Cimec
Home » Opinioni e tendenze (pagina 5)

Opinioni e tendenze

Il mercato della birra craft e la maledizione dell’hype

Dopo aver commentato i risultati di sabato e aver stilato delle classifiche non ufficiali, concludiamo l’ampia parentesi dedicata a Birra dell’anno di Unionbirrai con alcune riflessioni emerse dal concorso. Oltre a rappresentare un’esperienza straordinaria, partecipare come giudice a un’iniziativa del genere permette di scoprire dinamiche non sempre evidenti dall’esterno, capaci di sviluppare una maggiore consapevolezza sullo stato della birra artigianale …

Vai all'articolo »

Birra dell’anno 2018: i campioni di categoria

Ogni anno, in concomitanza con i risultati di Birra dell’anno, qui su Cronache di Birra siamo soliti pubblicare i “campioni di categoria”, cioè delle classifiche non ufficiali costruite raggruppando le categorie del concorso in macro-famiglie, ognuna della quale appartenente a una specifica cultura brassicola. È un esercizio divertente ma anche utile, perché di fronte alle 41 categorie di quest’anno (e …

Vai all'articolo »

Come distinguersi da centinaia di altri birrifici: 5 casi di successo

Nell’articolo di ieri vi ho raccontato delle difficoltà che stanno incontrando i birrifici americani di medie dimensioni, costretti a barcamenarsi in un settore dove negli ultimi anni la concorrenza è cresciuta a ritmo impressionante. Una situazione molto simile a quella italiana, dove ci ritroviamo con circa 700 birrifici e qualche centinaia di beer firm a lottare per dividersi quel poco …

Vai all'articolo »

In medio stat difficultas: la sofferenza dei birrifici USA di medie dimensioni

L’epoca delle vacche grasse è terminata. È questo il primo pensiero che viene in mente considerando la situazione della birra craft negli USA, dove la crescita impressionante degli anni precedenti è ormai un ricordo lontano. Chiariamolo subito: il settore americano non è assolutamente in crisi, ma è indubbio che i dati non sono più così entusiasmanti come in passato. I …

Vai all'articolo »

La tortuosa evoluzione italiana del formato da 33 cl: un precedente per le lattine?

Come abbiamo documentato recentemente, sono diversi i birrifici italiani che hanno finalmente deciso di affidarsi alla lattina come alternativa alla bottiglia. La tendenza rappresenta una piccola rivoluzione trainata dal successo internazionale di questo contenitore, che nella sua forma moderna ha dapprima conquistato i produttori americani e poi si è diffusa anche in Europa. È naturale chiedersi se è una moda …

Vai all'articolo »

Quanti sono i birrifici artigianali in Italia? Da Unionbirrai una risposta (forse) definitiva

Come probabilmente saprete un paio di settimane fa si è tenuta a Milano la prima edizione di Craft Beer Italy, fiera B2B unica del suo genere perché rivolta espressamente al mondo della birra artigianale italiana. Promossa da NurnbergMesse Italia (l’azienda che organizza il Brau Beviale) si è distinta per la sua natura duttile e versatile: è stata sia una kermesse …

Vai all'articolo »

Cresce il numero di locali americani con sola birra indipendente. E in Italia?

Da quando le multinazionali del settore hanno iniziato ad acquisire di birrifici craft di mezzo mondo (l’ultimo qualche ora fa), è diventato chiaro che la “battaglia” non è più tra birra artigianale e birra industriale, ma tra produttori indipendenti e non indipendenti. In passato era facile tracciare una linea di demarcazione tra i due mondi, ma negli ultimi anni questo …

Vai all'articolo »

Creatività e carattere italiano: il manifesto di Edu Villegas

Eduardo Villegas è un beersommelier messicano, direttore di AMEG, presidente e fondatore della Fraternidad Cervecera e collaboratore per varie riviste e magazine di settore. Alcuni appassionati italiani lo conoscono perché da diverse edizioni è anche una presenza fissa tra i giudici di Birra dell’Anno, il più importante concorso birrario d’Italia, organizzato da Unionbirrai. È anche un caro amico, dei tanti distanti …

Vai all'articolo »

Il segreto del successo delle NE IPA? Instagram e gli altri social media

Che vi piacciano o meno, le New England IPA (le birre “juicy”, per capirci) rappresentano senza ombra di dubbio la tipologia brassicola più controversa degli ultimi anni. Non c’è appassionato o esponente del settore che non si sia espresso in merito, a partire dagli stessi birrai del Vermont che si sono ritrovati, loro malgrado, a essere definiti inventori di un …

Vai all'articolo »