Cimec
Home » Birre » Le migliori birre del 2017 (secondo noi)

Le migliori birre del 2017 (secondo noi)

Approfittiamo di questi ultimi giorni dell’anno per riproporre l’ormai consueto post sulle migliori birre bevute nel corso degli ultimi 12 mesi. Recentemente avrete letto classifiche, bilanci e considerazioni sul 2017 un po’ dappertutto, quindi come sempre eviteremo di appesantire la lettura con lunghi discorsi e valutazioni prolisse. Il meccanismo è molto semplice: ho chiesto ai collaboratori più assidui di Cronache di Birra di comunicarmi le loro 5 migliori bevute dell’ultimo anno, specificando la birra migliore in assoluto (con due righe di spiegazione) e poi elencandone altre 4 in ordine misto, senza stilare una vera e propria graduatoria. È un esercizio divertente che richiede concentrazione mnemonica, e proprio perché ci affidiamo alla memoria spesso a emergere non sono solo le sensazioni gustative della bevuta, ma anche il suo significato e il contesto nella quale è avvenuta. Il risultato è una lista di 35 birre da tutto il mondo, nelle quali magari troverete anche i vostri migliori assaggi del 2017 – ad esempio la stessa birra è stata citata da tre diversi collaboratori! Come da tradizione comincerò io, poi lascerò la palla agli altri in rigoroso ordine alfabetico.

Andrea Turco

  1. Schumacher AltSchumacher
    Passi una vita ad assaggiare Altbier prodotte da birrifici di tutto il mondo, poi bevi quelle autentiche a Dusseldorf e ti si apre un mondo: capisci che qualsiasi incarnazione fuori dalla città tedesca non è che una pallida imitazione di questo fantastico stile. Tra le tantissime splendide Alt bevute in loco, ricordo con particolare piacere quella di Schumacher, perfettamente equilibrata e straordinariamente appagante. L’atmosfera delle antiche birrerie della città fa il resto. Bevute eccezionali durante un viaggio da ricordare per sempre.

Alessandra Agrestini

  1. NinaPennylan Brewery
    Ovvero Jessica e Christian e quei loro racconti che ti fanno venir voglia di prendere il primo volo per andare a vedere dal vivo questo piccolo birrificio disperso nell’isola di Bornholm, Danimarca. Quando ad ottime birre si accompagnano splendide persone.

Francesco Antonelli

  1. Cuvée de ZrisaCa’ Del Brado
    Ca’ del Brado è stato un po’ il “birrificio” (o meglio, la cantina brassicola) sorpresa di questo 2017. Un progetto unico nel suo genere, curato da persone capaci ed esperte che sanno quello che fanno. Assaggiai le prime produzioni diversi mesi fa, trovandole interessanti ma ancora senza una identità precisa. Be’, sono migliorati tantissimo in pochissimi mesi. Mi è capitato di assaggiare questa Cuvée de Zrisa, prodotta con ciliegie di Vignola, a Eurhop di quest’anno. Che dire, sono rimasto impressionato: davvero nulla da invidiare alle migliori produzioni del Belgio. Bravi, davvero.

Alessandra Di Dio

  1. Avec Les Bons VoeuxDupont
    Una delle più grandi soddisfazioni birrarie del 2017 è stata la Avec Les Bons Voeux di Dupont. Una pulizia e un equilibrio da manuale, ma al contempo tutto quel bagaglio di sapori del Belgio più rustico e fin troppo modesto. Una birra che con eleganza fa il gesto dell’ombrello a tutti gli hype birrari.

Anna Managò

  1. LukasThornbridge Brewery
    Dicono che non ti manchi realmente una cosa, ma l’idea che hai di quella cosa.  Dopo nove mesi senza, mi sono resa conto che la mia idea di birra è molto simile a questa: semplice, solida, elegante, svanisce velocemente.

Roberto Muzi

  1. Coffee Brett Imperial StoutCarrobbiolo
    Una imperial stout con Brettanomyces e caffè che racconta perfettamente un birrificio (tra i migliori d’Italia e di cui si sente parlare troppo poco), un birraio (in grado di unire in maniera rara le sue indiscutibili capacità tecniche, una passione per i fermentati e per le cose fatte bene e quel suo modo sempre leggero di non prendersi troppo sul serio) e un mio momento personale di intenso godimento: durante una splendida degustazione primaverile, il cui argomento era “le birre ribelli”, svoltasi presso la sede romana di Porthos. La Coffee Brett è stata pura emozione, calandosi nei bicchieri col suo vestito scuro, il suo ventaglio aromatico ampio e suggestionante e un sorso pieno, potente, impossibile da dimenticare.

Niccolò Querci

  1. Bluejacket Whiskey Barrel-Aged Double Mexican RadioBluejacket
    Provata alla spina al BXL Beer Festival dell´agosto 2017. Si tratta di una Stout invecchiata sei mesi in botti di whisky. Colore marrone scuro, inebriante aroma di bourbon, vaniglia, cioccolato e creme brûlé. Al gusto dolce e leggermente piccante (peperoncini Ancho nella ricetta) con sentori di cioccolato e vaniglia. Il piccante e il dolce sono molto ben bilanciati e risaltano in un lungo e piacevole retrogusto.

Queste le nostre migliori bevute degli ultimi 12 mesi. E le vostre? Magari troviamo curiose analogie. Per Cronache di Birra il 2017 si chiude con questo post e con l’augurio che nel 2018 potremo bere ancora tante cose buone. Buon anno a tutti, anche se un po’ in anticipo!

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Nuove birre (e diverse Brut IPA) da Toccalmatto, Porta Bruciata, Vetra, Lariano e altri

Sarà sicuramente il frutto di una curiosa e insospettabile coincidenza, ma da quando su Cronache …

Nuove birre da Hammer + Crak, Pork’n’Roll + Elvo, Ritual Lab e altri

Ci sono birre collaborative destinate a diventare pietre miliari e altre che vengono dimenticate nell’arco …

7 Commenti

  1. 1 – bolik – birra muttnik
    2 – ciusky – extraomnes
    3 – piè veloce brux – ca’ del brado
    4 – mild ale alla camomilla – Non ricordo il produttore
    5 – tiramistout Imperial savoiardi stout – victory art brew
    Ecco la mia modestissima classifica. Buon anno a tutti!

  2. Belle liste, per nulla modaiole e piene di ottimi consigli. Bravi!
    Solo un appunto sulla classifica della sempre ottima Agrestini. La Black di Vetra (combinazione: riassaggiata proprio oggi a pranzo prima di leggere l’articolo!) è nettamente quella che mi ha convinto meno tra le proposte del nuovo birrificio milanese, con un vegetale da luppolo davvero un po’ sgradevole. Le mie bottiglie però provengono da una delle prime cotte, magari in seguito l’hanno tarata un po’.

    • Alessandra

      L’ho bevuta in fusto almeno un paio di volte e l’ho trovata sempre molto convincente, come anche la loro Pils. Ero indecisa tra le due, a dirtela tutta. Sulle loro bottiglie invece mi trovi impreparata, lo ammetto. Grazie Norberto per il tuo commento.

  3. tra le migliori birre che ho bevuto quest’anno

    Baladin Xyauyu Barrel 2013
    De Molen Weer & Wind
    Against the grain 70K
    Pan Ipani di Trzech Kumpli
    la celebre Sippin into darkness
    Amager Ryeking

    concordo ovviamente sull’ottima riuscita delle birre quest’anno di Nix, Extraomnes e Croce di Malto

  4. sarò di parte ma le birre di Ritual lab mi sono sembrate tutte apprezzatissime

  5. Escludendo alcune ottime birre che già conoscevo e che ribevo sempre molto volentieri le più interessanti birre provate in questo 2017 appena concluso sono state…
    1 – Midsummer Melancholy – Sori brewing & AF brew
    2 – Nordic Pale Ale – Kissmeyer & Beau’s
    3 – Laph10 – Birrificio War
    4 – Potenza Meridionale – Br’hant & Menaresta
    5 – Equinox du Printemps – Brasserie Dieu du Ciel
    5bis – Stanislao Ceresa – Carrobiolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *