Cimec

La svolta degli Emirati Arabi: ad Abu Dhabi ha aperto il primo brewpub del paese

L’avversione dei paesi arabi contro le bevande alcoliche è nota, eppure negli ultimi anni si è registrato un certo allentamento delle limitazioni al riguardo. Una delle ultime dimostrazioni di questa tendenza arriva dagli Emirati Arabi Uniti, dove da fine dicembre è attivo l’impianto del Craft by Side Hustle, il primo brewpub del paese autorizzato non solo a vendere, ma anche a produrre le proprie birre. La novità si è resa possibile grazie a una modifica alla normativa vigente negli Emirati Arabi, dove fino a poco tempo fa era possibile consumare alcolici (ma non produrli) solo nei bar: una restrizione peraltro concessa solo ai non musulmani e subordinata al possesso di una speciale tessera rilasciata dal governo. Le birre di Side Hustle erano già presenti nel paese, ma veniva prodotte all’estero e importate; ora invece saranno realizzate direttamente nel locale di Abu Dhabi.

Il brewpub sorge sull’isola Al Maryah ed è ospitato all’interno del Galleria Mall, un centro commerciale di lusso con negozi, ristoranti e attrazioni. L’investimento del Craft by Side Hustle ammonta a circa due milioni e mezzo di euro. L’operatività del locale rappresenta un momento storico per gli Emirati Arabi, che con questa mossa puntano ad aumentare l’attrattività del paese sul fronte turistico, nonché a infondere nuova linfa al settore economico.

Leggi anche

Ritual Lab è il migliore birrificio del 2024 secondo il concorso Birra dell’anno

Il migliore birrificio del 2024 è Ritual Lab (sito web). È questo il risultato finale …

Dal Panificio Rizzato arriva Erapane, una birra contro lo spreco di pane

Alla sempre più lunga lista di birre italiane prodotte con pane di recupero si è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *