Cimec

Nuovi birrifici: Bastian Contrario, Delta Esse, Piston e Xoxo

Come abbiamo visto in passato la nascita di nuovi marchi brassicoli è un fenomeno che in Italia si è molto ridimensionato negli ultimi anni. I motivi sono diversi e la mente va subito alla pandemia e all’aumento dei prezzi degli ultimi anni. In realtà ci sono anche (e soprattutto) motivi endogeni, come la fine della fase modaiola del nostro settore e l’elevata saturazione del mercato, che obbliga a ponderare bene le strategie d’ingresso nel mercato, supportandole con i giusti investimenti. Ciononostante le novità non mancano e oggi vi presentiamo quattro nuove realtà che si sono affacciate nel nostro ambiente in tempi più o meno recenti, comunque sempre circoscritti agli ultimi mesi. Chi tra essi garantirà un ricambio di qualità al nostro settore? I presupposti sono interessanti in tutti i casi menzionati, ma sarà possibile rispondere con precisione alla domanda solo nel prossimo futuro.

Bastian Contrario Brewing Co.

Bastian Contrario è un nome fondamentale nel panorama birrario italiano: parliamo di un locale che ha scritto la storia della birra artigianale a Parma e che da poco ha inaugurato una nuova fase della sua vita. Dallo scorso marzo infatti sono cominciate le cotte del neonato marchio Bastian Contrario Brewing Co., emanazione “produttiva” del pub emiliano fornito di biergarten e tap room. Non è la solita pseudo beer firm che nasce come costola di un locale, bensì un progetto ben strutturato che non a caso è stato possibile realizzare con l’ingresso di nuovi soci. Non deve dunque meravigliare se sin dagli esordi Bastian Contrario Brewing Co. ha potuto disporre di un suo impianto produttivo: sala cottura da 10 hl (tre tini) realizzata da F2 su disegno del birraio Alessandro Gorbi, tre fermentatori isobarici di capacità compresa tra i 10 e i 20 hl, gruppo a osmosi inversa, tank acqua calda e fredda.

La filosofia produttiva è incentrata sulla creazione di birre facili da bere e per quanto possibile “sessionabili”. Al momento le etichette disponibili sono sei: Miss Matilda (4,5%) è una Blanche abbastanza ortodossa, in cui la luppolatura aggiunge un layer fruttato e agrumato alle classiche note dello stile; Volo Via (4,7%) è una Session IPA luppolata con Ekuanot, Hull Melon, Ella, Citra  e Mosaic, diventata già un grande classico; Agosto 1922 (5%) è una Golden Ale con Ekuanot e Simcoe dedicata alle “Barricate di Parma”; Another Dream (5%) è un’APA facilissima da bere, con luppoli Mosaic e Citra; Primal Bliss (6%) è un’American IPA intensa e decisa, luppolata con varietà Mosaic, Eldorado e Citra; Birkermaier (5%), infine, è una Landbier con un tocco moderno, grazie all’impiego di luppoli Perle, Saaz e Mandarina Bavaria. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del Bastian Contrario.

Delta Esse Brewery

Ha inaugurato appena qualche giorno fa il birrificio Delta Esse, primo produttore della città di Andria (BT). Il progetto sembra ben instradato e curato attentamente anche dal punto di vista estetico, con le etichette delle prime birre realizzate da altrettanti artisti. Le creazioni annunciate a oggi sono due: la prima si chiama Archetipa (5%) ed è una Session IPA che segue il filone delle produzioni hazy, basata su una ricetta perfezionata negli anni di homebrewing in cui spicca un’abbondante luppolatura in whirpool e in fermentazione e una base maltata arricchita da frumento e fiocchi d’avena; la seconda è la Wholeness (5,1%), una Bohemian Pilsner piuttosto fedele al modello di partenza, in cui la parte luppolata è ovviamente caratterizzata dalla varietà Saaz. Entrambe le birre sono confezionate sia in bottiglia (formato da 33 cl), sia in fusto da 24 litri. Il birrificio consta anche di una tap room, elemento ormai praticamente imprescindibile per chiunque apra una nuova attività produttiva nel nostro ambiente. Maggiori informazioni sono disponibili sulla pagina Facebook di Delta Esse, che si propone come un’interessante novità nel panorama brassicolo pugliese, da sempre molto attivo.

Birrificio Piston

Una vecchia stalla in disuso nel comune di Altissimo, nel Parco della Lessinia, è il contesto in cui nel 2019 ha cominciato a prendere forma il Birrificio Piston. L’azienda è stata battezzata con il soprannome del suo birraio Daniele, il quale solo recentemente ha cominciato a commercializzare le sue birre. La gamma del Birrificio Piston attualmente consta di tre etichette: Altissimo Pale Ale (4,8%) è un’American Pale Ale piuttosto equilibrata, con un profilo nettamente agrumato e un buon bilanciamento tra le componenti maltate e amare; La 360 (4,8%) è un’alta fermentazione chiara, facile da bere ed elegante, con un aroma delicato e un finale amaro lieve; Adele (4,4%) è infine una Blanche realizzata seguendo il modello di riferimento, ma con una piccola licenza produttiva incarnata dall’aggiunta di timo, oltre ai classici coriandolo e scorza d’arancia (dolce). Per saperne di più è possibile consultare la pagina Facebook dell’azienda.

Xoxo Brewery

Concludiamo con un birrificio agricolo, cioè Xoxo Brewery di Piombino, in provincia di Livorno. Al momento le birre prodotte sono quattro, tutte imbottigliate nel doppio formato da 33 e 50 cl e contraddistinte da una grafica in stile manga che evidentemente strizza l’occhio a un pubblico prettamente giovanile. Jinkx (5,1%) è una Blanche dolce e leggermente acidula, in cui come da copione spiccano toni agrumati, fruttati e speziati. Zyro (7,1%) è definita Strong Pale Ale, un’espressione che presumibilmente l’avvicina alle American IPA old-school, dove il tocco resinoso e fruttato del luppolo si integra con una robusta base maltata, da cui emergono note di frutta secca e nocciole. Nicky (4,1%) è una Belgian Pale Ale in cui il malto conferisce note biscottate e di caramello prima di lasciare spazio al fruttato del luppolo, con un amaro moderato – dalla descrizione sembra correttamente una Belgian Pale Ale e non una Hoppy Belgian Blond, tipologie che spesso vengono confuse. Infine Sky (6,4%) è un’American IPA di colore ramato, in cui il luppolo è protagonista con note di fiori, erba sfalciata, agrumi e pepe. Maggiori informazioni sono Xoxo Brewery sono disponibili sulla relativa pagina Facebook.

L'autore: Andrea Turco

Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È organizzatore della Italy Beer Week, fondatore della piattaforma Formazione Birra e tra i creatori del festival Fermentazioni. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Tap room, ampliamento e nuovi eventi: l’ascesa del birrificio Rebel’s entra in una nuova fase

Al giorno d’oggi possedere un birrificio artigianale in Italia significa innanzitutto misurarsi con un mercato …

I Beer Club italiani: gli esempi di Baladin, Ca’ del Brado e Chianti Brew Fighters

Per un birrificio artigianale creare un forte legame con i suoi consumatori è essenziale. La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!