Annunci

Birrificio vende impianto di maltazione da 500 kg di orzo per ciclo

Vendesi impianto di maltazione Braumaster Power-Malz del 2015 da...

Manifattura Birre Bologna è alla ricerca di un birraio con contratto full time

Manifattura Birre Bologna è alla ricerca di una figura...

Vendesi impianto di produzione completo e attrezzature

Birrificio in provincia di Milano vende intero impianto di...

Sarà l’intelligenza artificiale il nuovo ingrediente segreto della birra?

L’avvento dell’Intelligenza Artificiale (IA) sta segnando una svolta epocale nella nostra società, trasformando radicalmente il modo in cui affrontiamo sfide quotidiane, conduciamo attività economiche e intratteniamo relazioni. L’IA sta permeando ogni aspetto della nostra vita, dalla salute all’istruzione, dall’industria all’intrattenimento, aprendo nuove prospettive e portando con sé un’ondata di innovazione senza precedenti. Al contempo, sta sollevando questioni etiche e richiedendo una riflessione profonda sulla gestione responsabile di queste potenti tecnologie, onde evitare abusi e garantire che il progresso tecnologico sia orientato al bene comune. In questo scenario di trasformazione su vasta scala, il settore della birra non è rimasto immune all’impatto di queste nuove tecnologie. Al contrario, sta abbracciando con entusiasmo le potenzialità di simili innovazioni per rivoluzionare ogni fase della produzione, distribuzione e interazione con i consumatori. Vediamo come.

Ottimizzazione dei Processi di Produzione

Uno dei principali benefici dell’IA nel settore della birra sarà l’ottimizzazione dei processi di produzione. Gli algoritmi avanzati possono analizzare enormi quantità di dati provenienti dai sistemi di produzione, identificando modelli che sfuggirebbero all’occhio umano. Ciò consente una regolazione precisa dei parametri di produzione, migliorando l’efficienza, riducendo gli sprechi e garantendo una qualità costante del prodotto. Migliaia di dati elaborati in pochi istanti, analizzati da diversi punti di vista, porteranno innegabilmente a un salto di qualità nel prodotto, a costi relativamente contenuti.

- Advertisement -

Controllo Qualità Avanzato

L’IA sta già rivoluzionando il controllo qualità nella produzione di birra. Sistemi di visione artificiale possono ispezionare ogni singola bottiglia per scovarne i difetti, garantendo che solo prodotti di altissima qualità raggiungano il consumatore finale. Questo livello di precisione contribuisce a preservare e rafforzare la reputazione del marchio e la stabilità del prodotto.

Previsione della Domanda e Gestione delle Scorte

Attraverso l’analisi predittiva, l’IA sarà in grado di prevedere la domanda futura di birra. Analizzando dati storici di vendita, trend di mercato e persino fattori climatici, socio-politici e culturali, gli algoritmi possono fornire previsioni accurate, consentendo alle aziende di gestire in modo ottimale le scorte e evitare situazioni di sovrapproduzione o carenza di prodotti. 

- Advertisement -

Marketing Personalizzato e Coinvolgimento del Cliente

L’IA aprirà inoltre nuove frontiere nel marketing della birra. Analizzando i dati dei clienti sarà possibile personalizzare le offerte, le promozioni e le esperienze d’acquisto con evidenti effetti sulla fidelizzazione. Questo non solo migliorerà l’engagement del cliente, ma permetterà anche di adattare le strategie di marketing in tempo reale, tenendo conto delle mutevoli preferenze dei consumatori. Vari sistemi integrati saranno in grado di programmare autonomamente campagne social con target estremamente precisi e secondo modelli euristici provenienti da basi di dati analizzati in real time, provenienti dalla rete e da fonti direttamente collegate al birrificio beneficiario della campagna pubblicitaria.

Giudizio critico sui Processi e Manutenzione Predittiva

Grazie all’IA si procederà verso un’ulteriore automatizzazione dei processi di fermentazione, imbottigliamento e distribuzione, introducendo algoritmi in grado di prendere decisioni misurate e relative ad ogni specifico evento, per il miglioramento e l’efficienza in tempo reale delle produzione. In maniera automatica, si potrà ridurre al minimo lo spreco di energia, recuperare calore, acque di lavaggio e anidride carbonica per la rimmissione nel processo produttivo. Inoltre, l’IA potrà svolgere un ruolo chiave nella manutenzione predittiva degli impianti di produzione. Monitorando costantemente lo stato degli impianti, gli algoritmi potranno identificare segnali precoci di potenziali guasti, consentendo interventi tempestivi per evitare fermi imprevisti e ridurre i costi di manutenzione. 

- Advertisement -

Analisi del Mercato e Innovazione Produttiva

L’analisi avanzata dei dati di mercato consentirà alle aziende di rimanere all’avanguardia nelle tendenze di consumo. L’IA può analizzare recensioni dei clienti, trend sociali e dati di mercato per identificare nuove opportunità. Ciò non solo favorisce l’innovazione produttiva ma assicura anche che i birrifici siano in grado di adattarsi rapidamente alle dinamiche del mercato. Sarà inoltre possibile creare nuove ricette di birra che soddisfino in maniera accurata le esigenze del mercato. L’AI potrà essere utilizzata per analizzare grandi quantità di dati sui gusti dei consumatori e sulle combinazioni di ingredienti e tecniche di produzione. 

Sarà possibile anche l’impensabile

Forse non ce ne rendiamo conto, ma i birrifici di tutto il mondo sono già immersi nell’IA e beneficiano quotidianamente di tutte le possibilità che questa offre. DALL-E 3, modello di generazione di immagini sviluppato da OpenAI, è già in grado di realizzare etichette di birra e immagini ad hoc per campagne pubblicitarie, a partire da descrizioni testuali. ChatGPT, un modello linguistico addestrato con una considerevole mole di dati prelevati dalla rete fino al 2022, se interrogato adeguatamente fornisce consigli utili per migliorare il processo produttivo di un birrificio, scrivere testi accattivanti per una pubblicità mirata o per articoli specialistici di settore e, addirittura, redigere ricette specifiche di birra in base ai gusti e alle specifiche richieste di un interlocutore umano. Anche Bard può fare tutto questo, attingendo però da dati aggiornati ed integrandosi con le principali applicazioni di Google, molte delle quali disponibili gratuitamente e largamente utilizzate dalle aziende. 

Scendendo nel concreto, esistono anche alcuni esempi specifici di come l’AI viene già utilizzata nel settore della birra.  In occasione del 150° anniversario di attività, il 30 marzo 2023, il birrificio tedesco Beck’s ha presentato Autonomous, una birra in edizione limitata creata integralmente grazie all’impiego di Intelligenza Artificiale. La ricetta di questa birra è stata sviluppata da un algoritmo che ha analizzato i dati sui gusti dei consumatori e sulle combinazioni di ingredienti. Grazie all’IA, giganti come Ab Inbev possono, inoltre, predire la qualità della birra analizzando i dati raccolti durante la produzione, in particolare i livelli di CO2 in tempo reale. L’analisi in tempo reale non solo può contribuire a migliorare l’accuratezza del processo, ma aiuta l’industria a risparmiare energia, costi e tempo. Infine, notizia di queste ore, James Watt, CEO e co-fondatore del birrificio BrewDog, ha lanciato sui social Hop Frenzy, l’Artificial Intelligence Ale. La ricetta, il nome e persino il design della lattina sono stati creati da ChatGPT. Questo rende Hop Frenzy una delle prime birre al mondo completamente creata dall’Intelligenza Artificiale.

Questi sono solo alcuni esempi significativi di come l’IA stia iniziando a trasformare il panorama birrario. Persino l’immagine di questo articolo è il risultato dell’elaborazione di una intelligenza artificiale. Grazie ad Image Creator di Bing, un’app basata sulla tecnologia DALL-E 3 e disponibile gratuitamente sul motore di ricerca omonimo, è stata data forma in maniera sorprendentemente fedele alla visione dell’autore di questo articolo. In poche parole, il futuro è già qui e la birra ne fa solidamente parte!

Davide Cappannari
Davide Cappannari
Classe ‘76, nella vita si occupa di comunicazione nel senso più ampio del termine. Nasce professionalmente come IT manager e web specialist, negli ultimi anni si è specializzato nel settore dell’informazione diventando giornalista pubblicista e social media manager. È inoltre il fondatore e curatore del blog specialistico “La Toscana della Birra”.

Ultimi articoli

Prossimi eventi: La Bira te Fascia, Burp!, Porck’n Beer, Entropia Beer Fest e altri

Come abbiamo visto nelle scorse settimane, il weekend alle...

Nuovi birrifici e beer firm: Meltz, Birra di Mezzo e Pier Red

Qualche mese fa abbiamo aperto ai birrifici la possibilità...

Pastry Sour all’italiana: quando la birra dessert incontra l’acidità

Nella panoramica di ieri sulle nuove birre italiane abbiamo...

Nuove birre da Porta Bruciata, Opperbacco, Alder, War, Mister B e Eastside

Le Davidsbündlertänze sono una raccolta di diciotto brani per pianoforte scritti...

Newsletter

Al bancone è la nostra newsletter quindicinale con notizie, iniziative ed eventi sulla birra artigianale.

Seguici

28,485FansMi piace
14,232FollowerSegui
6,355FollowerSegui
272IscrittiIscriviti

Ultimi annunci

Pastry Sour all’italiana: quando la birra dessert incontra l’acidità

Nella panoramica di ieri sulle nuove birre italiane abbiamo citato la Buffo (5,3%), prodotta da Mister B (sito web) in collaborazione con Antikorpo Brewing...

Quattro cose della birra artigianale italiana che (per fortuna) non ci sono più

Come abbiamo segnalato in una delle nostre ultime panoramiche sugli eventi birrari, ieri si è festeggiata la Giornata nazionale della birra artigianale, ricorrenza voluta...

I birrifici artigianali italiani stanno perdendo il treno della birra analcolica

Come sta andando la birra analcolica in Italia? Probabilmente questa non è la classica domanda che vi toglie il sonno la notte, tuttavia merita...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui