Cimec

Opinioni e tendenze

Whisky, kombucha e hard seltzer: quando i birrifici italiani si spingono oltre la birra

Negli ultimi anni tra i birrifici craft americani si è diffusa una certa tendenza a diversificare la propria offerta, arrivando a travalicare i confini della birra per proporre sul mercato prodotti alcolici di differente natura. Alla gamma base di molte aziende statunitensi sono stati così aggiunti distillati, hard seltzer, bevande alcoliche aromatizzate, kombucha e fermentati vari. Si tratta di un …

Vai all'articolo »

Travalicare gli appassionati: un imperativo per il futuro della birra artigianale

Ritrovarsi catapultati improvvisamente in una realtà inedita permette di guardare le cose in modo diverso. È ciò che è successo a tutti noi con l’avvento della pandemia, che ha stravolto ogni aspetto delle nostre vite. Inclusa la birra artigianale, che non solo fa parte della nostra quotidianità, ma rappresenta un settore produttivo sempre più importante nel panorama nazionale. Il blocco …

Vai all'articolo »

Tendenze, rischi e opportunità della birra craft americana secondo Nielsen

Come riportano da Brewbound, negli scorsi giorni la società Nielsen ha pubblicato i risultati dell’annuale Craft Beer Insights Poll, la consueta ricerca di mercato creata in collaborazione con la Brewers Association. Lo studio si concentra dunque sul segmento della birra craft americana, indagando in particolare le abitudini dei consumatori locali. Nonostante il settore negli Stati Uniti continui a mandare segnali …

Vai all'articolo »

Colori sgargianti e non solo: la birra è sempre più schiava del suo aspetto?

Negli scorsi giorni mi sono imbattuto in un articolo apparso recentemente sul blog NewToBrew, in cui vengono illustrate le caratteristiche delle cosiddette Florida Weisse. Se non avete mai sentito parlare di questa tipologia, sappiate che può essere considerata in tutto e per tutto analoga a quella delle Catherina Sour: base vagamente ispirata alle Berliner Weisse, alla quale è aggiunta frutta …

Vai all'articolo »

Vendere il proprio birrificio a causa delle Hazy IPA: il caso Trinity Brewing

Negli ultimi anni abbiamo assistito alla vendita di tanti birrifici artigianali, per i motivi più disparati: l’interesse di qualche grande colosso del settore, difficoltà economiche non più sostenibili, l’uscita di scena dall’assetto societario di un personaggio particolarmente importante. Mai però era accaduto che un imprenditore decidesse di cedere il suo birrificio perché stanco della direzione intrapresa recentemente dal settore. Sarebbe …

Vai all'articolo »

La definizione americana di “craft beer” e com’è cambiata negli anni

A metà dello scorso aprile, mentre eravamo nel pieno dall’emergenza coronavirus, la Brewers Association ha pubblicato il consueto report annuale sul comparto craft, con riferimento al 2019. Seguendo un trend ormai in corso da diverso tempo, anche questo documento ha confermato una crescita che sembra non conoscere pausa: negli Stati Uniti la birra artigianale ha raggiunto il 13,6% del mercato …

Vai all'articolo »

Regole Inail per le riaperture: come potrebbero adattarsi a pub e birrerie?

Dopo essere entrati nella fase 2 dell’emergenza coronavirus, ora la tappa più attesa da tutto il comparto della birra artigianale (e non solo) è la riapertura di bar e ristoranti. In questa categoria infatti dovrebbero rientrare anche i pub e le birrerie, che dunque saranno soggetti alle stesse misure contenitive previste per il settore della ristorazione. Sin dall’inizio del lockdown …

Vai all'articolo »

Dalla fase 1 alla fase 2: quale futuro per la birra artigianale italiana?

Ieri è cominciata per l’Italia la tanto attesa fase 2 dell’emergenza coronavirus, che ci ha permesso di riappropriarci di un pezzetto di normalità. La percezione è che l’allentamento delle restrizioni abbia permesso di scaricare un po’ di tensione tra la popolazione, tensione che fisiologicamente era cresciuta con il prolungarsi del lockdown. Per il comparto della birra artigianale, tuttavia, il passaggio …

Vai all'articolo »

I vantaggi nascosti del delivery per i birrifici artigianali italiani

Da quando è cominciata l’emergenza coronavirus una delle parole che si sentono ripetere più spesso è “delivery”. Oltre che nel settore della ristorazione, il termine è diventato estremamente diffuso nel segmento della birra artigianale. Non è difficile capire il motivo: dovendo restare chiusi, pub e locali hanno nelle consegne a domicilio l’unico strumento per ottenere un minimo di ossigeno. In …

Vai all'articolo »

Coronavirus: negli USA la maggioranza dei birrifici destinata a chiudere entro 3 mesi

Negli scorsi giorni abbiamo più volte analizzato lo stato del settore della birra artigianale italiana, che naturalmente sta affrontando gravi problemi a causa del lockdown che stiamo vivendo. Inutile sottolineare che le difficoltà sono generalizzate e comuni a tante altri paesi, pur con qualche sfumatura differente. Vale allora la pena estendere lo sguardo oltre i confini nazionali e capire come …

Vai all'articolo »