanzato un nuova proposta compromissoria, che questa volta è stata ritenuta congrua da Raffaele e dunque accettata. In base all’accordo, la multinazionale si è comunque vista costretta a ritirare le Gylden IPA dal mercato (seppur entro qualche mese e non nell’immediato) e a cambiare il colore della relativa etichetta.

Di seguito il comunicato stampa con cui B94 ha annunciato l’esito della sentenza:

Il Tribunale di Bari nel dicembre del 2016 ha accolto totalmente il ricorso per provvedimento d’urgenza depositato in agosto dal Birrificio B94, produttore di numerose e apprezzate birre artigianali quali: November Ray, Terrarossa, Santirene, Malagrika e altre, in commercio non soltanto nell’area salentina, ma ormai diffuse da anni su tutto il territorio nazionale e presenti anche all’estero.

Nella primavera del 2016 Ceres aveva posto in commercio in Italia la birra ‘Nørden’ in tre versioni,  inserendosi così nel mercato della ‘birra artigianale’, ciascuna contraddistinta dalla medesima forma grafica (lettera N in posizione centrale e predominante sull’etichetta) in tre colorazioni diverse, mentre era già dal 2008-2009 che le birre del Birrificio B94 recavano tutte – nelle loro etichette – una cifra stilistica coerente ed inconfondibile: ciascuna di esse contraddistinta dalla lettera iniziale del nome della birra,  in posizione centrale e predominante nell’etichetta e in un diverso colore.

La evidente e innegabile situazione di confondibilità  sul mercato ha dunque costretto il Birrificio B94 a dover prendere provvedimenti. La linea di azione del Birrificio B94 è stata contraddistinta da convinzione, trasparenza e coerenza: già nell’aprile 2016 si era opposta all’ammissione alla registrazione del marchio Europeo ‘Norden’ , tramite opposizione presso Ufficio del Marchio Europeo, successivamente ha ritenuto di non dover accogliere alcuna proposta compromissoria nel frattempo avanzata da Royal Unibrew/Ceres, è ricorso alle vie legali  e ha lasciato che la giustizia seguisse il suo corso.

E’ dunque con soddisfazione che Raffaele Longo assieme al suo legale Flora Santaniello,  alla sua consulente in Proprietà Industriale Maria Grazia Cavallo Marincola e al suo collegio di difesa composto da: Federica Felici, Eurialo Felici, Gino Giovanni Petroforte e Nico Zinnari ha accolto la decisione del Tribunale Pugliese.

In tutta questa storia c’è un dettaglio da non sottovalutare e che può rappresentare un importante precedente: B94 non aveva mai registrato il marchio della sua November Ray. Ciò significa che il tribunale ha dato comunque ragione al birrificio pugliese nonostante questa lacuna, valutando le innegabili prove della commercializzazione della birra sin dai primi anni di vita dell’azienda. Ricordo sempre che, proprio perché non è raro imbattersi in situazioni del genere, non registrare i propri marchi è una leggerezza che non bisognerebbe compiere per nessuna ragione. Tuttavia questo caso dimostra che, sebbene sia molto più complicato e rischioso, non è impossibile far valere le proprie ragioni anche in assenza di registrazione: un aspetto che dovrebbero tenere presente tutti i microbirrifici italiani che spesso rinunciano a procedere proprio per questo motivo.

Da appassionati di birra artigianale, accogliamo quindi con soddisfazione tutta la vicenda, che può essere letta come la rivincita di Davide contro Golia. Complimenti a Raffaele Longo e al suo studio legale per l’audacia e la tenacia dimostrate in questa occasione.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Splendida Italia allo European Beer Star: 19 medaglie di cui 9 d’oro

Lo European Beer Star è senza dubbio uno dei concorsi birrari più importanti al mondo. …

Peroni lancia Birra Napoli: quanto è lecito il legame con la città partenopea?

Nel momento in cui sto scrivendo dovrebbe essere terminata la conferenza stampa di presentazione di …

4 Commenti

  1. giuseppe gaudiano

    Ma sbaglio o già qualche altro italiano aveva provato a fare etichette molto simili a quelle di raffaele?
    ricordo di avergli segnalato qualcosa del genere qualche anno fa…

  2. Complimenti a B94 per il coraggio dimostrato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *