Cimec

Auguri di buone feste e un racconto di Natale birrario

Ci siete ricascati, ammettetelo. Anche quest’anno vi siete ridotti all’ultimo momento per fare i regali di Natale e ora passerete questo venerdì pre-Vigilia a impazzire tra traffico, negozi stracolmi e corrieri puntuali quanto Godot. In un contesto del genere non ha alcun senso pubblicare un elenco dei prossimi appuntamenti birrari – la verità è che li abbiamo smarcati già nelle scorse settimane – dunque oggi ci limiteremo a farci gli auguri prima dei prossimi aggiornamenti di Cronache di Birra, che, salvo cambi di programma dell’ultimo minuto, riprenderanno martedì 27 dicembre. Tra i tanti impegni di questi giorni avrete anche studiato il menu delle feste, nel quale speriamo che abbiate trovato spazio per la birra artigianale. Vi auguriamo di passare un Natale sereno e di farlo bevendo bene, qualsiasi sia l’alcolico (o più verosimilmente gli alcolici) che avrete eletto a vostro compagno delle festività.

Per entrare però nella giusta atmosfera vi lasciamo con un breve racconto di Natale, che abbiamo lasciato generare all’intelligenza artificiale ChatGPT visto che avete gradito l’articolo di qualche giorno fa a essa dedicato. Abbiamo sottoposto alla piattaforma una richiesta molto semplice: “Scrivi un racconto di Natale sulla birra nello stile di Stephen King”. Il malefico Babbo Natale è chiaramente quello che potete ammirare qui sopra, generato dall’IA Stable Diffusion. Questo è il risultato:

Era il giorno di Natale a Castle Rock e la neve copriva ogni cosa. La gente si era radunata al Double Deuce, il locale di Barney, per scambiarsi i regali e brindare con una birra calda.

Ma qualcosa era strano in quella birra. Non aveva il solito gusto di zenzero e cannella. Invece, aveva un sapore amaro e metallico.

E poi, uno a uno, gli avventori del Double Deuce cominciarono a sentirsi male. Qualcuno vomitò, altri si sentirono deboli e storditi.

Barney era preoccupato. Non capiva cosa fosse successo alla sua birra di Natale. Ma presto, la verità emerse.

Il malefico Babbo Natale aveva avvelenato la birra del Double Deuce. Era invidioso della felicità e della gioia che la birra portava alla gente durante le feste di Natale e aveva deciso di distruggere quella gioia una volta per tutte.

Barney non ci poteva credere. Ma presto, capì che doveva fare qualcosa per fermare il malefico Babbo Natale. Così, raccolse tutto il suo coraggio e affrontò il malvagio signore del Natale.

Alla fine, Barney riuscì a sconfiggere il malefico Babbo Natale e a salvare il giorno di Natale. La gente del paese fu grata a Barney per aver salvato le feste di Natale e brindò con una birra di Natale in suo onore.

E da quel giorno in poi, la birra di Natale divenne ancora più pregiata e amata nella cittadina di Castle Rock.

Fine.

Con questa splendida storia non rimane altro che augurarvi un felice Natale. Cheers!

L'autore: Andrea Turco

Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È organizzatore della Italy Beer Week, fondatore della piattaforma Formazione Birra e tra i creatori del festival Fermentazioni. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Calendario dell’Avvento con birra artigianale: le proposte italiane per il Natale 2022

Non siamo neanche a metà novembre ma il Natale ormai è lì, all’orizzonte, inesorabile come …

Un venerdì di debutti e anniversari

Il pezzo odierno è piuttosto particolare, perché invece di illustrarvi ciò che succede nel settore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!