Cimec
Home » Fast news » Creativi, ecologici e dalla forte impronta brassicola: presentati i Cocktail Baladin

Creativi, ecologici e dalla forte impronta brassicola: presentati i Cocktail Baladin

Il birrificio Baladin continua a investigare l’incontro tra la birra e altre bevande. Proprio ieri sono stati svelati i Cocktail Baladin, una linea di sei prodotti che ripropongono i classici della miscelazione internazionale, reinterpretandoli con ingredienti riconducibili alla filiera Baladin. L’idea è nata con l’obiettivo di riutilizzare la birra rimasta in magazzino a causa dell’emergenza sanitaria, quindi tutti i cocktail ricorrono a una liquoristica originale creata con alcol distillato dalle birre Baladin. Il contenitore utilizzato è la lattina in formato “small” (237 ml), ecologica e con apertura 360 End che permette di rimuovere completamente il coperchio trasformando il contenitore in un bicchiere. Tre esemplari della gamma sono veri e propri “beer cocktail”, perché sviluppati partendo da una base composta principalmente da birra.

Di seguito i dettagli di ogni prodotto:

  • Beer Hugo (6,3%), realizzato con birra Isaac, fiori di sambuco e menta.
  • Beer Americano (7%), sviluppato con l’impiego di birra Baladin 4.8 e il bitter italiano Nuvolari.
  • Moscow Beer (6,5%), ottenuto dall’incontro di due differenti prodotti Baladin: birra Sud e Ginger Beer.
  • Sidro Spritz (5,3%), rivisitazione del cocktail italiano più bevuto al mondo partendo da un sidro di mele nazionali.
  • Beermouth & Tonic (6%), che utilizza l’incredibile Beermouth di Baladin miscelato con Tonica al fieno dell’azienda piemontese.
  • Gin & Tonic (6,7%), con alcol distillato da birra, gin della Distilleria Quaglia e Tonica Baladin.

Leggi anche

Niente da fare per l’Oktoberfest: salta anche l’edizione 2021

L’Oktoberfest continua a subire gli effetti della pandemia. La lenta ripresa dall’emergenza sanitaria mondiale non …

Il comune di Losanna lancia la sua birra artigianale, 100% locale

Losanna come Windischeschenbach, o quasi. Il funzionamento è molto diverso dallo Zoigl dell’Alto Palatinato, eppure …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *