Cimec

I militari USA hanno bevuto tutta la birra di Reykjavik in un fine settimana

Come riporta Mondofox, in questi giorni i pub e i locali di Reykjavik sono stati invasi da un esercito di 6.000 soldati statunitensi, che hanno prosciugato le riserve di birra della capitale islandese. Dal 25 ottobre è infatti in corso nei paesi scandinavi la più grande esercitazioni militare della Nato, che proseguirà fino al 7 novembre e che vede la partecipazione dei 29 paesi membri della famosa organizzazione internazionale. Le truppe americane hanno soggiornato per un intero weekend a Reykjavik, rilassandosi nel tempo libero con ettolitri di birra.

A quanto pare la carenza di birra è derivata dalla predilezione dei militari per le produzioni artigianali: i marchi industriali più diffusi sono stati pressoché ignorati. Questo aspetto ha impedito ai publican di rimpinguare sufficientemente le scorte, così nonostante gli ordini di emergenza non è stato possibile smarcare tutte le richieste.

Leggi anche

Il birrificio Baladin aderisce a “Brewers against war” per sostenere i profughi ucraini

Nelle scorse settimane su Cronache di Birra abbiamo segnalato alcune iniziative brassicole a sostegno della …

Ritual Lab è il miglior birrificio del 2022 secondo Birra dell’anno di Unionbirrai

Si è conclusa qualche minuto fa la premiazione di Birra dell’anno di Unionbirrai, storico concorso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.