Cimec
Home » Archivio tag: stone (pagina 2)

Archivio tag: stone

L’americana Stone apre il suo birrificio europeo: ecco tutti i dettagli

In questi giorni la notizia più in evidenza nell’ambiente arriva dagli Stati Uniti, o forse sarebbe il caso di dire dalla Germania: il birrificio Stone – uno dei primi dieci produttori craft d’America – ha infatti svelato il luogo berlinese dove a fine 2015 aprirà il suo (primo?) impianto europeo. L’annuncio è stato effettuato durante un grande evento di presentazione, …

Vai all'articolo »

Nuove birre italiane: collaborative, biologiche, esclusive

Raccontando le novità provenienti dai birrifici italiani, qualche giorno fa ho presentato in anteprima le due nuove produzioni di Loverbeer – una delle quali, la Dama Brun-a, è stata accolta con entusiasmo al Birra del Borgo Day dello scorso week end. Ovviamente l’azienda di Valter Loverier non è l’unica a muoversi nel nostro panorama brassicolo, dunque oggi andremo a scoprire …

Vai all'articolo »

Primo maggio e dintorni: la beatitudine è negli eventi birrari

Dopo il passato week-end di Pasqua, si avvicina ora la ricorrenza del Primo Maggio, che il simpatico calendario 2011 ha fatto coincidere con un altro fine settimana. A complicare le cose, almeno per chi vive nella Capitale, ci sarà il tradizionale concerto di San Giovanni e la beatificazione del precedente Papa. Insomma, si prospetta un caos biblico: la soluzione migliore …

Vai all'articolo »

Great American Beer Festival 2010: i vincitori

Nel fine settimana appena concluso si è tenuto il Great American Beer Festival, la più grande manifestazione birraria d’America. Come sempre è stato un evento grandioso, con numeri capaci di sorprendere chiunque, come quelli relativi al tradizionale concorso del festival: ben 3.523 birre iscritte, divise in 79 categorie per 133 diversi stili birrari e valutate da 151 giudici provenienti da …

Vai all'articolo »

Di birrifici e dei loro locali

Forse lo saprete, o forse no, io comunque lo scrivo. Tanti appassionati danesi sono oggi in trepidazione, perché nel pomeriggio finalmente aprirà il primo Mikkeller Bar a Copenaghen. Com’è facile immaginare, si tratta di un locale di proprietà del produttore danese, che proporrà le birre di casa sia alla spina (impianto da 15 vie) che in bottiglia. Inoltre saranno ospitate …

Vai all'articolo »

Novità birrarie da Belgio e Stati Uniti

Come ormai capita con regolarità, oggi vi aggiorno sulle novità brassicole provenienti dall’estero. Come al solito le notizie non mancano, anche se questa volta partiamo dal Belgio. Su Belgian Beer Board è recentemente apparso uno scoop riguardante l’ulitma nata tra le birre di Smisje. Si chiama Smiske e sarà presentata ufficialmente a inizio maggio durante la festa organizzata per celebrare …

Vai all'articolo »

Prima delle vacanze una carrellata di nuove birre

Nei prossimi giorni Cronache di Birra andrà in vacanza per circa due settimane. Probabilmente non sarà un silenzio ininterrotto, ma non aspettatevi degli aggiornamenti continui come al solito 🙂 . Prima di salutarci, però, ho intenzione di chiudere la settimana con un resoconto di alcuni prodotti birrari che ultimamente sono stati ufficializzati in Italia e all’estero. Partiamo allora dalla nostra …

Vai all'articolo »

Dagli USA un paio di birre particolari

Prima di bollare il post di oggi come l’ennesimo annuncio di qualche strampalata birra americana prodotta con ingredienti inusuali, aspettate un attimo. La particolarità delle due produzioni in questione risiede nell’originalità dei progetti da cui nascono, che non hanno molti punti di contatto tra loro, ma che meritano una menzione per rappresentare interessanti novità. La prima birra, infatti, è finalizzata …

Vai all'articolo »

Aggiornamenti birrari da USA, Danimarca e Belgio

E’ impressionante il numero di nuovi prodotti che i birrifici più rinomati della scena mondiale sono soliti sfornare con incredibile regolarità. A lungo andare una politica del genere può ridursi alla nascita di prodotti poco creativi o, al contrario, fin troppo eccentrici. A quanto pare però questa filosofia paga, magari perché giustificata dalla nicchia di malati del rating, che aspettano con trepidazione …

Vai all'articolo »