Craft Beer Evolution
Home » Media, libri e pubblicazioni » Continua il successo dei video "I am a craft qualcosa"

Continua il successo dei video "I am a craft qualcosa"

craft-beer-drinker

Più di un anno fa l’americana Brewers Association produsse un filmato promozionale sulla birra artigianale, intitolato I am a craft brewer, che in breve tempo ottenne un successo clamoroso tra gli appassionati di tutto il mondo. Per capire il motivo di un simile exploit bastava guardare i primi istanti del video, durante i quali ci si rendeva conto di essere al cospetto di un prodotto confezionato in modo perfetto. Messaggio chiaro, riprese professionali, presenza di vari esponenti importanti, ma soprattutto grande abilità nel far leva su aspetti di natura prettamente emozionale. L’impatto fu tale che nei mesi successivi altri filmati continuarono a raccontare l’epopea delle birre artigianali, fino all’ultimo esempio risalente a qualche giorno fa.

Come riportato da Jay Brooks, è ora la volta di I am a craft beer drinker, che aggiorna il contenuto dal punto di vista del consumatore. Il messaggio è sempre lo stesso: esprimere la propria passione nei confronti della birra artigianale, intesa come un prodotto buono, sano e innovativo, che si contrappone chiaramente alle produzioni delle multinazionali del settore. Lo stile è molto simile all’originale I am a craft brewer:

Come dicevo, si tratta solo dell’ultimo esempio di una corrente che con il tempo sta acquistando una crescente fama. Oltre infatti al video della Brewers Association e a quello che avete appena visto, nei mesi precedenti sono stati pubblicati anche I am a homebrewer e I am a Canadian craft brewer. Il primo dei due veicola il punto di vista degli appassionati della produzione amatoriale di birra, che spesso rappresentano il cuore del movimento birrario di una nazione. Eccolo:

Il secondo invece fu realizzato in occasione della Vancouver Craft Beer Week, tenutasi dal 10 al 16 maggio 2010. L’obiettivo dichiarato era di “ispirare un più ampio interesse nei confronti di tutti gli aspetti birrari, alimentando nella regione una emergente cultura della birra artigianale”. Largo al video:

E per concludere, non potevo non inserire anche il filmato che creò tutto questo, l’originale I am a craft brewer. Sì lo so, non è la prima volta che appare su Cronache di Birra, ma rivederlo fa sempre enormemente piacere.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

cop-assobirra_ar2016_versione_web-1

Per l’Annual Report di Assobirra un 2015 positivo, ma ancora con troppe ombre

Con qualche mese di ritardo rispetto al passato, ieri Assobirra ha pubblicato il suo consueto ...

shutterstock_49128781-980x400

I prodotti premium e crafty trainano il successo della birra in Italia

È di alcuni giorni fa la pubblicazione da parte di IRI di alcuni dati riguardanti il ...

3 Commenti

  1. beh se non l’avete visto vi consiglio beer wars. Il video di sopra l’ho conosciuto proprio grazie a quel documentario sul mondo della birra artigianale americana.

    Parlando di di video che girano su youtube, è fortissima, in continua espansione e coesa la comunità dei beer video rewiever che io seguo da 2/3 anni.

    Insomma proprio come in italia, no? 😀

  2. Io in italia ben 4 anni fa proposi in giro di fare un doc sulle birre e birrai ma la gente beve e magna e la salute ce guadagna. Nun je frega niente a nessuno, tale governatore tale sudditi.
    Cheers.

  3. e quello con la “AC Cobra” la dice lunga sulla differenza…
    i birrai italiani (ma forse anche i bevitori?) c’hanno in mente solo il SUV (!)

    meditate gente, meditate…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *