Cimec
Home » Archivio tag: industria vs craft

Archivio tag: industria vs craft

AB Inbev acquista il 100% di Ratebeer

Nel giugno del 2017 fu annunciata l’acquisizione da parte della multinazionale AB Inbev di alcune quote di minoranza di Ratebeer, il famoso sito di rating birrario. La vicenda in realtà risaliva al 2016, ma fu resa pubblica solo molto tempo dopo. È invece di qualche ora fa la notizia che Ratebeer ha ceduto ad AB Inbev anche le quote rimanenti, …

Vai all'articolo »

Swinkels (Bavaria) acquista il 100% di De Molen

Altro giro, altra acquisizione. Con un dettagliato comunicato, qualche ora fa il birrificio olandese De Molen ha annunciato di aver ceduto la totalità delle proprie quote al gruppo Swinkels. Il nome di questa azienda potrebbe suonarvi nuovo, ma è il modo in cui è stata ribattezza Bavaria nel 2018: si tratta del secondo produttore dei Paesi Bassi dopo Heineken. Già …

Vai all'articolo »

Accordi e acquisizioni: Fuller’s vende ad Asahi, Heineken torna a Messina

A quanto pare anche questo 2019 sarà all’insegna delle acquisizioni da parte delle multinazionali del settore. In particolare negli scorsi giorni abbiamo registrato due importanti notizie sull’argomento, diverse tra loro anche in termini di risonanza mediatica, ma entrambe decisamente interessanti. La prima riguarda l’acquisizione del birrificio inglese Fuller’s a opera del colosso giapponese Asahi: un annuncio che ha sconvolto i …

Vai all'articolo »

Il birrificio Fuller’s ceduto alla multinazionale Asahi

È notizia di queste ore che Fuller’s, uno dei più antichi birrifici indipendenti di Londra, ha ceduto tutto il suo business alla multinazionale giapponese Asahi, che per inciso è l’industria che possiede anche il marchio Peroni. L’operazione è stata perfezionata per un valore di circa 327 milioni di dollari. Come riportato da Bloomberg, l’accordo prevede la cessione di tutte gli …

Vai all'articolo »

I grandi marchi craft in calo a causa di consumatori “annoiati”. Ma è proprio così?

In questi giorni sta ricevendo parecchia attenzione un articolo apparso la scorsa settimana sul sito Vinepair. Il senso del pezzo a firma Cat Wolinski è facilmente riassumibile: negli USA le birre ammiraglie dei principali birrifici craft stanno perdendo consistenti fette di mercato a causa di consumatori sempre più annoiati. In che senso “annoiati”? Nel senso che la ricerca spasmodica per …

Vai all'articolo »

Che 2018 birrario è stato – I risultati

Come ogni anno, a fine anno, arriva il momento più atteso da tutti i lettori di Cronache di Birra: il premio per il miglior Nostradamus birrario d’Italia! Il gioco ormai va avanti da diversi anni e vi invita a prevedere le tendenze del settore per i prossimi dodici mesi, appurando quanto davvero conoscete questo mondo. Prima però di lanciarsi nei …

Vai all'articolo »

Troppe medaglie all’industria: è il momento di ripensare i concorsi birrari?

Come avrete avuto modo di leggere recentemente, negli scorsi giorni sono stati svelati i risultati di due importanti concorsi internazionali: European Beer Star e Brussels Beer Challenge. Oltre a rivestire un ruolo molto importante nel settore, queste due iniziative condividono almeno altri due aspetti: sono aperte a birrifici di tutto il mondo e non escludono la partecipazione di birre industriali. …

Vai all'articolo »

Da Unionbirrai un marchio per tutelare la birra artigianale indipendente

Come saprete nel fine settimana appena concluso si è tenuta la sesta edizione di Eurhop e come sempre la manifestazione capitolina è stata il pretesto per il lancio di diversi progetti. Tra i più importanti si segnala sicuramente il nuovo marchio lanciato da Unionbirrai, finalizzato a certificare la vera indipendenza dei birrifici artigianali. Una novità annunciata qualche giorno prima del …

Vai all'articolo »

E ora i marchi crafty di AB Inbev vendono più di qualsiasi birrificio artigianale

Tutte le volte che su Cronache di Birra o in altre sedi ho parlato del fenomeno delle acquisizioni dell’industria, ho sempre sottolineato il pericolo di un ritorno a un mercato piatto, anonimo e scialbo, cioè esattamente quello che esisteva prima della rivoluzione della birra artigianale. Chiaramente la singola cessione di un birrificio a una multinazionale non apporta alcun cambiamento nell’immediato, …

Vai all'articolo »

Quando un birrificio vende a una multinazionale

Ormai da qualche anno le chiacchiere birrarie della comunità internazionale si concentrano su un solo argomento: le acquisizioni dell’industria nel comparto craft. Il fenomeno all’inizio è rimasto pressoché circoscritto alla realtà americana, salvo poi coinvolgere successivamente tutte le realtà brassicole del mondo. In Italia è arrivato nel 2016 con la cessione di Birra del Borgo, mentre esattamente un anno fa …

Vai all'articolo »