Cimec

Notizie

Fine della telenovela

Come riportato dall’agenzia Reuters, domenica sera l’americana Anheuser-Busch ha finalmente ceduto alle avances della InBev, accetando un’offerta di acquisizione per la modica cifra di 52 miliardi di dollari. Il gruppo derivante dalla transazione si chiamerà Anheuser-Busch InBev e sarà il più grande produttore di birra del pianeta (suo un quarto della produzione mondiale). Alla A-B saranno concessi due posti in …

Vai all'articolo »

Giudici per il GBBF cercansi

Proprio così! Leggo sul blog di Roger Protz che il CAMRA sta cercando con una certa fretta degli appassionati per ricoprire il ruolo di giudici al Great British Beer Festival del prossimo agosto, più precisamente per il concorso relativo alle birre rifermentate in bottiglia. La votazione si terrà lunedì 4 a mezzogiorno presso l’Earl Court di Londra, lo splendido spazio …

Vai all'articolo »

Quando un microbirrificio fa scandalo

E’ quanto apprendo da questa notizia riportata sul sito di Repubblica. Protagonista è il Bicu di Genova: trattasi di un brewpub piuttosto modaiolo, non molto conosciuto nel “giro”, ma che evidentemente ha trovato il modo di far parlare di sè. La strategia è stata di puntare su una comunicazione pubblicitaria alquanto irriverente; la città, infatti, è stata tappezzata di cartelloni …

Vai all'articolo »

Duvel acquista Liefmans

Lo scorso 24 giugno la Moortgat, birrificio proprietario del famoso marchio Duvel, ha annunciato l’acquisizione di un altro brand storico nel panorama brassicolo belga: Liefmans. E’ un produttore che non amo particolarmente, eccezion fatta per la sua splendida Odnar, una sour ale spettacolare. Da alcune settimane si vociferava di questa svolta, dovuta anche alla crisi finanziaria subita da Liefmans, che …

Vai all'articolo »

Un nuovo bicchiere per la Gouden Carolus

Leggo su Belgian Beer Board (da cui riporto anche la foto qui sotto) che la belga Het Anker ha lanciato sul mercato un nuovo bicchiere per la sua famosa linea Gouden Carolus. Rispetto al calice tradizionale, questo appare più alto e, di conseguenza, più capiente – i 25 cl del precedente sono ora diventati 33 cl. I dettagli estetici sono …

Vai all'articolo »

Sulle mire espansionistiche della InBev

La InBev, il più grande colosso birrario del mondo, sta cercando di espandere il proprio dominio sul mercato globale della birra: è di qualche giorno fa la notizia che avrebbe in progetto l’acquisizione della multinazionale americana Anheuser-Busch. Ho preferito non occuparmene subito, primo perché stiamo parlando di mass market, secondo perché volevo attendere che emergessero diverse opinioni anche su fonti …

Vai all'articolo »

La Great Divide cambia etichette

Notizia veloce veloce tratta da beernews.org: l’americana Great Divide ha ufficialmente deciso di cambiare il look delle proprie etichette. Sulla destra potete vedere, ad esempio, come si presenterà d’ora in poi la Yeti Imperial Stout in versione Oak Aged, qui invece è riportata una carrellata delle vecchie etichette. La scelta personalmente mi ha lasciato un po’ perplesso: sia chiaro, il …

Vai all'articolo »

La migliore azienda in cui lavorare? Un birrificio

Molti aspiranti birrai non avranno problemi a concordare con il titolo di questo post, tuttavia in questo caso non stiamo parlando di sogni ed aspirazioni personali, bensì di una specifica classifica stilata da Outside Magazine, una delle riviste stampate leader in America. Qualche tempo fa Outside Magazine ha redatto la lista delle migliori aziende in cui lavorare negli Stati Uniti, …

Vai all'articolo »

La rivoluzione delle lattine

Qualche settimana fa Mike Murphy, vecchia conoscenza della scena italiana, ha annunciato sul proprio blog la messa in commercio delle prime lattine di Ølfabrikken, che tra l’altro ci portò in anteprima nella sua ultima visita romana. La scelta può lasciare perplessi, poiché solitamente questa tipologia di contenitore non solo è ignorata dai produttori artigianali, ma viene addirittura considerata come elemento …

Vai all'articolo »

I 50 migliori birrifici USA secondo la Brewers Association

Come ogni anno, la Brewers Association (associazione di categoria statunitense) ha pubblicato la lista dei 50 migliori birrifici artigianali americani. L’elenco si basa sulle statistiche di vendita nell’arco dell’anno appena passato. Ventuno sono gli stati americani rappresentati, con la California in pole-position grazie a ben 8 produttori. Come dichiarato da Paul Gatza, direttore della Brewers Association: La stragrande maggioranza dei …

Vai all'articolo »