Annunci

Vendesi imbottigliatrice isobarica semiautomatica nuova

Vendesi imbottigliatrice isobarica semiautomatica nuova, marca Braumanufaktur Werk. Di...

Birrificio vende intero impianto di produzione mai utilizzato

Birrificio in provincia di Foggia vende intero impianto di...

Birrificio vende impianto di maltazione da 500 kg di orzo per ciclo

Vendesi impianto di maltazione Braumaster Power-Malz del 2015 da...

Nuove birre italiane da Lambrate, Stavio, MC77 e Free Lions

voladaTra gli appassionati di birra c’è chi preferisce propendere su pochi prodotti, che conosce bene, e chi invece ama sperimentare continuamente nuove creazioni. Il post di oggi è dedicato in particolar modo a questi ultimi, visto che andrò a presentarvi le ultime novità dei birrifici italiani. Partiamo allora da una notizia fresca fresca, riguardante l’ultima one shot firmata birrificio Lambrate: si chiama Volada (4% alc.) e appartiene allo stile delle California Common (Steam Beer). Questa tipologia è una delle poche nate originariamente negli Stati Uniti e presenta la peculiarità di essere prodotta con lieviti da lager, lasciati lavorare però a temperature alte. Si tratta di uno stile abbastanza di nicchia, uno dei pochi non ancora toccati dalla vena creativa del produttore meneghino.

La Volada – che in dialetto significa “rapina velocissima” – sarà presentata in anteprima martedì 29 ottobre presso i locali di via Adelchi e via Golgi dall’orario di aperitivo in poi. Questa la descrizione che ne fa il birrificio:

Birra chiara dai toni giallo carico. Al naso netto profumo di luppolo e aromi di lievito. In bocca è caratterizzata dal gusto di malto con corpo medio e un finale amaro, accentuato dal luppolo americano, Calypso.

altralomaSe i ragazzi del Lambrate riservano continue sorprese, lo stesso si può dire per quelli di Birra Stavio, ormai ospiti fissi in post di questo tipo. Le novità dalla beer firm romana sono addirittura due, che vado a illustrarvi. La Teentrip (5% alc.) è una Blond Ale in stile belga, dove il lievito gioca un ruolo di primo piano a livello organolettico, con note speziate e di frutta bianca. Ciononostante la bevuta risulta parecchio snella, grazie a un corpo leggero (ma corretto) e a un’ottima secchezza finale. L’Altraloma (5,8% alc.) è invece una Golden Ale ricca ma semplice, con aromi di agrumi e frutta tropicale e un tocco leggero di malto chiaro che prelude a una chiusura luppolata, amara e pulita. Le due birre sono state prodotte rispettivamente presso l’impianto di Mastino II e di BQ.

- Advertisement -

mild the gapTorniamo a parlare di stili tradizionali con l’ultima nata in casa MC77, che svela la tipologia di appartenenza sin dal modo in cui è stata battezzata: Mild the gap. Il nome è molto azzeccato, perché fa riferimento alla metropolitana di Londra. Quello delle Mild è infatti uno stile storico strettamente legato alla quotidianità dei paesi anglosassoni, tanto da essere stato per decenni il tipo di birra più bevuto in assoluto. Poi le conseguenze dell’industrializzazione ne hanno minato il successo fino a comprometterne addirittura la sopravvivenza, finché in tempi recenti il Camra ne ha promosso la rinascita. Oggi le Mild sono tornate nella gamma di molti birrifici inglesi ed è bello vedere che anche i nostri produttori sono interessati a rilanciarle. Complimenti allora ai ragazzi di MC77, perché non è certo uno stile commercialmente facile. Se volete assaggiare la Mild the gap, sappiate che sarà presentata venerdì 25 ottobre al Malto Misto di Roma.

epiroE concludiamo con una birra nata nello stabilimento del laziale Free Lions, ma che sarà venduta in esclusiva nei locali romani Barley Wine, Hop&Pork ed Epiro (quest’ultimo di prossima apertura). Si chiama A-Team (5,4% alc.) ed è una American Amber Wit la cui ricetta è stata ideata in collaborazione con Brooks Carretta, birraio italo-americano ampiamente apprezzato nell’ambiente. La birra è stata presentata martedì scorso al Barley Wine. Qualcuno di voi l’ha assaggiata?

Andrea Turco
Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È organizzatore della Italy Beer Week, fondatore della piattaforma Formazione Birra e tra i creatori del festival Fermentazioni. Nel tempo libero beve.

Ultimi articoli

Prossimi eventi: Beerfort, Birranova Beer Fest, Birragustando e Solbiate a tutta birra

Il mese di luglio prosegue con temperature elevate e...

Un consumo limitato di birra non fa male: un nuovo studio cinese ribalta le ultime certezze

Su Cronache di Birra non abbiamo mai evitato di...

Lo stato del mercato delle lattine: intervista a Cime Careddu

Come abbiamo avuto di scrivere in passato, le lattine...

Nuove birre da Birrone, Yblon, LA Brewery, Linfa + XO, LZO e Birra 100Venti

La panoramica di oggi sulle nuove birre italiane si...

Newsletter

Al bancone è la nostra newsletter quindicinale con notizie, iniziative ed eventi sulla birra artigianale.

Seguici

28,483FansMi piace
14,241FollowerSegui
6,355FollowerSegui
271IscrittiIscriviti

Ultimi annunci

Nuove birre da Birrone, Yblon, LA Brewery, Linfa + XO, LZO e Birra 100Venti

La panoramica di oggi sulle nuove birre italiane si apre con due novità di Birrone (sito web), con le quali il produttore veneto conferma...

Nuove birre da Porta Bruciata, Opperbacco, Alder, War, Mister B e Eastside

Le Davidsbündlertänze sono una raccolta di diciotto brani per pianoforte scritti dal compositore tedesco Robert Schumann nel 1837, di cui il penultimo si intitola "Come da...

Nuove birre da Crak, Bibibir, Birrificio della Granda, The Wall, Boia Brewing + Bajon e Bandiga

Se ieri avete seguito la sfida della nazionale azzurra contro la Croazia agli Europei di calcio, saprete che la partita si è tenuta a...

7 Commenti

      • eh infatti….è la dicitura complessiva che mi lascia un po perplesso, ma in senso curiosamente buono 😀 ( quanto meno perchè conosco e apprezzo la qualità delle birre di andrea)

          • invece secondo me è un’idea interessante, me la voglio fare pure io in casa, acidità del frumento contrastata con un po’ di caramello. tutto sta a farla bene ovviamente

          • Avendola provata, mi sentirei di dire che è più American Amber che Wheat, ma nel complesso molto ben fatta e più che gradevole

  1. “Birra chiara dai toni giallo carico. Al naso netto profumo di luppolo e aromi di lievito. In bocca è caratterizzata dal gusto di malto con corpo medio e un finale amaro”

    praticamente il 90% delle birre esistenti 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui