Cimec
Home » Fast news » Atleti russi aggressivi e maleducati: vietata la birra nei test antidoping

Atleti russi aggressivi e maleducati: vietata la birra nei test antidoping

Come racconta Sky Sport, l’agenzia russa per l’antidoping ha deciso di vietare ai suoi atleti di bere birra per agevolare i test delle urine dopo le prestazioni sportive. Quello del consumo di birra è infatti un escamotage utilizzato per favorire la produzione di urina nei test antidoping, grazie all’effetto diuretico della nostra bevanda che ben conosce chi frequenta pub e festival a tema. Il punto è che gli atleti russi, a forza di consumare birra, diventavano maleducati e aggressivi: un problema solo apparentemente superficiale e comico, se è vero che l’agenzia ha ora deciso di sostituire la bevanda con semplice acqua (in grandi quantità).

In aggiunta, è stato dimostrato che il consumo di birra può interferire con i risultati del passaporto biologico, influenzandoli anche in maniera notevole. Curiosamente il cambio di umore durante i test antidoping a base di birra è stato rilevato in particolar modo nei partecipanti alle discipline di atletica leggera. Ma per questa singolarità non credo esistano spiegazioni.

Leggi anche

Creativi, ecologici e dalla forte impronta brassicola: presentati i Cocktail Baladin

Il birrificio Baladin continua a investigare l’incontro tra la birra e altre bevande. Proprio ieri …

Birra artigianale in lutto: addio a Franco Sangiorgi

Come ha annunciato Unionbirrai questa mattina su Facebook, si è spento il professore Franco Sangiorgi. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *