Craft Beer Evolution
Home » Eventi » Il corso de La Pinta Medicea e il Master of Food a Treviso

Il corso de La Pinta Medicea e il Master of Food a Treviso

pinta-mediceaDa oggi anche l’attivissima associazione La Pinta Medicea, operante in Toscana, ha il suo corso di degustazione di birra. Nello specifico è un corso di primo livello, che partirà martedì 25 novembre e che sarà strutturato in quattro appuntamenti, durante i quali si toccheranno diversi aspetti della cultura birraria. Le lezioni saranno orspitate dal Bio Bistrot di Firenze, situato in via Pacini, 45, e si terranno sempre di mercoledì con inizio alle 21,00 (ogni lezione durerà un paio d’ore).

La prima serata (25/11) sarà incentrata sulla storia, la produzione e la degustazione della birra, con cenni sugli ingredienti di base, le tecniche di servizio, l’analisi organilettica. La seconda lezione (2/12) offrirà una presentazione delle tre grandi famiglie birrarie e affronterà nel dettaglio la bassa fermentazione. L’alta fermentazione sarà oggetto di trattazione della terza serata (9/12), nella quale si andrà anche alla scoperta delle birre italiane. L’ultima serata (16/12) sarà infine incentrata sulle birre trappiste e d’abbazia, sulla fermentazione spontanea e sull’homebrewing.

In ogni serata (eccetto l’ultima, ma credo si tratti di un refuso) si degusteranno 4 birre in tema con l’argomento di giornata. Il costo dell’intero corso è davvero incredibile: 75 euro (comprensivo di tessera associativa), 65 euro per i soci de La Pinta Medicea. Per informazioni, prenotazioni e programma completo vi rimando al sito dell’associazione.

Master-BirraProprio oggi parte invece il Master of Food sulla birra organizzato da Slow Food in provincia di Treviso. Anche in questo caso il corso è composto da quattro incontri che offriranno una visione generale della birra artigianale. Le serate saranno ospitate dal birrificio La Gastaldia di Pieve di Soligno, si terranno sempre di giovedì alle 20,30.

La prima lezione è in programma per questa sera e affronterà gli aspetti riguardanti la produzione e la degustazione, con approfondimenti sulle materie prime e l’analisi organolettica. Il secondo appuntamento (19/11) sarà incentrato sulle tipologie e gli stili di birra, partendo dalla suddivisione tra Ale e Lager, per poi scendere nel dettaglio. La terza lezione (26/11) tratterà dei colori del malto e della birra e dei più importanti paesi produttori al mondo. La quarta serata (3/12) affronterà le specialità e gli abbinamenti birra-cibo.

Il corso sarà tenuto da Fabiano Toffoli, esperto e docente Master of Food. L’iscrizione comprende degustazione di 20 birre, dispense del corso e il volume “Guida alle birre del mondo” di Michael Jackson. Il costo è di 100 euro per i soci Slow Food (85 euro per i giovani sotto i 31 anni), mentre chi non è socio ha diritto a partecipare allo stesso prezzo, con l’obbligo però di iscriversi all’associazione (25 euro). A tutti i “promossi” tra i partecipanti sarà consegnato l’attestato di partecipazione. Per ulteriori informazioni potete consultare la news pubblicata su Mondobirra.

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Ancora eventi a dicembre: Birre sotto l’albero e non solo

Prima di interrompere momentaneamente le trasmissione per il ponte dell’Immacolata, diamo un’occhiata ad altri eventi ...

Ancora eventi a inizio dicembre: Vallescura Open Day, Christmas Beer Festival e altri

Con l’avvicinarsi delle festività il rush finale degli eventi birrari è ormai ufficialmente cominciato e ...

15 Commenti

  1. Noto solo che sono prezzi di gran lunga più accessibili rispetto ai corsi promossi da altre associazioni…

  2. ad esempio?

  3. il prezzo è fantastico…infatti vorrei sapere se qualcuno è a conoscenza di altri corsi a Roma o dintorni. Questo di Firenze è davvero attraente ma la distanza annullerebbe la convenienza! ciao a tutti!!

  4. Il prezzo è leggermente più basso rispetto agli altri master slow.

  5. @amarillo, ad esempio tutti quelli annunciati in questo blog.
    il prezzo è veramente basso, complimenti a chi è riuscito a tenere i costi cosi ristretti nonostante ben 4 giorni di corso.

  6. Allora, conti della serva, superficialmente, confrontando mele con pere come si usa fare spesso nei confronti “di gran lunga”:
    UB: 12 lezioni = 280 euro. 23.3 eur/lez
    ADB: 14 lezioni=280 euro. 20 eur/lez
    MB: 4 lezioni= 130 euro. 32.5 eur/lez
    PM: 4 lezioni = 75 euro. 18.75 eur/lez
    SF: 4 lezioni= 100 euro. 25 eur/lez
    non so la durata delle serate per fare il costo orario. Non entro nel merito del numero di birre che si degustano a lezione e il costo del materiale didattico.
    Quindi e’ quello che costa meno e il prezzo e’ molto interessante. Di gran lunga?

  7. amarillo, non sò se polemizzi perchè ti sta simpatico qualcuna di quelle associazioni, ma a casa mia è oltre il 20% di sconto rispetto al corso SF e costa quasi la metà rispetto a quello MB(logicamente i corsi si confrontano con quelli di pari serate ).
    be per me è in gran lunga piu conveniente, se a te poi piace spendere di più sono affari tuoi.

    quindi mele , pere , occhio malocchio prezzemolo e finocchio, questi sono i fatti.

  8. Conti della serva anche io, anche io!
    Premessa doverosa: non so come saranno questi corsi, la qualità ovviamente è un discorso diverso e stiamo parlando di mera pecunia. Insomma, non voglio dire “questi costano meno quindi sono migliori” magari non è così, o magari sì ma non so dirlo e neanche mi sembra il caso.
    Tornando alla vile pecunia, PM 4 lezioni 75 euro comprensive di 10 euro di tessera associativa, mi pare di capire. Quindi potrebbero essere addirittura 65/4 = 16,25 x lez.
    I più costosi sono senza dubbio MB, vedo. Comunque non sono prezzi esorbitanti, poi sarebbe da capire di quante ore si compongono le lezioni di cui parliamo per stabilire un prezzo per ora, se volessimo fare un raffronto veramente pertinente… Si potrebbero magari scoprire vantaggi o svantaggi inaspettati.

  9. @pistillone. non sto polemizzando, mi pare siano un po’ tutti permalosi eh. Non ho simpatie, ho fatto un calcolo matematico da casaling(u)a di voghera e puntualizzo, lo fanno tutti qua, potevo rimanere indietro? Si generalizzava “sugli altri” e con “di gran lunga” un po’ ad minchiam. Invece adesso mi pare che tu dica giustamente “ovviamente si confrontano su pari serate”. Prima non era affatto chiaro per chi non era di voghera.

  10. @amarillo

    non sono permaloso, è che voglio dare a cesare quel che è di cesare, complimenti a pinta che sono riusciti a contenere i costi del corso, io organizzo serate e so che contenere i costi è difficilissimo.

  11. Zucchero Sugar Frocianari

    Più che altro spiegatemi che senso ha fare dei confronti sul prezzo se non si ha ancora idea della qualità che viene offerta. Conoscete i docenti e il materiale didattico che “La pinta medicea” offre? Discutete su un dato oggettivo, boh!
    Se volete organizzo corsi a casa mia, mi accontento di 50 euro a persona.
    Birre a volontà e libro di grammatica delle medie per chi ne fosse sprovvisto!

  12. @Zucchero…offri quello delle elementari che qui fai più proseliti.

  13. …ma anche il galateo e la netiquette, perchè no? 😀 C’è n’è sempre sempre bisogno, ben più del libro di grammatica! 😀
    A parte tutto, il libro di Michael Jackson per il corso di Master of Food non è proprio l’ultima delle dispense, credo.

  14. Un corso per definizione dovrebbe essere teso a tramandare delle conoscenze o dei saperi che dir si voglia… dunque mi sembra un pochino riduttivo se non inutile valutare il costo di un corso in base alle ore e al materiale fornito… ad esempio non è che un master (universitario) costa il doppio rispetto ad un altro perchè offre più ore di lezione e più libri ma perché offre docenti (ok anche organizzazione ecc. ecc.) superiori rispetto ad un altro! Personalmente ho fatto vari corsi serate e quant’altro e non ho mai trovato qualcuno più preparato ed esaustivo del corpo docente messo in campo da Mobi.. dunque mi sembra giusto che il corso costi in proporzione di più… QUALITA’ NON QUANTITA’

  15. @filo

    non capisco il tuo discorso o venite a dirmi che quelli di pinta medicea non capiscono un cavolo e fare un corso da loro sono soldi buttati via, o semplicemente gli fate tutti i complimenti per essere riusciti a fare un corso alla portata di tutti.
    mi sembra ci sia un po troppo rosik in giro anche perché chi si avvicina al mondo della birra artigianale è già intimoriti dai 10 euro la boccia, figuriamoci di 100 e passa euro per un corso.
    poi che altri riescano fare corsi migliori è un altro discorso.

    p.s. dategli uno sguardo al sito di pinta medicea e vi renderete conto che non sono gli ultimi arrivati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *