Cimec
Home » Pierluigi Nacci

Articoli di Pierluigi Nacci

Appassionato di birra artigianale sin dal 2004, ha frequentato numerosi corsi di degustazione e nel corso degli anni ha sviluppato una predilezione per i viaggi birrari all'estero, comprensivi di visite a taproom e pub, e per i festival internazionali. Senza assolutamente tralasciare la scena italiana.

Dove bere birra artigianale a Padova: quattro locali visitabili a piedi

Come mi ripeteva spesso uno dei miei mentori lavorativi “il lavoro chiama ulteriore lavoro” e pertanto, in occasione di un’altra trasferta professionale a Padova, ho approfittato per fare una visita a qualche pub della città. Qui peraltro ho avuto il piacere di passare qualche ora in compagnia dell’amico Marzio Berrugi, giudice nazionale di pluriennale esperienza, con cui ho già condiviso …

Vai all'articolo »

Il report del Mikkeller Beer Celebration di Copenhagen, due anni dopo

Dopo oltre due anni di assenza, causata dalle ben note vicende pandemiche, venerdì 22 e sabato 23 ottobre si è tenuto, come da vari anni a questa parte, il Mikkeller Beer Celebration Copenhagen (MBCC), tradizionalmente organizzato in quattro sessioni, due mattutine e altrettante pomeridiane di quattro ore ciascuna, secondo la formula all you can drink. Come ogni edizione, era possibile …

Vai all'articolo »

Un tour nella birra artigianale a Forlì: quattro locali visitabili a piedi

Con l’allentamento delle restrizioni dovute alla pandemia, ho ripreso ad andare in trasferta lavorativa con una certa regolarità, approfittando, una volta terminata le incombenze del caso, del tempo libero per fare una visita a qualche pub della zona che proponga birra artigianale e magari incontrare qualche amico conosciuto in occasione di eventi birrari in Italia e all’estero. Questa volta mi …

Vai all'articolo »

Quattro chiacchiere con James Herrholz di Corporate Ladder

Dopo il recente articolo dedicato alla Florida, continuiamo a porre l’attenzione sull’interessante stato americano intervistando James Herrholz, head brewer di Corporate Ladder. Il birrificio, insieme a Woven Water e Tripping Animals, si sta facendo ampiamente notare con le sue produzioni in tutto il territorio statunitense, ma anche tra gli appassionati europei più attenti alla scena americana. James, peraltro, non è …

Vai all'articolo »

Non solo hype (speciale Florida): Woven Water e Tripping Animals

Come già spiegato in un precedente articolo, per un appassionato è fonte di grande soddisfazione scoprire prodotti degni di considerazione, ma provenienti da birrifici stranieri con un hype basso o molto moderato e poco conosciuti, se non localmente o nello stato americano di appartenenza. Proseguendo il viaggio cominciato all’epoca, oggi ci occuperemo di due produttori statunitensi dei quali alcune referenze …

Vai all'articolo »

Quattro chiacchiere con Derek Gallanosa di Moksa Brewing

In occasione della Italy Beer Week, ho pensato di intervistare Derek Gallanosa, head brewer di Moksa Brewing, birrificio californiano che si è fatto ampiamente notare per le sue ottime produzioni. Derek si era già fatto conoscere in passato per le sue creazioni, essendo stato birraio capo presso Abnormal. La fama di Moksa tra gli appassionati europei e italiani più attenti …

Vai all'articolo »

Scommettere su birrifici non ancora in hype: Afterthought e Dimensional

Tutti coloro che sono interessati alla scena statunitense e hanno contatti con appassionati d’oltreoceano, provano soddisfazione e orgoglio quando una birra molto ricercata, con un valore molto alto sul mercato secondario – in altre parole con un hype elevato – arriva davanti la propria porta in un cartone proveniente dagli States. Lo scrivente in primis. Tuttavia, non si può negare …

Vai all'articolo »

Uno sguardo all’Europa in tempi di pandemia: Pentrich Brewing e Metaphore

Quando tra appassionati si parla delle scene estere più importanti, uno dei primi argomenti che si affrontano è relativo ai birrifici ancora poco conosciuti in Italia, ma che stanno facendo parlare di sé nel proprio paese di origine e non solo. In altri termini, produttori stranieri che nel breve e medio termine potrebbero diventare molto ricercati e in grado di …

Vai all'articolo »

Südtirolerbier spuren un anno dopo, o di come (ri)vivere la birra dell’Alto Adige

Anche quest’anno non ho voluto esimermi da passare oltre quindici giorni in Alto Adige, uno dei pochi luoghi dove a mio avviso si possono veramente “ricaricare” le batterie, anche alla luce degli eventi occorsi tra marzo e maggio che ben tutti conosciamo. Confermando quanto constatato in passato, anche in questa occasione ho riscontrato che tutti i birrifici visitati possiedono una …

Vai all'articolo »

Una storia di successo (e hype) lunga 10 anni: Maine Beer Company

In questo periodo a dir poco difficile, a volte mi trovo a ragionare sui birrifici o semplicemente sulle singole birre che vorrei ritrovare da qui a un paio d’anni. In sostanza, penso a quei birrifici italiani, europei e americani che spero vivamente superino la contingenza del periodo, che attualmente comporta un’enorme contrazione dei consumi, la chiusura, speriamo temporanea, delle relative …

Vai all'articolo »