Cimec
Home » Opinioni e tendenze (pagina 4)

Opinioni e tendenze

Creatività e carattere italiano: il manifesto di Edu Villegas

Eduardo Villegas è un beersommelier messicano, direttore di AMEG, presidente e fondatore della Fraternidad Cervecera e collaboratore per varie riviste e magazine di settore. Alcuni appassionati italiani lo conoscono perché da diverse edizioni è anche una presenza fissa tra i giudici di Birra dell’Anno, il più importante concorso birrario d’Italia, organizzato da Unionbirrai. È anche un caro amico, dei tanti distanti …

Vai all'articolo »

Il segreto del successo delle NE IPA? Instagram e gli altri social media

Che vi piacciano o meno, le New England IPA (le birre “juicy”, per capirci) rappresentano senza ombra di dubbio la tipologia brassicola più controversa degli ultimi anni. Non c’è appassionato o esponente del settore che non si sia espresso in merito, a partire dagli stessi birrai del Vermont che si sono ritrovati, loro malgrado, a essere definiti inventori di un …

Vai all'articolo »

Non solo zucca e castagne: benvenuti nel club delle birre controverse

Ammettiamolo, Halloween è una ricorrenza amata dai più piccoli, ma vista con diffidenza dal resto della popolazione italiana. Il motivo risiede probabilmente nella sua origine, lontana dalle nostre consuetudini, e dall’adozione forzata cui ci siamo stati sottoposti da pubblicità e marketing. Riferendoci al nostro mondo, per molti appassionati la situazione è aggravata da una consuetudine brassicola di questo periodo: le …

Vai all'articolo »

Bufera sulla Deep Throat, la birra “sessista” e “misogina” della beer firm italiana

Risale allo scorso anno la nascita di Deep Beer, contract brewery laziale fondata da Francesco Di Palma con un passato tra Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Cerb di Perugia e i birrifici Pausa Cafè e Baladin. All’epoca dell’apertura, Francesco mi contattò per chiedermi un parere sulle birre e a margine degli assaggi gli segnalai che avrebbe potuto avere problemi …

Vai all'articolo »

Yes we cans: il timido avvento delle lattine nella birra craft italiana

Nove anni fa, più o meno nel periodo di esordio di Cronache di Birra, stava cominciando a diffondersi tra i birrifici artigianali europei un certo interesse per le lattine, già ampiamente disponibili nel movimento craft statunitense. Bisognava innanzitutto smontare il pregiudizio dei consumatori: erano lontani i tempi in cui questo contenitore tendeva a penalizzare la birra ed era quindi destinato …

Vai all'articolo »

Acquisizioni dell’industria: perché distinguere “indipendenza” da “qualità”

Come ormai dovreste sapere, ieri è stata annunciata la cessione del birrificio Hibu a Dibevit, braccio distributivo del Gruppo Heineken. La notizia rappresenta l’ultimo atto della trasformazione che sta investendo il segmento della birra artigianale italiana da poco meno di un anno e mezzo, cioè da quando si verificò il primo acquisto di un marchio craft da parte dell’industria – …

Vai all'articolo »

Non solo acquisizioni di birrifici: tutti i settori in cui le multinazionali stanno attaccando la birra craft

Che le multinazionali della birra stiano puntando il mercato artigianale è ormai un fenomeno assodato da anni, ma probabilmente in Italia abbiamo cominciato a comprenderne l’urgenza solo negli ultimi tempi, con le cessioni (totali o parziali) di Birra del Borgo, Ducato e Birradamare. Operazioni che hanno sconvolto il nostro panorama nazionale, ma che – come ben saprete – si accompagnano …

Vai all'articolo »

Festival birrari italiani: quando il successo travalica i confini nazionali

È comune affermare che gran parte del successo della birra artigianale italiana risiede nella creatività dei nostri birrai. E se quella creatività, da sempre segno distintivo del popolo italico, non si esprimesse nel mondo birrario solo al momento di ideare una nuova ricetta? È ciò su cui sto riflettendo in questi giorni, in un periodo dell’anno nel quale la concentrazione …

Vai all'articolo »

L’irresistibile richiamo tropicale: ecco le birre italiane prodotte con frutta esotica

Nella seconda metà degli anni ’90 ci fu un gelato dell’Algida che ottenne un discreto successo: il Solero. Nella sua prima versione aveva un gusto intenso di frutta tropicale, caratteristica che ne decretò l’ascesa tra i consumatori. Oggi stiamo vivendo lo stesso “effetto Solero” nel mondo della birra: negli ultimi tempi, infatti, la riscoperta dell’uso della frutta nella produzione brassicola …

Vai all'articolo »