Cimec
Home » Eventi » Settimana della Birra Artigianale 2020: apertura delle adesioni e altre notizie

Settimana della Birra Artigianale 2020: apertura delle adesioni e altre notizie

Dopo nove edizioni dovreste ormai conoscere a memoria la Settimana della Birra Artigianale, la grande celebrazione della nostra bevanda che Cronache di Birra organizza dall’ormai lontano 2011. La manifestazione tornerà in tutta Italia da lunedì 2 a domenica 8 marzo e come sempre sarà accompagnata dalla consueta moltitudine di iniziative a tema. I protagonisti saranno infatti centinaia di soggetti che quotidianamente lavorano con la nostra amata bevanda: non solo birrifici, pub e beershop, ma anche ristoranti, pizzerie, associazioni, enoteche e bistrot che strizzano l’occhio alla birra artigianale. Facile (ma mai banale) immaginare che il risultato di un simile coinvolgimento saranno sette giorni di straordinario fermento, durante i quali si susseguiranno tantissimi eventi e promozioni da Nord a Sud. Da sempre l’obiettivo della Settimana della Birra Artigianale è di supportare l’ambiente con un’iniziativa organica, capace di promuovere il settore nei confronti del grande pubblico.

La scorsa settimana abbiamo ufficialmente aperto le adesioni, perciò è ora possibile iscriversi gratuitamente alla Settimana della Birra Artigianale 2020. Per unirsi agli oltre 120 aderenti già presenti basta compilare il modulo presente sul sito ufficiale o più facilmente confermare la propria partecipazione nel caso sia già avvenuta in una delle precedenti edizioni. Esistono solo due regole da rispettare: proporre almeno un evento o una promozione nei sette giorni in questione e incentrarli ovviamente sui prodotti dei microbirrifici italiani e stranieri. Ogni richiesta di partecipazione è ovviamente passata al vaglio dell’organizzazione, che si riserva di respingere eventualmente le adesioni o le iniziative che non rispettano le definizioni di birra artigianale, almeno per quei prodotti per cui è possibile risalire a una definizione in merito. Quindi niente prodotti crafty, birrifici controllati dall’industria o altri casi del genere.

Inutile ricordare che l’adesione alla Settimana della Birra Artigianale è totalmente gratuita e non sono richieste spese di partecipazione, a meno di non voler comparire come sponsor e usufruire di alcuni vantaggi in termini di visibilità e occasioni di business. La gratuità della manifestazione è uno dei suoi punti di forza e ha permesso nel tempo di raggiungere numeri notevoli: lo scorso anno ad esempio abbiamo raggiunto un totale di 546 aderenti, 347 eventi e 250 promozioni. Se ciò che vi frena è la mancanza di fantasia, ecco alcuni esempi di iniziative che potranno essere proposte dal 2 all’8 marzo:

  • Serate di degustazione
  • Incontri con i birrai
  • Cene con abbinamenti
  • Assaggi di bottiglie vintage
  • Presentazioni di nuove birre
  • Cotte pubbliche
  • Lancio di edizioni limitate
  • Degustazioni libere
  • Eventi musica + birra
  • Quiz birrari
  • Sconti sulle quote associative
  • Bottiglie in promozione
  • Incontri didattici
  • Mini-corsi di degustazione
  • Concorsi di homebrewing
  • Aperitivi birrari
  • Visite agli impianti produttivi
  • Anteprime di nuovi birrifici

Insomma, i limiti sono solo quelli imposti dalla vostra creatività e non è necessario inventarsi chissà cosa per partecipare alla Settimana della Birra Artigianale.

Per il resto il format della manifestazione resterà tendenzialmente immutato, ma con qualche novità. Sarà confermato l’ormai imperdibile appuntamento con il Ballo delle Debuttanti, l’evento incentrato sulle birre inedite dei birrifici italiani. Anche quest’anno si terrà contestualmente alla Festa delle Birre Artigianali di Eataly Roma nel weekend precedente alla Settimana della Birra Artigianale, proponendosi come antipasto al terremoto birrario dei successivi sette giorni. Lo scorso anno le “debuttanti” furono addirittura 15: per l’edizione 2020 speriamo quantomeno di replicare quelle cifre così da permettere a tanti curiosi e appassionati di assaggiare novità in anteprima. Appuntamento dunque da Eataly da venerdì 28 febbraio a domenica 1 marzo.

Le novità riguarderanno invece la parte digital, perché stiamo lavorando al nuovo sito della Settimana della Birra Artigianale. L’obiettivo non è soltanto di esaltare i contenuti della manifestazione, ma anche di rendere la navigazione più agevole su telefonini e device mobili. Gli altri canali non subiranno particolari modifiche, quindi per restare aggiornati in tempo reale vi consiglio di seguire gli account Facebook, Instagram e Twitter della manifestazione. Per il momento direi che possiamo fermarci qui, come sempre la carne al fuoco è tanta così come il lavoro che stiamo portando avanti. La più estesa iniziativa a tema birra artigianale sta per tornare in tutta Italia e già non vedo l’ora di essere investito dalla sua magica atmosfera. Atmosfera di cui potete farvi un’idea guardando di seguito il video ufficiale della Settimana della Birra Artigianale. Ci risentiamo presto!

 

L'autore: Andrea Turco

Andrea Turco
Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Buon St. Patrick’s Day! Festeggiamolo in maniera alternativa…

Oggi è martedì 17 marzo, una data come un’altra in questa lunga successione di giorni …

Prossimi eventi: Settimana della Birra Artigianale, Ballo delle Debuttanti e altri

La panoramica di oggi sui prossimi appuntamenti birrari si concentra sul periodo a cavallo tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *